La Federazione si arricchisce di nuovi Soci Benemeriti


ROMA, 09 dicembre 2015 - Come consuetudine, e in base alle norme statutarie (art. 21 dello Statuto), il Consiglio Federale su indicazione dei vari Sodalizi affiliati, dei Comitati e Delegazioni Regionali, e su proposta della Commissione Benemerenze Federali presieduta da Lorenzo De Cesare e dai componenti Ferruccio Calegari e Luciano Michelazzi, di anno in anno valuta e approva la nomina tra i Soci Benemeriti di personaggi che, nella loro attività, abbiano acquisito particolari benemerenze nel campo remiero. Per il 2015 il Consiglio Federale ha nominato Soci Benemeriti i seguenti personaggi, con a fianco di ciascuno una sintesi del proprio curriculum vitae relativo al canottaggio, che ritireranno il Diploma a Formia in occasione della Conferenza Nazionale Allenatori in programma il prossimo 12 e 13 dicembre :

Marzio Azzoni (Presidente SC Eridanea)
Atleta agonista della Canottieri Eridanea dal 1978 al 1985, componente del Consiglio di Amministrazione dell’Eridanea dal 1993 con i seguenti incarichi: primo triennio consigliere settore Canottaggio – secondo triennio vice-presidente – dal 2000 presidente.  Nel corso dell’attività amministrativa societaria si è particolarmente distinto nell’attività del canottaggio con la promozione della disciplina sia in ambito territoriale (la scuola canottaggio vanta attualmente più di 50 atleti) sia in ambito nazionale con la formazione di atleti di livello internazionale quali: Simone Raineri, Gabriele Cagna, Edoardo Buoli.

 
Alfredo Bollati  (Tecnico della SC The Core)
Nel 1978 con i colori della Canottieri Ignis, sul lago di Varese, vinse il mondiale junior in doppio con Maurizio Donà (Fiamme Gialle). Alfredo Bollati aveva iniziato a remare nel 1974 alla Canottieri Varese durante la sua carriera agonistica continuò in formazione mista con Donà sino alla conclusione del ciclo della maturità scolastica e poi entrò nei ranghi delle Fiamme Gialle, dove continuò il suo importante percorso in varie formazioni, con un curriculum di tutto rispetto. Poi ripensava la sua partecipazione nell'area educativa divenendo tecnico, con intenso impegno nella preparazione dei giovani, ma evidentemente percepiva l'esigenza di dare qualcosa di più ed eccolo tra i fondatori del Club “The Core” di Sabaudia, con risultati di grande spicco. Nel suo percorso ha collaborato per un certo periodo anche col settore tecnico federale, ma importanti soddisfazioni le ha percepite impegnandosi nell'attività organizzativa di memorabili manifestazioni sul lago di Paola ed è anche importante il suo impegno nel Consiglio del Comitato Regionale Lazio.
 

Marco Cariboni (Presidente SC Lecco)
Presidente della Canottieri Lecco dal 1975 al 1985. Dopo di lui altri due importanti appassionati al vertice del club, ma trascorsi poco più di 2 lustri lo si ritrova ancora alla guida del sodalizio. Nel 2013 riceve dal CONI il Collare d'oro per la Canottieri Lecco: un sodalizio che vive nella storia di tre secoli, essendo stata fondata nel 1895 e annovera la presenza di grandi campioni e non ultimo Antonio Rossi olimpionico nella canoa. Proclamato Presidente onorario ha continuato la sua azione dirigenziale con immutato entusiasmo raggiungendo il 28^ anno di presidenza.


