In finale il singolo AS Femminile e il quattro con LTA Misto già
 qualificati per Rio


AIGUEBELETTE, 02 settembre 2015 - Le semifinali para-rowing di questo pomeriggio hanno sancito che il singolo AS femminile di Eleonora De Paolis (CC Napoli) e il quattro con LTA misto, di Paola Protopapa, Lucilla Aglioti, Tommaso Schettino (CC Aniene), Luca Lunghi (Cus Ferrara) e Giuseppe “Peppiniello” Di Capua (CN Stabia) al timone, parteciperanno ai Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro. Una conferma che è arrivata al termine delle rispettive semifinali le quali hanno registrato la bella prova della De Paolis che, nonostante lo strapotere dell’armo inglese, primo davanti a quello norvegese, è riuscita a contenere gli attacchi del Sud Africa e della Corea che sono rimasti al margine dell’accesso in finale.

Prova maiuscola anche per l'ammiraglia para-rowing, il quattro con LTA, che è riuscito a contenere gli attacchi che le arrivavano dalle retrovie ad opera di Ucraina, Brasile, Francia e Israele. Una situazione dove ogni minimo errore poteva compromettere la performance azzurra, ma che l’Italia ha amministrato bene e, dopo aver aumentato il ritmo per arginare il ritorno ucraino, ha tagliato il traguardo in seconda posizione.

Nel singolo AS maschile Fabrizio Caselli si è giocato, invece, l’accesso in finale in una gara davvero combattuta. La barca azzurra, sesta a metà gara, ha iniziato a ricuperare subito dopo i 500 metri ma per poco più di un secondo non è riuscito a superare l'Olanda, terza. Il singolista azzurro domani disputerà la finale B con l'unico obiettivo di arrivare tra le prime due posizioni, le sole valide per il pass paralimpico (solo 8 barche vanno ai Giochi di Rio).


LEGENDA PARA-ROWING
LTA (LEGS–TRUNK–ARMS): l’atleta utilizza tutto il corpo: gambe, tronco e braccia. Appartengono a questa categoria atleti ed atlete non vedenti, amputati ad un arto o con altre minime disabilità fisiche.
 
TA (TRUNK–ARMS): l’atleta utilizza solo il tronco e le braccia. Appartengono a questa categoria gli atleti e le atlete che non hanno l’uso delle gambe o gli amputati a tutti e due gli arti inferiori
 
AS (ARMS-SHOULDERS): l’atleta utilizza solo le braccia e le spalle. Appartengono a questa categoria tutti gli atleti e le atlete che hanno subito lesioni alla colonna vertebrale e compromesso l’uso delle gambe e del tronco.


 

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.