I cinque “Protagonisti” del 2015 celebrati a Formia


ROMA, 11 dicembre 2015 - Come ogni disciplina sportiva anche il canottaggio si “nutre” di simboli, raccolti in ogni ambito, e di testimonial che si mettono in luce durante l’anno agonistico. Insomma un ristretto gruppo di personaggi che vanno, annualmente, a rimpolpare le fila delle persone illustri che il Consiglio Federale, attraverso le varie componenti del mondo del canottaggio, porta alla ribalta delle cronache sportive e li pone all’attenzione dei tesserati e dei fans. L’atleta dell’anno, individuato dalla Commissione Atleti, presieduta da Antonio Prezioso, è il campione del mondo in quattro senza Matteo Castaldo. Un atleta riconosciuto anche dai compagni di barca il più meritevole dell’appellativo che indica il migliore atleta del 2015.

Il Dirigente dell’anno, indicato dal Consiglio federale, è Fabrizio Quaglino, socio e dirigente della SC Lario  e Presidente del Centro Remiero lago di Pusiano. Un uomo che, nella sua attività dirigenziale, ha saputo portare a compimento il complesso progetto della realizzazione del Centro che raccoglie intorno alla struttura ben 13 società del lago di Como e di Verceia mettendo in campo doti non comuni di “mediatore” tra le varie parti che hanno contribuito alla creazione del Centro di Eupilio.  L’Allenatore, indicato dall’ANAC, è Gianluigi, per chi lo conosce bene Gigi, Arrigoni tecnico talent scout della SC Bissolati. Un uomo bonario e deciso che ha saputo lavorare proficuamente sia in società e sia all’interno dello staff tecnico federale.

Come Giornalista dell’anno, individuato dall’AGICC e dall’Ufficio Stampa FIC, è Gerardo Pinto. Un professionista che scrive per le colonne de “Il Gazzettino” seguendo il canottaggio in tutte le sue sfaccettature. Profondo conoscitore dello sport del remo, per il suo giornale segue le vicende del canottaggio veneto producendo un alto numero di pezzi che, con perizia e dovizia di dati, porta alla ribalta dell’opinione pubblica il meglio del canottaggio regionale e nazionale. Come Giudice Arbitro dell’anno, individuato dalla CDA, è il lombardo Giorgio Superti da tempo Presidente di Giuria. Un uomo con una spiccata propensione alla mediazione che, in maniera imparziale, ha garantito in eventi complessi pari condizioni per tutti i concorrenti. Per quanto vogliono conoscere le motivazioni, di seguito è possibile leggerle al fianco di ciascuno indicate:

 
Atleta

Matteo Castaldo (RYCC Savoia)
La Commissione Atleti, presieduta da Antonio Prezioso, all'unanimità, ha assegnato il premio al quattro senza senior per l'eccezionale e storico titolo iridato conquistato durante i mondiali assoluti 2015. Un premio che meritava tutto l’armo, ma poiché non è stato possibile premiare l'equipaggio intero, sempre all'unanimità, la Commissione ha indicato come meritevole del “Premio Atleta dell’Anno 2015” Matteo Castaldo (RYCC Savoia) quale esempio di tenacia e di volontà di affermazione che, grazie al duro e costante impegno e allenamento, è riuscito nel suo intento contribuendo alla vittoria della medaglia d’oro mondiale a venti anni di distanza dall’ultima vittoria iridata in questa specialità. Un uomo che, tra studio e lavoro, non ha mai perso la lucidità di perseguire l’obiettivo glissando, ripetutamente, tutti gli ostacoli che di volta in volta sono stati posti lungo il suo “percorso agonistico”.


