Il valore della memoria: I Trabaccolanti, Luigi Bonati e Luca Vascotto


ROMA, 11 giugno 2015 - Under 23, Ragazzi ed Esordienti, sono queste le categorie che saranno protagoniste del Campionato Italiano che si svolgerà a Lago Patria questo week end. E sono queste le categorie, assieme agli Junior, che preludono all'attività Assoluta, l'apice di qualsiasi sport. Consequenziale, in questo senso, è considerare gli atleti che prendono parte a queste competizioni il futuro dello sport, nello specifico del canottaggio. Sicuramente è giusto guardare al futuro, ma nel percorso di costruzione del "ciò che sarà" è di fondamentale importanza mantenere viva la memoria di "ciò che è stato". Lo sport molto spesso si spende in questo senso, intitolando luoghi, eventi o trofei con nomi che hanno lasciato un segno indelebile. Un esempio lo riscontriamo proprio nei Campionati Italiani che si svolgeranno a Lago Patria, in occasione dei quali saranno messi in palio, oltre ai Titoli Italiani, anche tre Trofei: il Trofeo “Coppa Gigi Bonati” per l'otto maschile Ragazzi, il Trofeo “Luca Vascotto” per il doppio maschile Under 23 e la Targa “Coppa d’Oro i Trabaccolanti Circolo Canottieri Barion 1894 Città di Bari” – perpetua al quattro di coppia maschile Under 23.

Per l'occasione abbiamo voluto offrire un contributo alla memoria, ricordando chi sono stati i personaggi ai quali il canottaggio italiano ha voluto dedicare il riconoscimento.
Procedendo in ordine cronologico troviamo innanzitutto la Coppa d’Oro i Trabaccolanti Circolo Canottieri Barion 1894 Città di Bari. Il trofeo in questione, come da dicitura, è intitolato ai “Trabaccolanti”, Gaetano Caccavallo, Peppino Nacci, Paolo Diana e Vittorio Narducci, atleti che ancora oggi sono considerati i pionieri baresi del canottaggio. In quattro con i vogatori pugliesi, attivi nei primi del novecento, vinsero praticamente tutto e furono i primi in Italia a fregiarsi, a Napoli, del titolo europeo dopo essersi laureati campioni nazionali. Una delle loro caratteristiche era sicuramente uno stile di voga non bellissimo da vedere ma estremamente pratico, essenziale e straordinariamente efficace. E fu proprio in riferimento a quello stile che il Capitano Andriola, comandante del piroscafo Puglia sul quale viaggiavano i canottieri baresi alla volta di Trieste (all'epoca, ancora sotto la dominazione asburgica), per disputare una delle tante vittoriose trasferte fuori Bari dette loro quel curioso nome da battaglia.

Successivamente troviamo Luigi "Gigi" Bonati un uomo che ha dedicato la sua vita alla Marina Militare e al canottaggio. Durante la Seconda Guerra Mondiale fece parte di Supermarina (Roma, Taranto, Fiume) per poi diventare responsabile amministrativo di Marisport. E' stato socio onorario del Circolo Canottieri Lazio e della Società Canottieri La Spezia nonché presidente del Collegio dei Revisori dei Conti della Federazione Italiana Canottaggio e Stella d’Oro al Merito Sportivo del CONI.

Infine c'è Luca Vascotto. Luca è stato un vogatore nato agonisticamente nei Vigili del Fuoco Ravalico, sotto la guida di Gianfranco Bosdachin, e passato poi alla Canottieri Pullino. Considerato il "Golden Boy" del remo azzurro, Luca si è messo in luce sin dai primordi della sua carriera, conseguendo risultati importanti. Ricordiamo infatti le vittorie in Coppa delle Nazioni e in Coppa del Mondo assieme a Nicola Sartori, l’eccellente quarto posto in una finale mondiale al cardiopalmo a un soffio dal podio a Aiguebelette in Francia e la convocazione nella squadra olimpica per Atlanta come riserva. Stiamo quindi parlando di un atleta dal potenziale indiscutibile che guardava ad un futuro ricco di speranze e che, sfortunatamente, è andato via troppo presto, a soli venticinque anni, a causa di un male incurabile.


Nelle immagini: la Targa “Coppa d’Oro i Trabaccolanti Circolo Canottieri Barion 1894 Città di Bari”; la consegna del Trofeo “Coppa Gigi Bonati” per l'otto maschile Ragazzi ai Tricolori di Sabaudia 2014; Luca Vascotto (a sx) e Nicola Sartori (a dx) a Lucerna 1998.

 

Prossime Regate

  • BRISBANE - 12-19/10/2019
    INAS Global Games
    RISULTATI e START LIST
  • SANREMO - 19/10/2019
    Campionato del Mediterraneo Coastal Rowing - Tappa di Sanremo
    Regolamento EuroMed2019
    Classifica EuroMed dopo 10 tappe
    Campionato Mediterraneo Planimetria
    Partenze regata Riviera dei Fiori
    Partenze regata "Via le Mani"
  • BARDOLINO - 19/10/2019
    Regata Internazionale Esagonale Giovanile
    RISULTATI GARE
  • ROMA - 19-20/10/2019
    Campionato Italiano Sprint
  • TORINO - 19-20/10/2019
    Regata Nazionale Promozionale Para Rowing - Trofeo "Rowing for Tokyo 2020"
  • EUPILIO - 19-20/10/2019
    T.E.R.A.
    RISULTATI FINALI Domenica
    RISULTATI FINALI Sabato
  • NARO - 20/10/2019
    Campionato Regionale di Fondo
  • BOSA - 20/10/2019
    Regata Regionale Sprint Trofeo Laria SLITTATA DAL 13/10 AL 20/10
  • BARDOLINO - 20/10/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
    RISULTATI GARE
  • SANREMO - 20/10/2019
    XVI Traversata Remiera Sanremo-Montecarlo Coastal Race (Regata Internazionale)
    Partenze regata CoastalRace

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.