Via le Mani e… aumentiamo il ritmo!


ROMA, 17 ottobre 2015 - In occasione della conferenza mondiale delle Nazioni Unite, tenutasi a Vienna nel 1993, la violenza di genere è stata definita come: "Qualsiasi atto di violenza per motivi di genere che provochi o possa verosimilmente provocare danno fisico, sessuale o psicologico, comprese le minacce di violenza, la coercizione o privazione arbitraria della libertà personale, sia nella vita pubblica che privata". Il tema della violenza sulle donne purtroppo solo da pochi anni è diventato centrale nel dibattito pubblico e gli strumenti che la società è riuscita a mettere in campo sono ancora inadeguati. Oggi in Italia il fenomeno ha assunto proporzioni allarmanti.

Si stima, infatti, che quasi 7 milioni di donne abbiano subito una qualche forma di violenza, vale a dire una donna su tre. A fronte del dramma sociale che viene rivelato dalle indagini però, c'è da dire che rispetto alle rilevazioni precedenti si riscontrano dei miglioramenti, diretta conseguenza di una maggiore e più capillare diffusione delle informazioni, del lavoro operato a trecentosessanta gradi da istituzioni ed associazioni di volontariato e, soprattutto, di una maggiore capacità delle donne di prevenire e combattere il fenomeno. A questo si aggiunge un clima sociale di condanna della violenza. Insomma, quello che si sta facendo, per quanto ancora non sufficiente, lascia intendere che la direzione intrapresa è quella giusta.

Proprio per questo eventi come la regata Via le Mani, organizzata dal Circolo Canottieri Roma in collaborazione col Comitato Regionale FIC Lazio, con la Federazione Italiana Canottaggio, e sostenuta da EnergeticSource (www.energeticsource.com), sono di fondamentale importanza nel percorso di maturazione che la società deve intraprendere per estirpare la piaga sociale rappresentata dalla violenza di genere e devono essere sostenuti. Ricordiamo quindi che l'appuntamento per quanti volessero assistere e sostenere Via le Mani è il 25 ottobre, dalle ore 9.30, sulle rive del Tevere, nel tratto compreso tra il Circolo Canottieri Tirrenia Todaro ed il Circolo Canottieri Roma.

Va sottolineato che, per l'occasione, oltre a molti esponenti di spicco del canottaggio nazionale, su tutti il Presidente della Federazione Italiana Canottaggio, Giuseppe Abbagnale, già ambasciatore del Telefono Rosa, saranno presenti diversi personaggi dello spettacolo facenti parte della rappresentativa ItalianAttori. Tra questi l'ex vogatore Sebastiano Somma, celebre attore italiano che ha fatto dell'impegno sociale una sua caratteristica distintiva. Presente nel parterre con un proprio info point anche il Comitato Roma 2024 che, oltre ad affiancare l'iniziativa plaudendone gli obiettivi, sta iniziando il percorso di promozione e condivisione del sogno di riportare in Italia la "Festa dello Sport", le Olimpiadi appunto, per questo… "aumentiamo il ritmo" per lottare sia contro la violenza di genere e sia per condividere l'hashtag: #‎WeWantRoma‬.


 
  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.