Europei di Brandeburgo. Uno sguardo ai protagonisti


ROMA, 04 maggio 2016 - A Brandeburgo, in Germania, tutto è pronto per i Campionati Europei Senior e Pesi Leggeri. La manifestazione, che assegnerà i titoli continentali 2016, non vedrà l’Italia tra i suoi protagonisti – metà squadra olimpica sta preparando la Regata di Qualificazione di Lucerna in programma tra circa due settimane, l’altra metà è al lavoro per la prova di Coppa del Mondo di Poznan (Polonia) dal 17 al 19 giugno con ancora il quattro di coppia non in perfetta sintonia per il persistere di problemi di salute patiti ancora da Luca Rambaldi (Fiamme Gialle) – ma rappresenta sicuramente un buon termometro per misurare lo stato di forma degli equipaggi europei che, come gli azzurri, stanno lavorando in chiave olimpica. L’Europeo di Brandeburgo vedrà in azione oltre 500 atleti in rappresentanza di 34 Nazioni. Vediamo il dettaglio delle competizioni specialità per specialità.

Due senza Senior femminile
Imbattute nel quadriennio e titolari della miglior prestazione al Mondo, le britanniche Helen Glover e Heather Stanning saranno l’armo da battere ed esordiranno in campo internazionale, nel 2016, proprio a Brandeburgo. Da tenere d’occhio anche la Danimarca di Hedvig Rasmussen e Anne Anderse, quarte ai Mondiali di Aiguebelette e anch’esse al debutto internazionale in stagione. La rumena Laura Oprea, dopo aver qualificato la barca lo scorso anno in Francia testerà la nuova formazione con Madalina Beres, in un evento che l’ha già vista salire sul podio due volte. Attenzione anche alla Germania di Kerstin Hartmann e Kathrin Marchand, quarte a Varese, e alla Russia, ancora in cerca del pass per Rio de Janeiro.
 
Due senza Senior maschile
Assente la Nuova Zelanda che domina la specialità da anni, occhi su Gran Bretagna e Serbia, ovvero l’argento e il bronzo dei Mondiali di Aiguebelette. Britannici da osservare particolarmente in quanto la formazione è diversa non solo rispetto alla rassegna iridata 2015, ma anche rispetto a quella che a Varese in Coppa del Mondo ha conquistato l’oro. A Brandeburgo, l’armo sarà composto da Alan Sinclair e Stewart Innes, mentre la Serbia si affida come sempre a Milos Vasic e Nenad Bedik, reduci però dal deludente settimo posto di Varese. Attenzione all’Olanda di Roel Braas e Mitchel Steenman, quarti ad Aiguebelette e argento a Varese. Debutto stagionale per i due volte medagliati olimpici francesi Germain Chardin e Dorian Mortelette, argento in due senza a Londra 2012 e bronzo a Pechino 2008 in quattro senza e che lo scorso anno hanno qualificato il due senza della Francia grazie all’ottavo posto ottenuto nel Mondiale casalingo. Da seguire anche la Russia, in cerca del pass a Lucerna, e la Spagna già qualificata, entrambe in finale a Varese.
 
Doppio Senior femminile
Grecia e Germania, argento e bronzo ad Aiguebelette, rispondono presente all’appello degli Europei. Formazioni tipo per entrambi gli equipaggi: Aikaterini Nikolaidou e Sofia Asoumanaki per la Grecia e Julia Lier e Mareike Adams per la Germania. Presenti anche le lituane Donata Vistartaite e Milda Valciukaite, campionesse mondiali ed europee nel 2013, che lo scorso anno sono giunte quinte ai Mondiali e negli ultimi anni spesso sono salite sul podio. La Polonia di Magdalena Fularczyk e Natalia Madaj, tuttavia, sembra essere la nazione da battere. Quarte ad Aiguebelette e argento iridato nel 2014, a Varese hanno conquistato la medaglia d’oro. Fularczyk è campionessa mondiale 2009 della specialità e bronzo olimpico a Londra 2012.

Doppio Senior maschile
Tutti i riflettori puntati sui fratelli Sinkovic, Martin e Valent, nel doppio. Campioni del Mondo da due anni consecutivi e titolari della miglior prestazione di sempre, i due fratelli croati sono uno spot della sincronia quando si parla di canottaggio, come dimostrato anche nella recente vittoria di Varese in Coppa del Mondo. Nella loro scia presenti i vicecampioni mondiali 2013 e 2015 della Lituania, Rolandas Mascinskas e Saulius Ritter, così come sono da tenere sotto osservazione i tedeschi Marcel Hacker e Stephan Krueger. Presente anche la Francia di Hugo Boucheron e Matthieu Androdias, finalisti agli ultimi Mondiali, e la Gran Bretagna di John Collins e Jonathan Walton, ottavi ad Aiguebelette. Occhio anche ai norvegesi Kjetl Borch e Olaf Tufte, quest’ultimo oro olimpico per ben due volte nel singolo. Il duo norvegese ha chiuso al quarto posto la tappa varesina di Coppa del Mondo. 

