Il punto sul corso ParaRowing in Friuli Venezia Giulia


TRIESTE, 16 ottobre 2015 - Da oramai due anni il Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia del Presidente D'Ambrosi, sta portando avanti, con il fondamentale sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, un progetto con l’intento di migliorare, proteggere e garantire il pieno ed uguale godimento di tutti i diritti umani e le libertà fondamentali delle persone con disabilità e il miglioramento del rispetto per la loro intrinseca dignità, attraverso l’integrazione mediante lo sport, in particolare il canottaggio, come strumento di inclusione sociale ed integrazione nella Società.
Questo percorso è iniziato lo scorso anno mediante l’organizzazione del Seminario “ParaRowing: come favorire l’integrazione sociale mediante lo sport”, che ha trattato diversi argomenti dal campo psicologico a quello legislativo, fino a tematiche tecniche specifiche, con relatori ed esperti del settore provenienti da diverse parti d’Italia. Quest’anno la fase 2 ha visto la redazione di un bando per l’individuazione di figure di giovani tecnici, già in possesso del patentino di allenatore della FIC, che potessero, in diversi momenti nel corso dell’anno, frequentare dei momenti formativi con esperti del settore, provenienti anche da altre realtà italiane ed estere, dove la disciplina del ParaRowing ha già una larga diffusione.

Grazie alla disponibilità della Federazione Italiana Canottaggio ed in particolare dei responsabili del Settore ParaRowing, dal 6 al 9 agosto, si è tenuto a Roma, presso il CC Salaria dove la Nazionale Italiana di ParaRowing si trova in ritiro, il primo stage formativo del corso, cui ha preso parte il giovane tecnico della Canottieri Trieste Lisanna Bartolovich, che è risultata selezionata nella graduatoria stilata tra le sei candidature ricevute. Durante questo stage Lisanna ha potuto toccare con mano gli aspetti legati alla fisiologia, all’approccio psicologico con l’atleta disabile ed ai dettagli della tecnica di voga, seguendo in particolare dal gommone gli allenamenti del 4+ LTA e del 1x AS in preparazione per le qualificazioni olimpiche di Aiguebelette ad inizio settembre.

L’auspicio è che questo progetto con visione pluriennale, porti ad avere nel 2016 i primi atleti avvicinarsi al canottaggio per atleti disabili in Friuli Venezia Giulia.


Ufficio Stampa Comitato FIC FVG

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.