#FdG2016: Artico e Vanti: la Canottieri Lazio al Festival dei Giovani


SABAUDIA, 10 luglio 2016 - Da ormai cinque anni la Canottieri Lazio ha iniziato un serio e costante lavoro sul settore giovanile grazie al grande lavoro portato avanti da Carlo Artico, Direttore Tecnico, e da Luigi Vanti, responsabile dell'agonistica. I risultati ad oggi sono tangibili dal momento che il gruppo del circolo romano ha conosciuto un'importante crescita in termini numerici. Oggi il gruppo giovanile della società biancoceleste è presente in gran numero al Festival dei Giovani: "Abbiamo costituito una bella squadra di atleti al primo anno Ragazzi e molti di loro hanno anche già affrontato la loro prima esperienza a livello nazionale" ci spiega Carlo Artico "Inoltre abbiamo anche ottimi atleti che lavorano con noi da qualche anno. L'obiettivo è lavorare per arrivare a costruire una buona squadra che possa competere ad ogni livello. Il lavoro che facciamo noi quindi è in prospettiva. Da parte nostra lavoriamo molto sul coinvolgimento di nuove forze per questo ci spendiamo molto sul territorio e nelle scuole. Fortunatamente io e Luigi (Vanti ndr) abbiamo maturato un ottimo rapporto di collaborazione e siamo in grande sintonia. Per quello che riguarda l'esperienza qui al festival, noi siamo contenti quando sappiamo che i ragazzi si divertono. Quest'occasione deve essere infatti vissuta per quello che è, ossia una festa. Una vittoria è sicuramente qualcosa di piacevole, soprattutto per il giovane atleta, ma non deve diventare qualcosa di esasperante".

Luigi Vanti invece apre un discorso relativo alla funzione dello sport nell'età giovanile: "Per quanto mi riguarda io parto da un concetto molto presuntuoso nel senso che mi piace pensare di essere prima un educatore e poi un allenatore. In questo senso il canottaggio diventa un mezzo attraverso il quale aiutiamo le famiglie a far crescere i ragazzi perchè in qualche modo può essere considerato uno specchio di quello che la vita riserverà loro: le sfide, il confronto con gli altri, lo spirito di cooperazione e di sacificio necessario per arrivare ai risultati. Si può dire che è uno sport sicero perchè restituisce quello che dai e maggiore sarà l'impegno, maggiori i risultati, questo soprattutto nella sfida più importante, ossia quella con se stessi. Quello che conta infatti è lavorare con costanza e nel rispetto dei limiti imposti da età e fisico, per arrivare ogni volta oltre i propri limiti".


      

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.