Plovdiv. Delle 7 barche femminili in gara a Plovdiv, 1 è in finale,
 1 in semifinale e 5 ai recuperi


PLOVDIV, 23 luglio 2015 - Sono Valentina Rodini (SC Bissolati), Nicole Sala (SC Lario), Greta Masserano (Cus Torino) e Giorgia Lo Bue (SC Palermo) ad agguantare nel quattro di coppia pesi leggeri una finale dal sapore di podio per aver fatto registrare anche il miglior tempo di qualifica. Nel terzo quarto di gara l'Italia produce, infatti, una bella accelerazione che la porta al comando, mentre nel finale riesce a contenere pure il tentativo di sorpasso della barca elvetica chiudendo in prima posizione seguita nell'ordine dalla Svizzera, dalla Germania e molto più staccate da Danimarca e Ungheria. La semifinale l’ha raggiunta, invece, il doppio di Cecilia Bellati (CLT Terni) e Ludovica Serafini (CC Aniene) che ha battagliato per tutti i duemila metri contro la barca britannica che, sul finale, ha avuto la meglio su quella azzurra per poco più di mezza barca. Seconda l’Italia, quindi, e terza soli venti centesimi la Germania.

Ai recuperi il doppio pesi leggeri di Federica Cesarini (C Gavirate) e Bianca Laura Pelloni (GS Speranza) che, dopo la seconda posizione iniziale, viene superata dalla Cina e chiude fuori dal novero dei posti validi per la semifinale. Terzo posto pure per Federica Molinaro (Nazario Sauro) la quale, dopo la seconda posizione di metà gara, subisce l’attacco tedesco e chiude fuori dai due posti validi per il passaggio del turno. Anche il due senza di Ilaria Broggini e Veronica Calabrese (C Gavirate) dovrà superare le forche caudine dei recuperi essendo finita terza, dietro a Australia e Germania, dopo aver rincorso per recuperare la partenza troppo lenta.

Carmela Pappalardo (CC Irno) nel singolo pesante finisce quarta la sua batteria, dopo aver ricuperato dalla quinta posizione iniziale, e affronterà i recuperi come pure farà lo stesso il quattro senza. La barca di Beatrice Arcangiolini (SC Firenze), Chiara Ondoli (SC De Bastiani), Sara Barderi (SC Pontedera) e Silvia Terrazzi (SC Arno) ha pagato, infatti, una partenza lenta e, dopo l’ultima posizione al passaggio della prima frazione, pur provando ad alzare il ritmo dei colpi per recuperare il distacco, riesce solo a superare l'Ucraina, ma le avversarie sono ormai troppo lontane e nel finale concludono la batteria in quinta posizione e affronteranno i recuperi domattina.

 

Prossime Regate

  • BRISBANE - 12-19/10/2019
    INAS Global Games
    RISULTATI e START LIST
  • SANREMO - 19/10/2019
    Campionato del Mediterraneo Coastal Rowing - Tappa di Sanremo
    Regolamento EuroMed2019
    Classifica EuroMed dopo 10 tappe
    Campionato Mediterraneo Planimetria
    Partenze regata Riviera dei Fiori
    Partenze regata "Via le Mani"
  • BARDOLINO - 19/10/2019
    Regata Internazionale Esagonale Giovanile
    RISULTATI GARE
  • ROMA - 19-20/10/2019
    Campionato Italiano Sprint
  • TORINO - 19-20/10/2019
    Regata Nazionale Promozionale Para Rowing - Trofeo "Rowing for Tokyo 2020"
  • EUPILIO - 19-20/10/2019
    T.E.R.A.
    RISULTATI FINALI Domenica
    RISULTATI FINALI Sabato
  • NARO - 20/10/2019
    Campionato Regionale di Fondo
  • BOSA - 20/10/2019
    Regata Regionale Sprint Trofeo Laria SLITTATA DAL 13/10 AL 20/10
  • BARDOLINO - 20/10/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
    RISULTATI GARE
  • SANREMO - 20/10/2019
    XVI Traversata Remiera Sanremo-Montecarlo Coastal Race (Regata Internazionale)
    Partenze regata CoastalRace

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.