Il "vecchio" e il "bambino" portano il doppio a Rio de Janeiro


AIGUEBELETTE, 06 settembre 2015 - Era la gara delle grandi attese. La gara in cui a questo Mondiale Assoluto di Aiguebelette, il doppio Senior azzurro si giocava tutto. E non a caso. Per Romano Battisti, vicecampione olimpico e sul podio da due Mondiali consecutivi, col collega delle Fiamme Gialle Francesco Fossi, c’era la necessità di confermarsi ad alti livelli per l’ennesimo anno di fila, con l’incognita sul suo ritorno a capovoga, lasciato emigrare il compagno degli ultimi due anni sul quadruplo. Per Giacomo Gentili, giovanissimo punto di riferimento per il futuro del remo azzurro, ritrovatosi catapultato in pochi giorni dall’universo Junior al canottaggio dei grandi, l’attesa di ritrovarsi in gioco per un posto ai Giochi Olimpici. Il tutto con, sulle spalle, il peso del paragone con Alessio Sartori, che 21 anni prima di lui conquistò il titolo iridato in singolo (impresa centrata dal portacolori della SC Bissolati appena un mese fa a Rio de Janeiro) per poi salire sul quattro di coppia Senior, con cui conquistò l’oro mondiale a Indianapolis. Spalle che hanno dimostrato di essere larghe abbastanza, per reggere il gravoso paragone.

E si che dopo aver mancato in semifinale l’accesso alla finale e dunque la certezza del pass olimpico per Rio per appena 30 centesimi, non c’era da rilassarsi per Battisti e Gentili. La finale B, con cinque posti su sei disponibili per qualificarsi ai Giochi, presentava le sue belle e doverose insidie: dalla Norvegia di Hoff e Borch campione mondiale appena due anni fa in Corea alla Bulgaria sesta ai Mondiali di Amsterdam 2014, passando dal terribile Azerbaijan composto da un singolista di livello come Aleksandrov e da un altro ragazzino terribile, il diciannovenne Yotov, argento agli Youth Olympic Games di Nanchino 2014 e che già da tre anni lotta tra i Senior con gli armi azeri.

Tutto ciò non ha spaventato né il "vecchio" né il "bambino", autori della gara che dovevano fare: partenza forte e subito al comando, controllo sul passo nella parte centrale e chiusura a contenere eventuali brutte sorprese. E così è andata: primi ai 500, secondi ai mille metri, nella seconda parte controllo sulla Bulgaria quinta e, soprattutto, sulla Norvegia, non un armo qualunque, che schianta e resta fuori dalla partita per Rio. Il "vecchio" e il "bambino" invece la barca per il Brasile l’hanno qualificata. Vedremo se ai blocchi ci saranno ancora loro due, ai remi, al momento del via. Certo che dopo averli visti battagliare ad Aiguebelette, chiunque vorrà prenderne il posto dovrà sudare più di loro.


 

Prossime Regate

  • SHENZHEN - 25-27/10/2019
    World Rowing Beach Sprint Finals CM1x e CW1x
  • VARESE - 26/10/2019
    Regata Insubria Rowing Cup
  • VARESE - 27/10/2019
    1^ tappa - Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo 4x e 8+
    Statistica Equipaggi gara

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.