Universiadi 2015. Risultati e resoconti RECUPERI


CHUNGJU, 05 luglio 2015 -

SINGOLO SENIOR FEMMINILE
Primo recupero – i primi tre in semifinale gli altri in finale C
: 1. Iran 7.54.47, 2. Lettonia 7.55.50, 3. Nuova Zelanda 7.56.73, 4. Finlandia 8.05.48, 5. USA 8.38.19

Secondo recupero – i primi tre in semifinale gli altri in finale C: dopo il gap iniziale che ha visto Eleonora transitare quarta nei passaggi intermedi dei primi mille, nella seconda parte l'azzurra ha attaccato la barca kazaca e, dopo averla superata, si è messa in zona passaggio. Sul finale la Denich ha mantenuto il suo passo e ha chiuso al terzo posto. Italia in semifinale. 1. Corea 8.00.50, 2. Sud Africa 8.07.90, 3. Italia (Eleonora Denich-Nazario Sauro) 8.10.44, 4. Kazakhstan 8.19.73, 5. Brasile 8.21.66, 6. Cina 8.24.64

DOPPIO PESI LEGGERI MASCHILE
Primo recupero – i primi due in finale gli altri in finale B: tre quarti di gara sempre in testa e poi sul finale la barca italiana si è lasciata superare quando oramai era sicura dell’accesso in finale. Questa è la sintesi della regata del doppio pesi leggeri azzurro che ha lottato punta a punta contro la formazione ucraina che per tutti i duemila metri ha cercato di sopravanzare l’Italia. Ma gli azzurri sempre una mezza barca di vantaggio l’hanno mantenuta lo stesso e solo sul finale gli Ucraini sono riusciti nel loro intento. Italia in finale. 1. Ucraina 6.32.62, 2. Italia (Simone Molteni-CUS Pavia, Matteo Mulas-CLT Terni) 6.34.25, 3. Russia 6.37.65, 4. Croazia 6.42.23, 5. Malesia 7.0014

Secondo recupero – i primi due in finale gli altri in finale B: 1. Cina 6.30.00,
2. Canada 6.32.21, 3. Argentina 6.40.40, 4. Corea 6.41.75

QUATTRO SENZA PESI LEGGERI MASCHILE
Recupero – i primi due in finale gli altri in finale B: anche il quartetto leggero imposta la gara d’attacco e si porta subito al comando seguito dalla Cina che le sta incollata, mentre è poi attardato il Canada. A metà gara la barca azzurra è sempre prima, mentre si è allungato il distacco sulla Cina e sul Canada che si trovano a battagliare per la seconda posizione. Sul finale l’Italia è prima e va in finale, mentre per la seconda posizione ha la meglio la Cina sul Canada per meno di un secondo. 1. Italia (Michele Quaranta-Pro Monopoli, Federico Parma-CC Saturnia, Francesco Schisano-CN Stabia, Vincenzo Serpico-GS Fiamme Oro) 6.17.05, 2. Cina 6.19.93, 3. Canada 6.20.99, 4. Uzbekistan 6.23.67, 5. Russia 6.35.91

QUATTRO SENZA SENIOR MASCHILE
Recupero – i primi due in finale gli altri in finale B: partenza quasi simultanea di tutte le imbarcazioni con l’Italia che, dopo duecento metri, passa a condurre. È davvero un’altra barca quella che oggi sta disputando il recupero. Col primo posto a 500 metri e con una barca di vantaggio sull’Ucraina a 750 metri l’Italia si presenta agli avversari decisa a non rischiare l’accesso in finale. Prima a mille metri e a 750 metri dal traguardo gli azzurri hanno messo oltre una barca di luce sulle inseguitrici. Italia e Ucraina sono le barche che stanno lottando per staccare ancora di più la Polonia ma il traguardo pone fine alla gara e decreta l’accesso in finale da parte dell’Italia e dell’Ucraina. 1. Italia (Guglielmo Carcano-SC Moltrasio, Pietro Zileri Dal Verme-SC Firenze, Luca Lovisolo-RCC Cerea, Matteo Borsini-SC Limite) 6.16.19, 2. Ucraina 6.19.68, 3. Polonia 6.25.34, 4. Cina 6.31.15, 5. Sud Africa 6.32.94


DOPPIO SENIOR FEMMINILE
Recupero – i primi tre in semifinale gli altri in finale C: è buona la partenza della barca azzurra che è attaccata all’Argentina che fa da battistrada. Sono seconde le azzurre al passaggio del primo intertempo a poco più di un secondo dalle albicelesti. A differenza di questa mattina l’armo italiano è più fluido e a metà gara prendono il comando e palata su palata allungano il distacco dall’Argentina che non è riuscita a contenere il pressing italiano. Finale solitario per Elsa e Benedetta che vincono con autorevolezza il recupero e accedono alla semifinale delle 9.14 di domani ora locale. 1. Italia (Elsa Carparelli-Monopoli 2005, Benedetta Bellio-SS Murcarolo) 7.32.84, 2. Argentina 7.42.74, 3. Russia 7.45.94, 4. Corea 7.47.405. Malesia 8.33.60

 

Prossime Regate

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.