Mondiali Junior, nove barche in finale per l’Italia


RIO DE JANEIRO, 07 agosto 2015 - Con le semifinali di oggi l’Italia approda in finale con nove barche su undici equipaggi iscritti al Mondiale Junior in svolgimento a Rio de Janeiro, sullo stesso campo di regata dei Giochi del prossimo anno. Alle quattro di ieri (quattro con, otto maschile e femminile e quattro senza femminile), oggi se ne sono aggiunte, infatti, altre cinque al termine delle semifinali: il singolo di Giacomo Gentili (SC Baldesio), quello femminile di Asja Maregotto (SC Padova), il doppio maschile di Andrea Cattaneo (SC Bissolati) e Emanuele Fiume (CC Pro Monopoli) e quello femminile di Valentina Iseppi (SC D’Annunzio) e Allegra Francalacci (GS Cavallini) e il quattro di coppia maschile di Danilo Amalfitano (RYCC Savoia), Gergo Cziraki (SC Ravenna), Riccardo Jansen (Affari Esteri) e Gabriel Soares (Marina Militare).

Nelle gare odierne il primo semifinalista a superare il turno è stato il “gigante” di Cremona Giacomo Gentili, che ha dominato la sua regata dall’inizio alla fine imponendo il ritmo agli avversari e, sul finale, chiudendo anche con un discreto distacco sulla barca messicana. Per lui anche il secondo miglior tempo di qualifica. A fargli eco la singolista padovana Asja Maregotto che, nonostante gli attacchi delle avversarie, è riuscita a mantenere salda la terza posizione alle spalle di Olanda e Germania – per lei anche la soddisfazione di riportare in una finale mondiale una barca che mancava dal 2011 –.

Dopo le gare dei singoli è stata la volta dei due doppi: quello maschile, di Cattaneo e Fiume che, oltre a vincere, hanno fatto registrare anche il miglior tempo delle due semifinali, e quello femminile, di Iseppi e Francalacci, che sul finale, non pago della seconda posizione, ha attaccato per insidiare il primo posto alla Germania che ha vinto davanti alle azzurre.

L’ultima barca azzurra a raggiungere la finale è stato il quattro di coppia maschile di Amalfitano, Cziraki, Jansen e Soares al termine di una gara condotta costantemente in attacco. Dopo una partenza non veloce, infatti, i quattro azzurri hanno dato fondo alle proprie energie per ricuperare il gap iniziale e per contenere l’eventuale ritorno della formazione brasiliana. Nulla da fare, infine, per il due senza di Antonio Schettino (CC Aniene) e Enrico Flego (CC Saturnia) che, dopo l’avvio, non sono riusciti a rientrare in gara e sul finale si sono piazzati sesti. Disputeranno la finale B dal settimo al dodicesimo posto come pure il due senza femminile di Arianna Noseda e Caterina Di Fonzo (SC Lario) che ieri non hanno superato il recupero. Per quanto riguarda le finali di domani, si inizia alle 9.30 (14.30 in Italia) con la gara del singolo maschile, per finire alle 12.06 (17.06) con la finale dell’ammiraglia maschile.

Nelle foto (© Canottaggio.org - ph mimmo perna): Giacomo Gentili; Asja Maregotto; i doppi maschile e femminile; il 4 di coppia maschile.
  

Prossime Regate

  • SHENZHEN - 25-27/10/2019
    World Rowing Beach Sprint Finals CM1x e CW1x
  • VARESE - 26/10/2019
    Regata Insubria Rowing Cup
  • VARESE - 27/10/2019
    1^ tappa - Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo 4x e 8+
    Statistica Equipaggi gara

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.