Buon avvio dell’Italia all’Europeo junior di Trakai


TRAKAI, 09 luglio 2016 - In una giornata uggiosa, contraddistinta da bassa temperatura – confrontando quelle registrate a Sabaudia dove si sta svolgendo il Festival dei Giovani – e pioggerella a intermittenza che infastidiva più gli spettatori e gli addetti ai lavori che non gli atleti in gara, l’Italia dei giovani azzurrini ha fatto un deciso passo in avanti verso le finali di domani che assegnano i titoli continentali di categoria. A centrare subito la finale sono state tre specialità: il quattro con, e il quattro senza maschile e il due senza femminile. Ad accedere subito alla semifinale di domani, invece, altre quattro barche: il quattro di coppia maschile, il singolo, il quattro di coppia e il doppio femminile. Ai recuperi del pomeriggio, le due ammiraglie, maschile e femminile, e il doppio maschile. Ad aprire la serie di barche finaliste il due senza femminile della SC Lario, formato da Caterina Di Fonzo e Aisha Rocek, che dopo una partenza in sordina, nella seconda parte di gara ha aumentato il ritmo ed ha imposto il suo ritmo alle avversarie.

Solo la prima barca accedeva alla finale e le due lariane non se la sono fatta sfuggire tagliando il traguardo per prima davanti alla Francia e facendo registrare anche il secondo miglior tempo di qualifica. Di lì a poco anche il quattro con di Danilo Amalfitano (RYCC Savoia), Nunzio Di Colandrea (Ilva Bagnoli), Antonio Cascone (CN Stabia), Andrea Benetti (Marina Militare) e Francesco Tassia (CRV Italia) al timone non ha lasciato spazi di manovra agli avversari. Anche in questa specialità era necessario vincere per accedere alla finale e l’Italia sempre in testa ha vinto col miglior tempo davanti alla Francia che, per metà gara, ha cercato di sopravanzare gli azzurri senza riuscirci.

La terza barca azzurra ad agguantare l’accesso in finale è stata il quattro senza maschile, formato da Enrico Flego (CC Saturnia), Lapo Londi (SC Limite), Giovanni Balboni (Cus Ferrara) e Matteo Sandrelli (CC Aniene), che ha coperto i duemila metri sempre in testa tenendosi alle spalle l’Ucraina che, volendo lasciare fuori dalla portata dei posti disponibili al passaggio del turno la Francia, ha attaccato l’Italia nell’ultima frazione. L’Italia ha reagito ed ha vinto l’eliminatoria agevolmente. In semifinale, invece, il doppio femminile, delle cremonesi Alice Rossi (AC Flora) e Alessandra Montesano (SC Eridanea) autrici di una bella gara che le ha viste sempre in attacco. Sul finale, mentre la Danimarca si avviava a vincere, le due azzurre nella certezza del passaggio non si sono risparmiate ed hanno attaccato per tentare di vincere la batteria. Il traguardo ha posto fine alla gara che, in ogni modo, ha decretato per le azzurre il passaggio del turno.

In semifinale anche il quattro di coppia femminile, di Sara Monte (Pro Monopoli), Giorgia Pelacchi (SC Lario), Clara Guerra (Pro Monopoli) e Nicoletta Bartalesi (SC Varese), che dopo aver condotto la gara nella primissima parte si sono piazzate a ridosso della Repubblica Ceca cercando sempre, e fino al traguardo, di superare le avversarie. Una bella condotta di gara che, in ogni modo, ha evidenziato la volontà di essere una formazione da temere per le fasi successive.

Semifinale conquistata anche per Jacopo Frigerio (SC Lario), Leonardo Radice Karoschitz (RCC Cerea), Emanuele Giarri (SC Arno), Lorenzo Gaione (SC Elpis) che nel quattro di coppia maschile hanno mostrato buona autorevolezza e assieme mantenendosi per tutta la gara in seconda posizione e concludendo in rimonta a soli 76 centesimi dalla Repubblica Ceca, che si è aggiudicata la batteria. L’ultima barca che ha raggiunto la semifinale nella batterie di questa mattina è stato il singolo di Giovanna Schettino (CC Aniene) che ha fatto il ritmo per tutto il percorso tenendo a bada le avversarie, mentre sul finale non ha reagito all’attacco del Belgio che l’ha superata nelle ultime palate. L’Italia visibilmente tranquilla ha chiuso in seconda posizione ma con in mano la semifinale di domani.

Ai recuperi, invece, il doppio maschile di Andrea Panizza (SC Elpis) e Marcello Caldonazzo (SC Baldesio), terzo per pochissimo dietro a Germania e Danimarca, e le due ammiraglie, maschile di Elias Pescialli (US Bellagina), Giorgio Gesmundo (SC Elpis), Federico Dini (SC Firenze), Jacopo Bertone (Canottieri Gavirate), Luca Corazza (AC Monate), Edoardo Lanzavecchia (SC Armida), Matteo Della Valle (SC Elpis), Tiziano Prelazzi (CC Saturnia), Francesco Tassia-timoniere (CRV Italia) e femminile di Beatrice Millo (CC Saturnia), Sarah Caverni (SC Limite), Claudia Cabula (SC Moltrasio), Benedetta Faravelli (SC Esperia), Ludovica Braglia (SC Moltrasio), Elisa Mondelli (SC Moltrasio), Laura Meriano (SC Garda Salò), Lara Maule (Fiamme Gialle) Camilla Mariani-timoniere (SC Lario), che oggi pomeriggio proveranno nuovamente a conquistare il pass per il passaggio del turno.
 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.