Dirigente

Fabrizio Quaglino (SC Lario – Centro Remiero lago di Pusiano)
Nella vita lavorativa è Ragioniere Commercialista e svolge la professione a Como dal 1981. Come dirigente dal 1992 riveste la carica di Dirigente Sportivo alla Canottieri Lario. Nominato a fianco del Presidente del sodalizio Enzo Molteni con l’incarico di tesoriere, grazie al suo impegno in Società ha permesso che gran parte delle entrate sociali venisse destinato al settore agonistico e questa gestione delle risorse finanziarie ha permesso la crescita ed i risultati agonistici della SC Lario. Negli ultimi sette anni ha ricoperto la carica di Presidente del Centro di Eupilio che, fino al luglio 2014, era gestito da un Comitato di Gestione confluito poi nella ASD Centro Remiero Lago di Pusiano. L’associazione è costituita da tutte le società remiere del lago di Como e del Lago di Verceia. In tutto sono tredici realtà tra sedile fisso e scorrevole. La carica gli ha permesso di partecipare attivamente alla realizzazione del centro portando tutte l’esperienza acquisite sui campi di regata nazionali ed internazionali. La modifica al progetto che ha permesso la realizzazione della foresteria (in un primo momento non prevista) e delle tre palestre (nel progetto iniziale ne era prevista una sola) si è rilevata fondamentale.

 
Allenatore

Gianluigi (Gigi) Arrigoni (SC Bissolati)
Gigi Arrigoni nasce agonisticamente alla SC Bissolati, società dalla quale non si è mai separato e nella quale, dopo aver praticato attività da atleta con i suoi colori, ricopre da 40 anni il ruolo di allenatore. Da 20 fa parte dello staff tecnico nazionale: con gli junior fino al 2000, e dal 2001 ad oggi con il Settore Olimpico. Allenatore di 3° livello, ha partecipato ai Giochi Olimpici di Atene e Londra, oltre ad aver portato diversi atleti sul podio iridato. Nel 2015 è stato allenatore dei Campioni del Mondo, d'Europa e Italiani Juniores: Gentili nel singolo e Cattaneo nel doppio e della Rodini campionessa italiana in singolo e mondiale nel 4 di coppia pesi leggeri under 23. Con Gentili ha, inoltre, contribuito a qualificare il doppio per i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016. Per questi motivi, a Gigi Arrigoni va il riconoscimento di Allenatore dell'ANNO 2015.

 

Giornalista

Gerardo Pinto (Il Gazzettino)
Ha iniziato l'attività giornalistica nel 1969 come collaboratore de “Il Mattino” ed il “Corriere di Napoli” e dei settimanali sportivi “Sport Sud” e “Lo Sport del Mezzogiorno”, prevalentemente nel settore sportivo. Successivamente per altri quotidiani e periodici. Dal 1972 è stato collaboratore e poi, dal 1994, corrispondente dalla Campania di “Tuttosport” per il quale ha seguito molti importanti eventi di atletica leggera, nuoto, pallanuoto, pugilato e canottaggio. Dal 2003 al 2009 membro della "Commissione Contratto" della Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Nel 2008 ha pubblicato per l'editrice "Zona", "Good Morning Olympia", un saggio in cui si racconta le vite, le storie e le sofferenze di alcuni grandi atleti, protagonisti alle Olimpiadi, seguendo il filo delle vicende politiche del loro tempo. Attualmente collabora con "Il Gazzettino" per le discipline olimpiche tra le quali il canottaggio.

Giudice Arbitro

Giorgio Superti (Presidente di Giuria)
Giudice Arbitro della Lombardia, ha remato per la SC Bissolati e vestito la maglia azzurra. Nel 1979, terminata l'attività agonistica, entra nel Collegio dei Giudici Arbitri e, con passione impegno, diventa effettivo 1984. Uomo pragmatico e Giudice Arbitro attento e autorevole è riuscito durante l'anno a portare a termine alcune manifestazioni con difficili problemi ambientali garantendo equità ai concernetti in gara e imparzialità di giudizio alle Società iscritte. La sua azione dirigenziale come Presidente di Giuria è conosciuta e, soprattutto, riconosciuta da tutti i Colleghi che di volta in volta si trova in Giuria, Capace di gestire le risorse umane e in grado di valorizzare ogni peculiarità individuale. Questi motivi, al fianco della Medaglia di bronzo CONI al valore atletico ottenuta nel 1973, quest'anno su indicazione della CDA è stato insignito dal Consiglio Federale del Premio Giudice Arbitro dell'Anno 2015. 


  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.