Il Memorial Paolo d’Aloja il giorno dopo


ROMA, 13 aprile 2015 - L’Italia alla fine della tre giorni internazionale di Piediluco continua ad allenarsi con la consapevolezza di aver vinto, nuovamente diremmo, la classifica per Nazione e con un bottino di tutto rispetto di 57 medaglie (15 oro, 21 argento, 21 bronzo). Tutti gli atleti, italiani e stranieri, hanno gareggiato al meglio delle loro possibilità attuali facendo registrare, specialmente nelle competizioni senior, ma in alcuni casi anche in quelle junior, un buon livello tecnico e questo ha dato modo ai vari tecnici stranieri presenti a Piediluco, ma per quello che ci riguarda soprattutto alla Direzione Tecnica azzurra, di comprendere meglio lo stato di preparazione dei propri atleti all’inizio della stagione agonistica internazionale. Abbiamo potuto notare nazioni emergenti salire sul podio, come ad esempio lo Zimbabwe e Malta, quest’ultima al suo primo approccio internazionale (il Training Camp è stato seguito dai tecnici Fayçal Soula, Chokri Ben Miled e Giuseppe De Capua).

Ed è stato proprio il Training Camp uno dei motori del Memorial Paolo d’Aloja poiché ogni anno diventa un autentico melting pot nel quale far crescere e sviluppare il canottaggio in altre regioni del mondo. L’Italia è sempre stata in prima fila nella sperimentazione e, sin dalle prime edizioni, ha ospitato il Training Camp FISA accogliendo lo scorso anno, come ha fatto recentemente anche l’Australia, su indicazione della Federazione Internazionale la sperimentazione dei 2000 metri per le regate Para-Rowing durante il Memorial 2014. Da sottolineare, inoltre, che lo storico delle Nazioni partecipanti al Memorial Paolo d’Aloja dal 2006 ad oggi è il seguente: 20 Nazioni nel 2006, 22 nel 2007 e nel 2008, 14 nel 2009, 16 nel 2010, 14 nel 2011, 27 nel 2012, 20 nel 2013, 30 nel 2014 e 24 nel 2015.

Su quest’onda lunga, grazie ai tavoli di lavoro realizzati dalla FISA durante la Conferenza Internazionale delle Nazioni dove l’Italia, dal 2014, siede insieme ad altre importanti Nazioni, la Federazione Italiana Canottaggio segue lo sviluppo del canottaggio a Malta e Marocco e si appresta ad ospitare, a Gavirate, il primo Para-Rowing Development Camp (FISA/Agitos Foundation) che coinvolgerà quei Paesi che non hanno ancora partecipato ai Giochi Paralimpici nel canottaggio. Il Development Camp si svolgerà nei giorni precedenti la regata Internazionale Para-Rowing organizzata dalla Canottieri Gavirate del Presidente Giancarlo Pomati e del Tecnico di caratura internazionale Paola Grizzetti.

Oltre a questi appuntamenti collegiali internazionali l’Italia, in occasione dei Beach Games, organizzerà un Training Camp per il Coastal Rowing, che si svilupperà a Formia, presso il Centro di Preparazione Olimpica del CONI, e sarà sostenuto e finanziato dal board dei Giochi del Mediterraneo. All’appuntamento tecnico hanno aderito già diversi Paesi che hanno intenzione di prendere parte ai Beach Games di Pescara. Insomma si parte dal Memorial Paolo d’Aloja per il canottaggio olimpico, poi si sale a Gavirate per il canottaggio paralimpico e si scende a Formia per quello costiero e tutto questo per dare contezza degli impegni internazionali assunti dal Presidente Giuseppe Abbagnale e da tutto il Consiglio.

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.