SC Corgeno: La quantità è il primo passo per la qualità


PIEDILUCO, 28 marzo 2015 - Certamente anche se le regate sono ancora in corso la Canottieri Corgeno porta a casa un risultato di rilievo: è la società con il maggior numero di iscritti al primo meeting nazionale 2015. Michele Marchettini, Direttore Sportivo della Corgeno, rimane quasi sorpreso per una notizia per molti aspetti attesa. Come è possibile raggiungere un risultato così significativo aldilà delle regate? “Non lo sapevamo, quando ci siamo iscritti non abbiamo sospettato nulla: abbiamo semplicemente messo insieme un po’ di atleti per formare gli equipaggi e ci siamo trovati in testa alle statistiche”. Come avete raggiunto questo obiettivo? “Noi abbiamo molti iscritti e tanti atleti, da un paio di anni stiamo ricostruendo la squadra dopo la fine del ciclo agonistico di quelli più grandi. La nostra società ha una squadra giovane, composta anche da giovanissimi che, però, non abbiamo iscritto a queste regate di Piediluco”. Esiste un collegamento tra quantità e qualità? “Si spera che si raggiunga questo obiettivo, di certo che nella quantità si riesce a trovare la qualità. Ci vuole comunque organizzazione e talvolta un po’ di fortuna a trovare un atleta di talento”.

La società come si organizza di fronte a questo elevato numero di iscrizioni? “In modo assolutamente consueto: c’è un allenatore principale che segue i più grandi poi ci sono tre tecnici giovanili che si dividono il compito con un altro paio di persone. In questo modo riusciamo a seguire davvero tutti”. Per raggiungere questo risultato quale ruolo svolge la comunicazione, avete qualche metodo particolare? “Noi andiamo tanto nelle scuole. Nella nostra zona non siamo vicinissimi ad altre importanti società, anche se, di contro, non abbiamo una tradizione molto forte come i sodalizi presenti nel Lago Maggiore con la loro rete di amicizie e parentele consolidate nel tempo. Diciamo comunque che con tanti atleti i contatti crescono e questo può anche spiegare il successo di iscritti negli ultimi anni. Per raggiungere, comunque, la qualità gli atleti debbono avere voglia di sacrificarsi. Il canottaggio è uno sport di sacrificio, ma bisogna metterli in condizione, agevolarli e favorirli in vari modi: in sintesi devono imparare a remare bene e noi dobbiamo essere altrettanto bravi ad insegnare ed allenarli nella maniera giusta”.


Nelle foto: Michele Marchettini con alcuni atleti del Corgeno. Michele Marchettini

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.