Memorial d’Aloja 2015: Le dichiarazioni dei protagonisti (prima parte)


PIEDILUCO, 12 aprile 2015 -

Pietro Ruta (Fiamme Oro), doppio pesi leggeri: "Abbiamo deciso, con l'allenatore, di mettere giù una tattica un pochino diversa proprio prima di uscire in acqua. Alla fine il discorso di chiudere e dare tutto in gara rimane sempre la base. Siamo soddisfatti di questo risultato però dobbiamo guardare avanti".

Veronica Calabrese (C Gavirate), due senza senior: "La gara è stata tosta. C'era molta ansia in più rispetto a ieri e gestirla è stato difficile. Questo forse perché era salita l'aspettativa. C'è anche da dire che incontrare l'altro equipaggio italiano (Gaia Palma-SC Lario e Beatrice Arcangiolini-SC Firenze) per noi è stato un buon test. Abbiamo fatto tutta la gara punta a punta e questo ci ha stimolato a dare tutto. L'Irlanda purtroppo ci ha sfilato prima rispetto a ieri. La Spagna invece ci va sempre via gli ultimi 500 metri. Comunque, nel complesso, posso parlare di una prestazione positiva".

Sara Magnaghi (SC Moltrasio), singolo: "Rispetto a ieri sono partita decisamente meglio. Sono riuscita a rimanere nel gruppo poi ho imposto il mio passo. I colpi erano un po' bassi, devo ancora un attimo rodarmi. Questo comunque resta un punto di partenza, spero di far meglio più avanti".

Armando Dell'Aquila (Fiamme Oro), quattro senza pesi leggeri: "Secondo me è stata una gara molto positiva. Abbiamo provato la barca per pochi chilometri ieri pomeriggio. Con Giorgio Tuccinardi già c'era un bel feeling mentre con Petru Alin Zaharia era ancora da assestare. Però tutto sommato credo che abbiamo dimostrato di essere un buon equipaggio".

Romano Battisti (Fiamme Gialle), singolo senior: "La gara di oggi è stata abbastanza soddisfacente. Ho provato ad insidiare l'atleta cubano, devo dire molto preparato. Diciamo che ho fatto del mio meglio col poco tempo che ho avuto per prepararmi in singolo, specialità che, peraltro, ho potuto vedere essere cresciuta a livello azzurro. Ovviamente tutto questo in attesa del rientro di Francesco (Fossi ndr)".

Pierpaolo Frattini (CC Aniene), otto senior: "Oggi abbiamo fatto una gara più consapevole e concreta rispetto a ieri, quando gli under 23 ci hanno messo in difficoltà nella prima parte del percorso. Abbiamo cercato di migliorare gli aspetti negativi e comunque della prestazione in gara siamo soddisfatti. Noi facciamo parte del progetto otto, una cosa che mi stimola molto e mi emoziona sia in ottica mondiale che eventualmente olimpica. La Federazione è chiaramente decisa a portare avanti il discorso. Anche i ragazzi ce la stanno mettendo tutta. Siamo consci anche che il nostro equipaggio è forse quello un po' più indietro a livello di amalgama e di formazione definitiva. Durante la stagione abbiamo riscontrato qualche defezione per infortuni o altri problemi. Però il tempo per lavorare c'è e mi sembra che siamo sulla strada giusta. Colgo l'occasione per fare un saluto al nostro grande compagno di barca Matteo Stefanini che in questi giorni sta poco bene. Spero che si rimetta in fretta e che torni al più presto a darci una mano perché è una delle pedine fondamentali della barca".

 

 

Prossime Regate

  • SHENZHEN - 25-27/10/2019
    World Rowing Beach Sprint Finals CM1x e CW1x
  • VARESE - 26/10/2019
    Regata Insubria Rowing Cup
  • VARESE - 27/10/2019
    1^ tappa - Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo 4x e 8+
    Statistica Equipaggi gara

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.