Quattro anni di successi tra Giochi del Mediterraneo, Beach Games e
 Mondiali Coastal Rowing


ROMA, 27 dicembre 2016 - Continuiamo la veloce cavalcata di questo quadriennio toccando, dopo le gare per atleti ID, altri eventi che l’hanno caratterizzato. Tra le manifestazioni periodiche, che scandiscono le varie stagioni agonistiche, vi sono i Giochi del Mediterraneo che, almeno fino a Mersin 2013, si sono svolti sempre nell’anno post olimpico – non sarà così per il 2017 poiché, per ragioni economiche, il Board dei Giochi ha permesso alla spagnola Tarragona di posporre i Giochi del Mediterraneo al 2018 –. Oltre ai Giochi disputati in terra turca - per il canottaggio le regate si sono disputate ad Adana -, nel 2015 a Pescara, sede dei Giochi del 2009, si sono svolti i primi Beach Games che hanno visto protagonista il Coastal Rowing. Ed è proprio questa disciplina che, sempre più, calamita l’interesse di numerose Società italiane che preparano equipaggi in grado, durante le regate riservate al canottaggio costiero, di dominare la competizione.

Ma andiamo per ordine e partiamo da Mersin 2013 dove l’Italia del canottaggio era rappresentata da sette barche (5 maschili e 2 femminili): singolo, due senza e doppio senior; singolo e doppio pesi leggeri e singolo pielle e senior femminile. Al termine delle gare arrivano in Italia 4 medaglie d’oro, 2 d’argento e 1 di bronzo. A vincere le quattro d’oro, tutte negli uomini, Francesco Cardaioli (SC Padova) nel singolo senior, Marco Di Costanzo (Fiamme Oro) e Matteo Castaldo (RYC Savoia) nel due senza senior, mentre l’ultima arriva da Pietro Willy Ruta che, all’epoca con i colori della Marina Militare, conquista l’oro nel singolo pielle. Le due d’argento arrivano, invece, dalle donne che nel singolo pesi leggeri e in quello senior si piazzano sul secondo gradino del podio, rispettivamente, con Laura Milani (Fiamme Gialle) e Giada Colombo (SC Tritium). L’ultima medaglia, quella di bronzo, arriva dal doppio pesi leggeri grazie a Andrea Micheletti (C Gavirate) e Elia Luini (CC Aniene).

Passando al Coastal Rowing, per finire il 2013, il mondiale si tiene in Svezia, a Helsingborg, e le Società italiane conquistano 4 medaglie (2 oro, 1 argento, 1 bronzo). Tra i podi va registrato il doppio successo nel doppio maschile dove a vincere il titolo sono stati gli atleti della Canottieri Santo Stefano al Mare, Francesco e Federico Garibaldi, seguiti sul terzo gradino dall’equipaggio della Marina Mercantile Nazario Sauro, formato da Andrea Milos e Stefano Donat. La seconda medaglia d’oro arriva dal quattro di coppia con timoniere del CC Saturnia e formato da Lorenzo Tedesco, Federico Duchich, Simone Ferrarese, Alessandro Mansutti e Stefano Gioia al timone. L’argento va, infine, a Simone Martini (SC Padova).  Nel 2014, dopo l’appuntamento svedese, il mondiale coastal si sposta in Grecia, a Salonicco, e le Società italiane in gara conquistano 5 medaglie (2 oro, 2 argento, 1 bronzo), una in più del 2013.

