Doppio pesi leggeri femminile, medaglia d'argento per Pollini-Rodini


PIEDILUCO, 12 aprile 2015 - Bella la gara del doppio PL femminile. L'equipaggio svizzero parte alla grande, staccando il gruppo e guadagnando un bel margine. Ci credono però le azzurre Giulia Pollini (SC Cernobbio) e Valentina Rodini (SC Bissolati) che, superati i 750 metri, incominciano un bel recupero fino a portarsi testa a testa con le avversarie in prima posizione. Anche stavolta è solo il fotofinish a decretare la vittoria delle svizzere con l'Italia ad un passo dall'oro.

Giulia Pollini (SC Cernobbio), "E' stata una gara abbastanza faticosa perché era la quarta sulle gambe. Sul passo potevamo fare qualcosa di più ma la chiusura ci è venuta benissimo. Abbiamo perso per un pelo. Ci dispiace per quello ma comunque è andata bene soprattutto considerando che siamo riuscite a maturare un buon assieme nel poco tempo che abbiamo avuto per lavorare su questa formazione".

 

Prossime Regate

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.