Under 23: in cinque su sei superano il turno dei recuperi


ROTTERDAM, 22 agosto 2016 - Tre barche vittoriose e in finale, due in semifinale e una sola eliminata. E’ questo il bilancio dell’Italia in avvio della seconda giornata dei Mondiali di Rotterdam, riservata esclusivamente ai recuperi della categoria Under 23. Complessivamente dunque sono ben 17 su 18 gli equipaggi italiani impegnati sul Willem-Alexander Baan nei Mondiali Under 23 ad aver passato il primo turno di qualificazioni. La prima barca a scendere in acqua è una delle tre che primeggia e va in finale: si tratta del due senza di Alberto Dini e Dario Favilli (SC Firenze), che vince con autorevolezza il ripescaggio sul Sudafrica, che passa a sua volta, e su Germania, Gran Bretagna e Grecia, che vengono eliminate. Il due senza azzurro parte forte, cede il passo nella prima frazione all’armo sudafricano ma dopo i 500 metri si prende la testa della corsa e non la lascia più, finendo in crescendo e agguantando una meritata finale. Sempre nella specialità del due senza, ma a livello femminile, dominano il recupero anche Ludovica Serafini e Carmela Pappalardo (CC Aniene), che centrano la finale, insieme alla Norvegia seconda, su Cile, Cina e Croazia. Il due senza rosa Under 23 battaglia con le cilene nella prima frazione ma una volta insediatosi al primo posto, prima dei 500 metri, non abbandona più la posizione, cavalcando verso una finale conquistata con oltre otto secondi sulla Norvegia e ben 11 sul Cile primo escluso.

Sempre dalle donne arriva il terzo equipaggio che vince e va in finale, il quattro di coppia di Kiri Edwina English-Hawke (CUS Torino), Valentina Iseppi (SC D’Annunzio), Stefania Gobbi (SC Padova) e Chiara Ondoli (SC De Bastiani). Seconde in una tiratissima prima parte di gara, dove i primi quattro equipaggi sono chiusi in appena tre secondi e mezzo, le quattro azzurre nella prima frazione passano in testa a danno delle rumene, e nel serrate conclusivo continuano a guadagnare prendendosi la finale assieme alla Romania seconda e lasciando fuori Nuova Zelanda, Ucraina e Stati Uniti.
Con il secondo posto nel proprio recupero del singolo Pesi Leggeri accede alle semifinali Federica Pala (CLT Terni). Prima dallo start fino quasi ai 1500 metri, la singolista leggera azzurra viene passata dagli Stati Uniti ma il vantaggio accumulato sulla Norvegia nella buona prima parte di gara è bastevole per restare salda al secondo posto, piazzamento utile che vale per Pala il passaggio al turno successivo, mentre l’alfiera norvegese resta fuori con Moldavia, Svizzera e Uganda.

Al cardiopalmo il terzo posto nel ripescaggio, che vale il passaggio in semifinale, dell’Italia di Federico Garibaldi (SC Elpis), Alessandro Laino (Marina Militare), Luca Lovisolo (RCC Cerea) e Davide Gerosa (SC Lario) nel quattro senza. Una terza piazza guadagnata con una caparbia quanto sudata rimonta quello del quattro senza azzurro, che abbandona la quarta posizione poco dopo i 1000 metri risucchiando la Serbia e mettendosi alle calcagna della Repubblica Ceca, seconda a meno di un secondo mentre conduce la Croazia. La chiusura azzurra è la migliore in questo recupero, vinto dalla Croazia e con i cechi che sul traguardo passano prima del quattro senza italiano per un niente, tre miseri centesimi. I quattro decimi sulla Serbia però sono abbastanza per garantire all’Italia il terzo posto e una corsia nelle semifinali. Unico a non riuscire nella qualifica è il doppio femminile. Maddalena Ardissino (Idroscalo Club) e Silvia Terrazzi (SC Arno) devono giungere tra le prime tre per guadagnare il diritto alle semifinali e non terminare la propria corsa in finale C. Il doppio rosa Under 23 inizia al quarto posto il ripescaggio ma nonostante la buona condotta di gara non riesce a rientrare sulle battistrada Ungheria, Canada e Norvegia, confermando la quarta piazza e diventando il primo equipaggio degli esclusi, seguito da Slovenia e Russia.

Archiviati i recuperi, le specialità Under 23 torneranno in gara ai Mondiali di Rotterdam domani mattina, quando si terranno i quarti di finale laddove previsti, mentre al pomeriggio si svolgeranno le prime semifinali.

   

Prossime Regate

  • SANREMO - 26/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata su 6km. ANNULLATA
  • CANDIA CANAVESE - 26/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida d'Aloja ANNULLATA E VIENE RECUPERATA il 27/09/2020
  • NARO - 26/09/2020
    Regata Regionale Valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • BELGRADO - 26-27/09/2020
    European Rowing Junior Championships
  • SAN GIORGIO DI NOGARO - 26-27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja
  • SANREMO - 27/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata Beach sprint su 500 mt. ANNULLATA
  • CHIUSI - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja (Campionato Toscano)
  • CANDIA CANAVESE - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • GAVIRATE - 27/09/2020
    Regata Regionale chiusa Valida Montù
  • SORRADILE - 27/09/2020
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja ANNULLATA
  • NARO - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja (Campionato siciliano) ANNULLATA RINVIATA A 10/10 C/O PARTINICO-POMA
  • NAPOLI - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.