Silvano Dambrosi (CMM Nazario Sauro)
È uno dei più importanti vogatori di coppia negli anni sessanta, tra i migliori singolisti triestini, è stato una delle punte di diamante allenati di Pino Culot al Circolo Marina Mercantile Nazario Sauro. Un percorso in crescendo: 2 titoli tricolori junior (1960 e 1961) e 4 titoli senior (1962, 1963, 1964 e 1966). Sempre in evidenza anche in campo internazionale, ha fatto parte della squadra azzurra al primo anno di effettuazione dei Mondiali, varati a Lucerna sul Rotsee nel 1962, uno degli eventi clou nella storia del canottaggio mondiale. In seguito continuò con ardore tra maglia sociale e nazionale e nel 1965 e fu protagonista al Meeting delle Quattro Nazioni a Castelgandolfo. Conclusa l'attività agonistica rimase sempre attivo e vicino alla propria società, importante riferimento per le giovani leve.
 

Giambattista Della Porta (SC Cernobbio - Coordinatore Regione Lombardia)
Allenatore  dal 1992 al 1994 della Canottieri Lario con la quale ha vinto diversi campionati italiani e Campionati del mondo nelle diverse categorie. Nel periodo dal 1995 al 2015 ha svolto il proprio ruolo presso la Canottieri Cernobbio con la quale ha vinto diversi campionati italiani; un campionato del mondo con Giulia Pollini nel 2010 oltre a varie medaglie ai campionati del mondo femminile. Ha vinto nel 2012 i campionati europei e da 12 anni è Coordinatore Regionale Lombardia, periodo nel quale gli equipaggi regionali hanno conseguito importanti risultati in prestigiosi confronti. Grazie alle iniziative di partecipazione da lui dirette  con gli otto femminili regionali del mese di marzo sul Tamigi, ha favorito un'azione di espansione dell'attività femminile in Lombardia.


Fabio Mirri (SC Baldesio)
Vice Presidente del Comitato Regionale Lombardia

Nel suo incarico di Vice Presidente del Comitato Regionale Lombardia, ha valorizzato l'esperienza organizzativa maturata da dirigente della Canottieri Baldesio, apportando effettivamente importanti note qualitative a beneficio del canottaggio regionale. Da atleta ha ottenuto numerosi risultati di prestigio tra cui due medaglie d’oro al Match des Seniores del 1985 di Banyoles e del 1986 di Amburgo.

Osvaldo Morganti (Moto Guzzi)
Allenatore e Collaboratore Tecnico Regione Lombardia

Nel 1989 e nel 1990 ha svolto l'attività di allenatore presso la società Canottieri Lecco. Dal 1991 in poi è allenatore presso la canottieri Moto Guzzi. Dal 2004 al 2015 è collaboratore tecnico della Lombardia. In questi anni si è occupato del lavoro selettivo e di avviamento degli equipaggi regionali, visitando le società e sviluppando un importante lavoro di raccordo con le iniziative promozionali sviluppate dal Comitato Lombardia. E col suo impegno, grazie anche all'esperienza maturata alla Moto Guzzi, in stretta collaborazione col coordinatore Della Porta, ha dato il meglio della sua passione per la promozione del canottaggio regionale.

Franco Stener (SC Pullino)
Giornalista e storico del canottaggio, Franco Stener è stato Canottiere dal 1968 alla “Pullino” dove ha sviluppato anche un interessante percorso da tecnico (allenatore di II categoria) a largo raggio, collaborando pure col compianto presidente della Canottieri Brasimone Gastone Piccinini e concluso nel 1975 al Cus Ferrara. Oltre ad essere socio della Pullino, è anche socio onorario della Diadora (Zara) con sede a Venezia Lido. Stella di bronzo del CONI (1999) al merito sportivo, ha al suo attivo numerose pubblicazioni di storia patria e sportiva, in cui valorizza ovviamente la disciplina del canottaggio. Nel 2015, per celebrare i 90 anni della Canottieri Pullino ha concretizzato in volume l'importante ricerca sullo storico sodalizio “Amsterdam 1928 - da Isola d'Istria la prima medaglia olimpica per lo sport istriano”, storia ricca di spunti e fatti curiosi. A Muggia per le celebrazioni dei 90 anni, ha curato l'iniziativa filatelica con la realizzazione di una simbolica raffigurazione del “90^”, con medaglia e pala di remo che scivola libera sull'acqua, nel contorno di una corona di alloro.

  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.