La campagna emozionante e provocatoria “Chi è perfetto?”
 per parlare di disabilità


ROMA, 02 aprile 2015 - Al mondo nessun essere umano si può ritenere perfetto, quindi nessuno è perfetto, neanche chi ha la possibilità di ricorrere alla chirurgia estetica. Tutto questo nonostante la società moderna continui a essere bombardata da immagini di corpi, sia femminili che maschili, statuari e apparentemente senza difetti, mentre lo sport, settore inclusivo più di ogni altro, dopo le Olimpiadi di Londra 2012 ha preso contezza che il mondo della disabilità può esprimere energia e potenzialità enormi con uomini e donne che hanno voglia di tornare a “contare” in una società che tutto fagocita.

Le discipline sportive, in genere, e quella remiera, in particolare, ogni giorno fanno sempre più i conti con atleti che hanno disabilità sia fisiche che intellettive, mentre il CIP si sta avviando a diventare finalmente Ente pubblico. Insomma spostando il discorso in altri settori, possiamo dire che anche la moda sembra allontanarsi dal proporre standard di bellezza artificiale affidando, quindi, le griffe a persone “normali” e, per far comprendere meglio quello che sta accadendo, utilizzando la Rete, ci piace pubblicizzare l’idea di Pro Infirms, la più grande associazione svizzera nata per sostenere i disabili.

Questa associazione ha regalato al mondo un emozionante video, che vi proponiamo, in cui ha risposto, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, a una domanda provocatoria: “Perché chi è perfetto?”. I manichini, presunti simboli di perfezione, sono stati modellati a immagine e somiglianza di individui affetti da scoliosi e osteogenesi imperfetta oppure con un arto menomato. I volti e i corpi dei modelli sono quelli di Jasmin Rechsteiner Miss Handicap 2010, di Alex Oberholzer conduttore radiofonico e critico cinematografico, di Urs Kolly atleta paralimpico di atletica leggera, di Nadja Schmid blogger e di Erwin Aljukic, attore. La riflessione sul tema della disabilità si è spostata poi in vetrina: i manichini diversamente abili sono stati utilizzati in alcuni negozi di Zurigo. Buona visione.
 

 

Prossime Regate

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.