Quattro senza
Assente l’Italia campione mondiale in carica, i fari sono puntati sulla Gran Bretagna bronzo iridato 2015 ma presente a questi Europei con un equipaggio rinnovato. Al servizio di Sua Maestà troviamo Alex Gregory, Mohamed Sbihi, George Nash e Constantine Louloudis, ovvero metà dell’otto inglese campione del Mondo ad Aiguebelette. Germania e Olanda, finalisti ai Mondiali francesi, sono presenti a Brandeburgo senza cambi di formazione, con gli olandesi da seguire dopo il bronzo conquistato poche settimane fa a Varese dietro gli Stati Uniti e i nostri Vicino, Lodo, Castaldo e Di Costanzo. Un po’ a sorpresa vedremo in gara tra i “pesanti” il quattro senza Pesi Leggeri della Danimarca, mentre Francia, Repubblica Ceca e Spagna cercano conferme in vista della regata di Qualificazione Olimpica di Lucerna.

Singolo femminile
Cinque singoliste sulle 13 presenti a Brandeburgo hanno già in tasca il biglietto aereo per il Brasile. Mirka Knapkova della Repubblica Ceca, campionessa olimpica in carica e vicecampionessa del Mondo, sembra l’atleta da battere. Attenzione alla svizzera Jeannine Gmelin, qualificatasi per Rio grazie al quinto posto di Aiguebelette e quarta a Varese in Coppa, dove il bronzo è finite al collo dell’irlandese Sanita Puspure, che a Lucerna sarà certamente tra le favorite per uno dei tre posti in palio per i Giochi.

Singolo maschile
Quattro su 15 I singolisti in gara agli Europei che sono già tra i protagonisti di Rio 2016. Su tutti spicca il ceco Ondrej Synek, che da tre anni di fila domina la specialità ai Campionati del Mondo ed ha conquistato, tra l’altro, anche gli ori continentali del 2013 e del 2014. Il lituano Mindaugas Griskonis, bronzo iridato in carica e campione d’Europa 2011 e 2012 gareggerà per le medaglie, così come il croato Damir Martin, oro a Varese. La Gran Bretagna si affida al bronzo olimpico 2012 Alan Campbell, mentre il Belgio è sulle spalle di Hannes Obreno, bronzo a Varese. Da seguire anche Robert Ven, quarto per la Finlandia in Coppa del Mondo.

Doppio Pesi Leggeri femminile
Circa la metà delle imbarcazioni presenti a Brandeburgo sono già qualificate per l’Olimpiade. Tra  queste le vicecampionesse del Mondo inglesi Charlotte Taylor e Katherine Copeland, così come le danesi Anne Lolk Thomsen e Juliane Rasmussen e le tedesche Fini Sturm e Marie-Louise Draeger, equipaggi entrambi in finale ad Aiguebelette. La britannica Copeland è campionessa olimpica in carica della specialità, mentre il duo danese a Londra concluse ai piedi del podio. Tra le tedesche, Draeger conquistò la finale a Pechino 2008. Agli Europei da seguire anche l’Irlanda di Claire Lambe e Sinead Jennings e la Polonia di Joanna Dorociak e Weronika Deresz.

Doppio Pesi Leggeri maschile
Sono assenti Francia campione e Gran Bretagna vicecampione del Mondo, e così la Norvegia sembra l’armo più accreditato per la conquista del titolo. Debutto stagionale per Kristoffer Brun e Are Strandli, iridati 2013 e bronzo mondiale 2015. La Germania schiera Moritz Moos e Jason Osborne, sesti ad Aiguebelette e atleti di punta del settore leggero Tedesco: ai trials locali, Moos ha chiuso proprio davanti a Osborne. Attenzione all’Irlanda, dopo che Gary e Paul O’Donovan hanno conquistato l’argento poche settimane fa a Varese. Il duo irish ha già qualificato la barca per Rio grazie all’undicesimo posto colto agli ultimi Mondiali. Facile che la medaglia vinta in Coppa del Mondo possa essere per loro una spinta decisiva verso un grande risultato a Brandeburgo, dove tra gli avversari troveranno anche il bronzo di Varese, il Belgio di Tim Brys e Niels Van Zandweghe. Presenti anche Olanda, Spagna e Danimarca finalisti in Coppa del Mondo. Questi equipaggi sono ancora a caccia del pass a cinque cerchi.

