Iris De Sanctis: una vittoria importante nella lotta alla violenza
 di genere


ROMA, 27 ottobre 2015 - Domenica 25 ottobre, presso le strutture del Circolo Canottieri Roma, si è svolta la terza edizione della regata Via le Mani. L'evento, pensato per sostenere le donne vittime di abusi e di violenza domestica, ha richiamato un gran numero di partecipanti e spettatori, riuscendo così a far registrare l'unica vittoria veramente significativa: quella nella battaglia contro la violenza di genere. Con noi in quest'intervista, la responsabile “Via le Mani” per la Canottieri Roma, Iris De Sanctis, che afferma: "Sono veramente molto soddisfatta dei numeri ottenuti in occasione di questa terza edizione della regata Via le Mani, segno che siamo riusciti a portare avanti un buon lavoro a sostegno di un obiettivo fondamentale, ossia combattere la violenza di genere, una delle piaghe della la nostra società. Da parte mia posso solo sperare che eventi come questo siano sempre così affollati e che non si perda mai la voglia, l'energia ed il piacere di partecipare perchè queste sono occasioni che ci permettono di divertirci tutti insieme e, nello stesso tempo, di sostenere cause di straordinaria importanza". Lo sport si è rivelato ancora una volta un importante strumento pedagogico: "Certo. Lo sport, come è ben noto, è fondamentale, soprattutto in una società come la nostra, che purtroppo sembra sempre più propendere per l'aggressività. Attraverso lo sport è innanzitutto possibile dar sfogo alle proprie energie e poi permette di imparare a relazionarsi e prendere contatto con valori imprescindibili come il rispetto per se stessi e per gli altri". Il Circolo Canottieri Roma, società ospitante l'evento, è stato anche quest'anno in prima linea in questa importante battaglia: "Si e questo rende tutti noi che facciamo parte di questo circolo sportivo molto orgogliosi. E' stata sicuramente un'organizzazione molto impegnativa però l'obiettivo raggiunto ci ha ripagato di tutti gli sforzi sostenuti". Ti senti di ringraziare qualcuno?: "Ringrazio sicuramente tutti coloro che si sono adoperati per organizzare quest'importante manifestazione sportiva. Ringrazio il Comitato Regionale del Lazio, la Federazione Italiana Canottaggio e il Presidente Abbagnale, la rappresentativa ItalianAttori, i cui membri si mostrano sempre molto disponibili verso quest'iniziativa. Ancora, va sottolineato l'impegno profuso dalle associazioni Telefono Rosa Onlus e Hands Off Women. Un doveroso ringraziamento va sicuramente allo sponsor Energetic Source, che ha offerto un importante contributo. In fine voglio ringraziare i Circoli che ci hanno prestato le imbarcazioni, Tirrenia Todaro e CC Lazio, e naturalmente, il promotore di tutto ciò Massimo Iaccarini, il Presidente Andrea Tinarelli e il Segretario Generale Massimo Mannocchi che anche quest'anno ci hanno messo nelle condizioni di ospitare la manifestazione".


Comitato Regionale FIC Lazio


 
  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.