Gli ottanta anni di Sergio “Ciaci” Tagliapietra illuminano
 la quarantunesima Vogalonga


ROMA, 06 maggio 2015 - Riconosci subito un canottiere da come ti stringe la mano. Non si tratta solo della presa ferrea allenata dal remo, ma anche della cordialità mista alla voglia di non perdersi in chiacchiere. “Ciaci” è lapidario nelle sue affermazioni: “La voga è una cosa che hai dentro e che devi trasmettere alle giovani generazioni”. E’ l’essenza del remare che porta a considerazioni che vanno oltre la semplice pratica sportiva, e Sergio Tagliapietra, classe 1935, di cose da raccontare ne ha davvero tante. Ha iniziato con la nobile arte del remo e della forcola da giovanissimo quando bisognava correre per arrivare primo al mercato con il pesce pescato dal papà. La sua carriera sportiva si mescola con il lavoro che raggiungeva remando nella laguna più bella del mondo. Storie di altri tempi, ma sono vicende che appassionano ed offrono alle giovani generazioni esempi indelebili di attaccamento alla propria terra di origine, anche se questa è soprattutto acqua. Venezia ha vissuto nella sua illustre storia le gesta di grandi uomini, ma non è fuori luogo inserire tra questi Sergio Tagliapietra detto “Ciaci”, appellativo dovuto al padre Albino per un difetto nel sillabare le esse. Quattordici vittorie nella regata storica di Venezia, diciotto in quella ad un remo di Murano, ventuno a Burano, quattordici alla festa del Redentore, quattordici a Pellestrina dove attualmente vive. Ma il suo orizzonte remiero non si ferma solo alla vogata veneta. Sergio Tagliapietra annovera pure due partecipazioni olimpiche nell’otto a Melbourne nel 1956 e Tokio nel 1964. Un atleta completo, quindi, fortissimo nella voga tradizionale in laguna, ma anche solido e tenace in quella all’inglese. Dal 1988 ha lasciato l’agonismo per dedicarsi ai giovani: insegna a remare nella società di Pellestrina. Anche quest’anno sarà ad aspettare gli amici sul pontone di arrivo alla Punta della Dogana e sarà una bella Vogalonga quella che si concluderà con un saluto a “Ciaci”. Comunque chi vuole conoscere meglio questa leggenda del remo italiano potrà leggere il libro a cura di Antonio Padovan dal titolo “Sergio Tagliapiatra Ciaci, Una vita per il remo. Storie di voga alla veneta, di canottaggio e di pesca in laguna”, Cierre Edizioni.

Prossime Regate

  • BARDOLINO - 12-13/10/2019
    Campionati Italiano in Tipo Regolamentare Trofeo del Mare Senior Junior Ragazzi in GIG4X+ Campionato Italiano in Tipo Regolamentare Master
    RISULTATI Domenica
    RISULTATI Sabato
  • BRISBANE - 12-19/10/2019
    INAS Global Games

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.