6000 metri per diventare protagonisti della D'Inverno sul Po


TORINO, 13 febbraio 2016 - Nella prima giornata di gare della D'Inverno sul Po, riservata alle barche corte (singolo, due senza e doppio) sulla distanza dei 6000 metri che si snoda tra l'isolotto di Moncalieri e la sede della canottieri Esperia-Torino, gli atleti delle categorie Senior, Junior e Ragazzi si sono dati battaglia sulle acque del fiume Po scaldate quest'oggi da una giornata tipicamente primaverile che a Torino, per questo periodo, è anche molto inusuale.

Tra i Senior, la prima regata in programma è stata il doppio femminile che ha visto imporsi il misto Speranza Pra'/Pontedera (Allegra Francalacci e Bianca Laura Pelloni) per poco più di sette secondi sul misto CUS Torino/SC Padova di Greta Masserano e Asja Maregotto e per nove secondi sulle liguri del Murcarolo (Denise Zacco, Benedetta Bellio). A seguire è stata la volta del singolo maschile con l'israeliano Dani Fridman che, con la divisa della Canottieri Gavirate, ha messo in fila i due portacolori dei padroni di casa dell'Esperia-Torino, rispettivamente Federico Gherzi e Lorenzo Galano. Duello in chiave azzurra nel singolo femminile, con Ludovica Serafini (CC Aniene) che ha avuto la meglio su Federica Cesarini (C Gavirate) e Valentina Iseppi (SC D'Annunzio). Dominio del CC Saturnia nel doppio maschile con due equipaggi ai primi due posti: al termine dei sei chilometri di gara la coppia Michele Ghezzo, Stefano Morganti ha preceduto di tre secondi i compagni di squadra Lorenzo Tedesco, Piero Sfiligoi; più staccati al terzo posto Federico Fontana e Giuseppe Marasciulo (SC Vittorino/Monopoli2005). Sorride la Toscana nel due senza maschile grazie alla bella prova di Alberto Dini e Dario Favilli (SC Firenze) che hanno relegato alla piazza d'onore il misto SC Milano/SC Sebino (Paolo Ghidini, Jose Casiraghi), mentre il bronzo è andato alla SC Cerea (Emanuele Giacosa, Pietro Cappelli).

In campo Junior, ottima prestazione per il misto SC Limite/CUS Ferrara (Lapo Londi, Giovanni Balboni) che ha dominato la regata infliggendo pesanti distacchi a tutti gli avversari. Sui gradini più bassi del podio il CC Saturnia (Enrico Flego, Tiziano Prelazzi), secondo, e la SC Armida (Filippo Fornara, Edoardo Lanzavecchia), terza. Brilla la stella dell'Armida nel doppio femminile con Micol Fabbrucci e Beatrice Fioretta che dominano la gara concludendo con un minuto e dodici secondi di vantaggio sull'AC Flora (Clarice Cloutier, Alessandra Cotti) e 1'50" sull'AC Sanremo (Aline Bosco, Irene Traverso). Nel singolo maschile, bella lotta tra SC Cerea (Leonardo Radice Karoschitz) e SC Elpis (Lorenzo Gaione), con il rappresentante torinese che la spunta sul traguardo per poco più di 4 secondi. Al terzo posto ancora una società torinese, l'Armida, con Cosmin Muscalu. Il due senza femminile parla romano, con l'equipaggio dell'Aniene (Viola Passoni, Eugenia Masotta) che ha vinto con largo margine sulle avversarie dell'Esperia-Torino (Diletta Zanin, Elena Bertero). Ancora Aniene sugli scudi nel singolo femminile, con l'azzurra Giovanna Schettino che ha inflitto più di un minuto a Silvia Crosio (Amici del Fiume) e Linda De Filippis (AC Monate), giunte alle sue spalle. Il doppio junior maschile, infine, si è concluso con la vittoria del misto SC Baldesio/SC Arno (Marcello Caldonazzo,  Emanuele Giarri) su SC Arno (Andrea Grassini, Francesco Gadducci) e VVF Tomei (Edoardo Benini, Leonardo Bientinesi).

Nella categoria Ragazzi, obiettivo centrato per il doppio maschile della SC Armida (Matteo Bonetti, Paolo Trojan), vincitore davanti a GS Speranza Pra' (Edoardo Rocchi Alessio Bozzano) e CC Roma (Andrea Manuelli, Giulio Acernese). E' la Canottieri Milano, invece, a brindare nel due senza maschile grazie a Mario Rosafio e Paolo Covini che fanno valere la legge del più forte nei confronti di CC Roma (Tito Emiliano Barenghi, Pietro Solari) e SC Firenze (Umberto Parducci, Leopoldo Graf Von Rex). Nel doppio femminile il misto AC Monate/SC Baldesio (Sara Moja, Federica Cortesi) supera le svizzere del Lugano (Fatimah Fernandez, Chiara Cantoni) e le piemontesi della SC Candia2010 (Lucrezia Baudino, Larisa Seserman), mentre nel singolo maschile è Alberto Dini ad assicurare il successo ai biancorossi della SC Firenze davanti a Alberto Zamariola (SC Caprera) e Lorenzo Colombo (C Lugano). Medaglia d'oro per l'AC Monate nel due senza femminile, con Greta Ricci e Giorgia Salice che lasciano a oltre 50 secondi le torinesi Elisa Geriodi, Marta Riccio (SC Cerea). Sventola infine il vessillo biancoblu della Grecia nel singolo femminile, con Maria Kyridou (Thessaloniki) che ha la meglio dopo una lotta serrata sul filo dei secondi con Greta Martinelli (SC Tremezzina); al terzo posto Bianca Saffirio (SC Esperia-Torino).

  

Prossime Regate

  • SHENZHEN - 25-27/10/2019
    World Rowing Beach Sprint Finals CM1x e CW1x
  • VARESE - 26/10/2019
    Regata Insubria Rowing Cup
  • VARESE - 27/10/2019
    1^ tappa - Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo 4x e 8+
    Statistica Equipaggi gara

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.