Varese: Risultati e resoconti FINALI C


VARESE, 20 giugno 2015 -

SINGOLO SENIOR FEMMINILE
Arretrata sui cinquecento metri, Sara Magnaghi si trova alle spalle della Germania e delle due atlete della Nuova Zelanda, se pur a ridosso delle avversarie. Cambia passo la neozelandese Olivia Loe, che sui mille guadagna la testa del gruppo e la connazionale diventa la sua diretta inseguitrice, lasciando, a -500 metri, in terza posizione la tedesca Wiebke Hein. Tenta un recupero negli ultimissimi metri la Magnaghi che riesce a posizionarsi in terza piazza mentre un grande rush finale garantisce il primato alla Germania. 1. Germania2 (Wiebke Hein) 7.31.77, 2. Nuova Zelanda1 (Fiona Bourke) 7.32.37, 3. Italia (Sara Magnaghi-SC Moltrasio) 7.36.66, 4. Nuova Zelanda2 (Olivia Loe) 7.36.70, 5. Bulgaria (Desislava Georgieva) 7.43.07, 6. Corea (Yeji Kim) 7.46.36

DOPPIO SENIOR MASCHILE
Ungheria, Bulgaria e Austria se ne vanno nel primo quarto di gara, con l’Italia di Mumolo e Garibaldi chiamata a inseguire in sesta posizione. A metà gara l’armo azzurro transita sempre in sesta posizione, ma sempre ben attaccata al gruppo di testa, guidato dagli ungheresi. L’Azerbaijan prende la testa della corsa ai -500 metri e va a prendersi la vittoria di questa finale C. Italia2 nel gruppo, lo sprint finale degli Under 23 azzurri porta al sorpasso sull’Austria e al quinto posto finale, ad appena cinque centesimi dal quarto. 1. Azerbaijan (Boris Yotov, Aleksandar Aleksandrov) 6.12.12, 2. Bulgaria (Kristian Vasilev, Georgi Bozhilov) 6.15.95, 3. Ungheria (Bendeguz Petervari-Molnar, Gergely Papp) 6.17.23, 4. USA2 (Ian Silveira, Derek Johnson) 6.18.20, 5. Italia2 (Federico Garibaldi, Davide Mumolo-SC Elpis) 6.18.25, 6. Austria (Julius Hirtzberger, Clemens Obrecht) 6.19.45

DOPPIO PESI LEGGERI FEMMINILE
Partono discretamente nella finale C del doppio leggero le azzurre Eleonora Trivella e Valentina Rodini che sui 500 metri seguono le atlete della Repubblica Ceca con poco più di un secondo di distacco. Gruppo compatto a metà della gara, con le francesi che premono sulle azzurre a loro volta all'inseguimento delle ceche. Lo sprint della prima parte della gara si fa sentire sui muscoli delle atlete azzurre che sui 1500 perdono il contatto con le prime posizioni e si trovano in quarta posizione. Tiene la testa del gruppo fino alla fine la Repubblica Ceca che chiude in prima posizione con una netta vittoria. Alle loro spalle l'Austria, quindi la Francia. Italia 2 quarta. 1. Repubblica Ceca (Ricky Nencini, Daniela Nachazelova) 6.59.15, 2. Austria (Sara Lambing, Leonie Pless) 7.00.88, 3. Francia (Camille Leclerc, Laura Tarantola) 7.03.99, 4. Italia2 (Eleonora Trivella-VVF Billi, Valentina Rodini-SC Bissolati) 7.05.98, 5. Giappone1 (Kanako Ueda, Shoko Ueno) 7.07.02, 6. Argentina (Maria Clara Rohner, Milka Kraljev) 7.11.31.

DUE SENZA SENIOR FEMMINILE
Chiamato in causa in questa finale C, l'equipaggio di Ilaria Broggini e Veronica Calabrese deve vedersela con Argentina e Germania 2. Testa a testa sui cinquecento metri con Germania al comando ed Italia arretrata di un secondo. Guadagna qualcosa l'equipaggio tedesco sui mille ma le azzurre non sembrano avere intenzione di mollare la presa. Intorno ai 1500 però le tedesche aumentano notevolmente il vantaggio e per le azzurre non resta che la seconda posizione. 1. Germania2 (Julia Waermer, Daniela Schultze) 07.16.03, 2. Italia2 (Ilaria Broggini, Veronica Calabrese-C Gavirate) 07.26.03, 3. Argentina (Dolores Amaya, Oriana Ruiz) 7.31.94.


 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.