Focus sulle barche non olimpiche in gara nel mondiale di Aiguebelette


ROMA, 29 agosto 2015 - L’azzurra Giulia Pollini (CC Cernobbio) nel singolo pesi leggeri femminile dovrà fare attenzione alla ventenne neozelandese Zoe McBride, ma anche alla campionessa europea, Imogen Walsh (Gran Bretagna) e alla brasiliana Fabiana Beltrame. Nel singolo pesi leggeri maschile, invece, lo slovacco Lukas Babac ha vinto due argenti e un oro durante il 2015 e stavolta cercherà di vincere anche il titolo. A rendergli la vita difficile ci saranno, però, il Campione del Mondo 2014, l’azzurro della Forestale Marcello Miani, e i promettenti Luka Radonic (Croazia) e Jamie Kirkwood (Gran Bretagna). Nel due senza pielle la Gran Bretagna schiera Joel Cassells e Sam Scrimgeour. La barca britannica dovrà affrontare, però, la dura concorrenza dei francesi Theophile Onfroy e Augustin Mouterde, già medagliati due volte in questa stagione e in gara con i favori del tifo casalingo. Attenzione però anche agli azzurri Armando Dell'Aquila (Fiamme Oro) e Petru Zaharia (SC Caprera) che non si faranno di certo intimorire dagli avversari essendo, in special modo Armando, uno specialista di questa barca. Nell’ammiraglia saranno in gara la Germania, l’ Italia e la Turchia che nel 2014 hanno preso le medaglie e che in Francia si daranno nuovamente battaglia, ma con l’Italia più agguerrita che mai che imbarca, tra tutti, il coriaceo Elia Luini alla sua prima regata sull’ammiraglia leggera.

Nel due con l'equipaggio britannico di Nathaniel Reilly-O'Donnell e Matthew Tarrant, col timoniere Enrico Fieldman, dovrebbe essere un osso duro come, del resto, lo sono anche gli azzurri Luca Parlato (Marina Militare), Emanuele Liuzzi (Fiamme Oro) e Andrea Riva (Cus Pavia) al timone. Il quattro di coppia pesi leggeri maschile vede la Francia rinforzata, ma questo non escluderà il fatto che dovrà affrontare la Gran Bretagna, che compone principalmente l’equipaggio medaglia d’argento under 23, a l'Italia che dopo il quarto posto dello scorso anno ripropone lo stesso equipaggio anche se con posizione variate. Josè Casiraghi (SC Milano), Matteo Mulas (CLT Terni), Francesco Pegoraro e Federico Gherzi (SC Esperia) non si faranno certo intimorire dagli avversari e sono decisi a riportare questa barca nuovamente sul podio. Il quattro di coppia femminile pesi leggeri, infine, vede la Germania che sembra essere la barca da battere, ma deve fare attenzione ai Campioni del Mondo dell’Olanda e alla coriacea Italia di Greta Masserano (Cus Torino), Valentina Rodini (SC Bissolati), Nicole Sala (SC Lario), Eleonora Trivella (VVF Billi).

 

Prossime Regate

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.