I due titoli di campione del mondo di società arrivano dal quattro di coppia con timoniere grazie al CC Saturnia, con l’equipaggio formato da Lorenzo Tedesco, Nicholas Brezzi Villi, Alessandro Mansutti, Simone Ferrarese e al timone Stefano Gioia, e nel doppio per merito della SC Elpis dei fratelli Federico e Francesco Garibaldi. Le due medaglie d’argento sono arrivate, invece, dal singolista della SC Padova, Simone Martini, e dal doppio della Nazario Sauro il quale, con Andrea Milos e Stefano Donat. Medaglia di bronzo, infine, sempre nel quattro di coppia con timoniere della SC Elpis con a bordo Enrico Perino, Giorgio Casaccia Gibelli, Cesare Gabbia, Davide Mumolo e Marina Plos al timone. il 2015 è l’anno, invece, della prima edizione dei Beach Games e il canottaggio entra nel programma gare grazie al coastal rowing. Per la prima volta viene disegnato il percorso con partenza a terra, giro di boa a largo e arrivo di corsa in spiaggia. Un successo! Al termine delle tre giornate di gare l'Italia nella specialità del rowing beach sprint vince 7 medaglie (3 d'oro e 4 di bronzo). Le medaglie d'oro sono arrivate dal campione olimpico di Sydney 2000 Simone Raineri (Fiamme Gialle), primo nel singolo; da Carmela Pappalardo (CC Irno) nel singolo femminile, mentre Il terzo oro è stato vinto da Veronica Paccagnella e Benedetta Bellio (SS Murcarolo) nel doppio.

Le medaglie di bronzo sono arrivate, invece, dai due quattro di coppia con timoniere maschile, di Jacopo Mancini (SC Firenze), Niccolò Pagani (RCC Tevere Remo), Simone Ferrarese (CC Saturnia), Simone Martini (SC Padova), tim. Stefano Gioia (CC Saturnia), e femminile di Fabiana Romito (Monopoli 2005), Elena Waiglein (CC Saturnia), Ludovica Lucidi (RCC Tevere Remo), Ludovica Serafini (CC Aniene), tim. Serena Cicerchia (GS Cavallini), e dal doppio maschile di Dino Pari (SC Orbetello) e Tiziano Evangelisti (CC Civitavecchia). Per difendere o vincere il titolo mondiale nel coastal rowing i vogatori e le vogatrici italiane, per la prima volta, affrontano il balzo continentale che li porta in Peru, a Lima. Da questo mondiale sudamericano arrivano tre medaglie, due d'argento e una di bronzo. La prima d’argento arriva dal singolo femminile (Selene Gigliobianco-SC Elpis) e la seconda dal quattro di coppia con l’euipaggio del CC Saturmia (Alessandro Mansutti, Simone Ferrarese, Lorenzo Tedesco, Nicholas Brezzi Villi, tim. Stefano Gioia), mentre la medaglia di bronzo è stata vinta dalla SC Elpis (Davide Mumolo, Edoardo Marchetti, Enrico Perino e Giorgio Gibelli Casaccia, tim. Marina Plos).

Il Mondiale Coastal 2016 torna nuovamente il Europa, a Monaco, ma non sarà come gli altri. Non sarà come gli altri perché per la prima volta si iscrivono alla competizione anche alcune selezioni nazionali che, di fatto, sparigliano gli equipaggi societari. In questo contesto il coastal rowing italiano vince comunque 4 medaglie (1 oro, 2 argenti, 1 bronzo) e si piazza al secondo posto, dietro alla Spagna, nel ranking mondiale. Tra le società partecipanti all’evento iridato spicca il CC Saturnia che vince un oro e due medaglie d’argento: oro nel doppio femminile (Federica Molinaro e Beatrice Millo), mentre le due medaglie d’argento arrivano dal doppio maschile di Lorenzo Tedesco e Piero Sfiligoi e dal quattro di coppia di Michele Ghezzo, Stefano Morganti, Alessandro Mansutti, Federico Duchich e Stefano Gioia al timone. Il bronzo arriva dal quattro di coppia della SC Elpis (Federico e Francesco Garibaldi, Cesare Gabbia, Davide Mumolo e Marina Plos al timone), superato dall’armo del Saturnia.


 - Gli atleti speciali hanno “casa” nella Federazione Italiana Canottaggio

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.