Enrico Flego campione europeo


TRIESTE, 12 luglio 2016 - Il triestino Enrico Flego, si è laureato domenica pomeriggio a Trakai (Lituania), campione europeo nella specialità del 4 senza juniores. L'Italremo under 18, conquistava al Campionato Continentale in terra lituana tre medaglie d'oro e 3 di bronzo, piazzandosi seconda nel medagliere alle spalle della Germania e davanti l'Olanda. Tre i triestini in gara a Trakai nell'evento che rappresentava un banco di prova in vista dei mondiali di fine agosto a Rotterdam (Olanda): Enrico Flego, Tiziano Prelazzi e Beatrice Millo del Saturnia. Un Europeo di ottimo livello, con una partecipazione qualificata e numerosa da parte di nazioni per tradizione protagoniste del panorama remiero, come Germania, Italia ed Olanda, ma anche diverse interessanti new entry, ad iniziare da un'interessante Turchia, giunta anche a podio. Partiva con il piede giusto il 4 senza di Flego, assieme a Londi, Balboni e Sandrelli, che dominava la batteria di sabato mattina, vincendo d'autorità e qualificando la barca per la finale di domenica pomeriggio. Campo di gara in buone condizioni nonostante il vento che però soffiava uniforme su tutte e sei le corsie. Partenza velocissima di Austria ed Italia che prendevano un leggero vantaggio sugli avversari nella prima frazione di gara, con Romania e Germania che cercavano di non farsi staccare, e passaggio ai primi 500 con in successione Austria ed Italia separate da 31 centesimi. Gli azzurrini si distendevano sul passo e si scrollavano di dosso gli austriaci che rimanevano però sempre a contatto, mente salivano dalle retrovie Germania e Romania. Alto il numero di colpi di Flego & C. che transitavano in prima posizione ai 1000 metri grazie anche al miglior intertempo delle sei barche finaliste. Prendeva saldamente il comando quindi il 4 senza italiano con la Romania che saliva pericolosa seguita dalla Germania. Serrate deciso degli azzurrini negli ultimi 500 metri che con grande autorità andavano alla conquista del titolo europeo, alle loro spalle in successione, a 1”29 la Romania ed a 1”90 l'Austria.
Si piazzava al 4° posto in finale l'otto maschile con a capovoga Tiziano Prelazzi, che dopo il terzo posto in batteria e la vittoria nel recupero, ambiva ad un risultato di prestigio nella finale, al cospetto delle migliori ammiraglie europee. Partiva veloce l'otto azzurro cercando di non farsi staccare dalla Germania, Olanda e Romania, in una lotta senza esclusione di colpi per il podio. Saliva anche la Danimarca ai 700 metri con l'Italia che perdeva terreno, pur continuando a combattere. Germania passava per prima sul traguardo, seguita dall'Olanda e Italia e Romania che si giocavano il bronzo, all'arrivo a favore di pochissimo dei rumeni.
5° posto per Beatrice Millo, prodiere dell'otto azzurro. Partenza in salita per l'ammiraglia femminile, che dopo il terzo posto in batteria dietro Bielorussia e Repubblica Ceca, ed il secondo in recupero dietro la Romania, accedeva alla finale. Bielorussia, Germania, Romania ed Italia il passaggio ai 500 metri, con le azzurre che a metà gara perdono una posizione con la Repubblica Ceca che opera il sorpasso. Dai 1000 in poi una finale a due facce con Germania, Bielorussia e Romania che lottano per il podio, e Repubblica Ceca, Italia e rancia che tentano l'inseguimento per agguantare il podio. Sul traguardo, 5° posizione per le azzurre a 51 centesimi dalla quarta posizione.



Maurizio Ustolin
Ufficio Stampa FIC FVG
  


 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.