Quattro senza Pesi Leggeri
La Svizzera campione mondiale ed europeo in carica, già oro a Varese, sarà in gara a Brandeburgo a difendere il titolo. La Danimarca, campione del Mondo 2013 e 2014 e vice in carica, sarà spettatrice interessata dal vivo ma senza confronto, in quanto ha scelto di gareggiare tra i Senior. A contendere il titolo continentale agli svizzeri saranno dunque Olanda, Germania e Repubblica Ceca, tutte e tre nazioni finaliste a Varese, con i tedeschi che ancora devono qualificarsi per i Giochi.

Quattro di coppia Senior femminile
Tre le Nazioni presenti già qualificatesi per Rio al Mondiale francese: Germania argento, Olanda bronzo e Polonia quarta. In Coppa del Mondo, la Polonia ha battuto l’Olanda, con l’Ucraina bronzo e la Gran Bretagna quarta, dunque a Brandeburgo sarà battaglia. In particolare ucraine e inglesi devono ancora qualificarsi per Rio, e useranno l’Europeo come tappa di preparazione verso Lucerna.

Quattro di coppia Senior maschile
La Germania campione olimpica e mondiale della specialità si presenta all’Europeo in casa con un cambio a capovoga rispetto ad Aiguebelette: Tim Grohmann sostituisce Hans Gruhne. L’equipaggio è al debutto nel 2016. La Russia, che a Lucerna cercherà il pass olimpico, è da tenere d’occhio dopo l’oro conquistato in Coppa del Mondo, così come la Polonia bronzo a Varese e già qualificata grazie al settimo posto degli ultimi Mondiali. L’Estonia bronzo iridato in carica arriva all’Europeo dopo il quarto posto di Varese, mentre ci sarà anche la Gran Bretagna, quarta ai Mondiali, ma con un cambio: Angus Groom sale in barca al posto di Charles Cousins.

Otto femminile
Degli otto che si sono già qualificati per Rio grazie al piazzamento di Aiguebelette, saranno in gara per le medaglie Gran Bretagna e Russia.  Attenzione all’Olanda che si deve qualificare ma che a Varese ha chiuso davanti alle russe. In gara anche la Germania padrone di casa, dopo il quarto posto ottenuto nella Coppa del Mondo varesina.

Otto maschile
Presenti a Brandeburgo ben quattro delle cinque ammiraglie già qualificatesi per Rio ai Mondiali di Aiguebelette. Su tutte spiccano la Gran Bretagna campione del Mondo e la Germania medaglia d’argento. A insidiare il predominio inglese e tedesco ci sono l’Olanda terza lo scorso anno e la Russia, che ad Aiguebelette fu quinta davanti ai nostri azzurri. L’Olanda arriva all’Europeo forte dell’oro vinto a Varese. In gara anche Repubblica Ceca, Spagna, Polonia e Ucraina, tutte in preparazione per l’assalto ai due pass a cinque cerchi in palio tra pochi giorni a Lucerna, dove in gara sarà presente anche l’Italia.

Prossime Regate

  • BRISBANE - 12-19/10/2019
    INAS Global Games
    RISULTATI e START LIST
  • SANREMO - 19/10/2019
    Campionato del Mediterraneo Coastal Rowing - Tappa di Sanremo
    Regolamento EuroMed2019
    Classifica EuroMed dopo 10 tappe
    Campionato Mediterraneo Planimetria
    Partenze regata Riviera dei Fiori
    Partenze regata "Via le Mani"
  • BARDOLINO - 19/10/2019
    Regata Internazionale Esagonale Giovanile
    PROGRAMMA GARE
  • ROMA - 19-20/10/2019
    Campionato Italiano Sprint
  • TORINO - 19-20/10/2019
    Regata Nazionale Promozionale Para Rowing - Trofeo "Rowing for Tokyo 2020"
  • EUPILIO - 19-20/10/2019
    T.E.R.A.
    PROGRAMMA Domenica
    RISULTATI FINALI Sabato
    PROGRAMMA FINALI
  • NARO - 20/10/2019
    Campionato Regionale di Fondo
  • BOSA - 20/10/2019
    Regata Regionale Sprint Trofeo Laria SLITTATA DAL 13/10 AL 20/10
  • BARDOLINO - 20/10/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
    PROGRAMMA GARE
  • SANREMO - 20/10/2019
    XVI Traversata Remiera Sanremo-Montecarlo Coastal Race (Regata Internazionale)
    Partenze regata CoastalRace

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.