ActionAid lancia la grande campagna CIBO PER TUTTI


ROMA, 29 settembre 2015 - ActionAid in chiusura di Expo, e in vista della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, lancia una campagna con tre settimane di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms 45599 per coinvolgere le istituzioni e il grande pubblico sull’esigenza di partecipare a un cambiamento possibile e necessario, e di ripensare al cibo come un diritto di tutti e non come un semplice prodotto del mercato. ActionAid crede fermamente che sconfiggere la fame e democratizzare l’accesso al cibo sia non solo doveroso ma anche possibile. Nell’anno di Expo 2015, che vede l’Italia protagonista della scena internazionale sulla tematica cibo e, più specificamente sul tema “nutrire il pianeta”, l’Organizzazione ha scelto di scendere in campo e lanciare la grande campagna CIBO PER TUTTI, che si pone l’obiettivo di convocare il grande pubblico e coinvolgere istituzioni e media sull’esigenza di un cambiamento possibile, per nutrire sì il pianeta, ma anche i popoli, tutti. È possibile sostenere la campagna di ActionAid dal 27 settembre al 18 ottobre donando 2€ tramite sms solidale da cellulare personale Tim, Vodafone, Wind, 3, Postemobile, Coopvoce e Tiscali, da telefono fisso Vodafone e TWT, o scegliere di donare 2 o 5 € chiamando da telefono fisso Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Il primo Paese che beneficerà dei fondi raccolti attraverso la campagna di raccolta fondi sarà l’Etiopia. Il Paese ha registrato una crescita economica notevole negli ultimi anni, che non ha però coinciso con una diminuzione sostanziale della povertà, affliggendo ancora più del 30% della popolazione, soprattutto a causa di un’inflazione in continua ascesa e dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari[1], laddove soltanto il 17,5% della popolazione è urbanizzata.[2] L’agricoltura presenta un problema di produzione e produttività: il contributo del settore al PIL è in diminuzione, mentre l’impoverimento della terra e l’instabilità climatica rendono la produttività molto bassa. L’impatto negativo dei cambiamenti climatici, poi, rende ogni emergenza una minaccia e quindi la necessità di un piano di riduzione dei rischi è fondamentale. In questo contesto, l’intervento di ActionAid si inscrive nell’area settentrionale di Azernet Berberec e mira a garantire alla popolazione locale interventi concreti, come l’installazione di una conduttura lunga 5,22 Km e la costruzione di quattro distributori di acqua per la fornitura di acqua pulita e il miglioramento delle pratiche igieniche, la promozione di una produzione agricola più efficiente, il rafforzamento delle cooperative di risparmio e credito, la fornitura del capitale iniziale necessario ai membri della cooperativa per espandere la propria produttività e il proprio reddito attraverso l’allevamento di bestiame, e un approvvigionamento più efficiente di sementi.

Altrettanto mirato l’intervento che ActionAid realizzerà in India attraverso i fondi che saranno raccolti con la campagna CIBO PER TUTTI. Con un PIL di circa 1,995 triliardi, il Paese è una delle economie più forti a livello mondiale.[3] Nonostante questo, circa il 32% della popolazione indiana vive al di sotto della soglia di povertà.[4] La popolazione che vive nel subcontinente indiano rappresenta il 17% di quella mondiale, e circa il 68%[5] risiede nelle zone rurali (sebbene si sia registrato negli ultimi anni un sostanziale incremento della popolazione urbana, pari al 32%), dove la sicurezza alimentare rappresenta un tassello nevralgico per lo sviluppo locale. Il progetto che la campagna CIBO PER TUTTI finanzierà nel Paese riguarda proprio la sicurezza alimentare, dura 5 anni e si rivolge a migliaia di donne e le loro famiglie in 10 villaggi nei distretti di Vellore, Thiruvallur, Kancheepuram, Villupuram E Tamil Nadu, dove verrà predisposta la fornitura di acqua potabile, la creazione di cooperative femminili per la gestione delle proprietà, un training per la coltivazione organica e iniziative di micro-credito per la creazione di impresa con particolare attenzione alla componente femminile della popolazione, quella più emarginata e vulnerabile.


Ufficio Pubbliche Relazioni e Media ActionAid Italia International


Il Comunicato di ActionAid

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.