Cento anni di storia futura
 Il Centenario del Circolo Canottieri Napoli


MILANO, 22 ottobre 2014 - Il Circolo Canottieri Napoli recentemente, a ricordare l'anniversario di fondazione avvenuta il 1^ luglio 1914, ha voluto avviare una originale forma celebrativa del centenario con la collaborazione di Poste Italiane, realizzando una simpatica cartolina illustrata, col richiamo al simbolo societario e le immagini di alcuni campioni di maggiore rilevanza. E naturalmente non poteva mancare il relativo timbro speciale figurato, una sorta di convalida dei fatti, del resto come usava un tempo quando in mancanza di altre documentazioni certe era importante anche il documento postale debitamente timbrato. E grazie alla gentilezza dell'avv. Nicola De Simone propongo ai gentili lettori di questa rubrica l'immagine della cartolina e dell'annullo speciale proposto da Poste Italiane a celebrazione della importante importante ricorrenza arricchito dal francobollo per il centenario del CONI.

La Canottieri Napoli, agli inizi “Club” ed in seguito “Circolo Canottieri Napoli”, c'era e si avviava con orgogliosa passione alle prime gare: il primo presidente, eletto per acclamazione, fu Emilio Anatra. Prima barca da canottaggio, donata dallo stesso presidente, fu una yole a 8 e poi con l'apporto dei soci la flotta remiera si allargò per il generale desiderio di rinverdire la passione per il canottaggio e le regate a remi. Il primo obiettivo fu preparare gli equipaggi per la Coppa Lysistrata, ancor oggi prestigioso premio alla passione dei canottieri napoletani, ed a meno di un anno dalla fondazione, agli inizi del maggio 1915 la conclusione di gara (che ricordava i precedenti 5 successi del Savoia ed uno dell'Italia), con due equipaggi del “Napoli” al primo e secondo posto. E l'importante risultato fu considerato un buon segno.

Poi il lungo percorso d'onore sia con le barche a remi da regata, che con le altre specialità d'uso e di passione tra gli sportivi del mare, senza trascurare anche il nuoto. E dai primi anni di vita sportiva è decisamente importante l'avvio degli anni trenta, quando la Canottieri Napoli, e proprio a Napoli e da lei organizzati, ai Campionati Italiani del 1933 vinse il suo primo titolo nazionale nel 2 con timoniere, grazie al valore di un equipaggio che da alcuni anni stava esprimendo le proprie qualità mirate al traguardo ed al quale è stato dedicato in rete un particolare ricordo, dedicato alla “leggenda di Cesi e Iaccarino”, che merita di essere letta e riletta, sia nella sua esposizione generale ma anche per i sentimenti che ripropone, non trascurando il ricordo della sfortunata partecipazione ai successivi Campionati Europei che avrebbero dovuto e potuto significare una preziosa medaglia, ma destino, sfortuna e forse un pizzico di disattenzione annichilirono le prospettive dell'equipaggio. Ed a mia volta aggiungo un pizzico di pignoleria a questi ricordi inserendo le foto della “torre” d'arrivo (che non è richiamata nella bella rievocazione) realizzata sulla torretta di un sommergibile alla fonda, da cui venivano “sparati” gli ordini d'arrivo.


Ferruccio Calegari

 

LA LEGGENDA DI CESI E IACCARINO


Ripristinando un antico rito remiero, domenica 29 giugno, al termine della II edizione della Coppa Buonaiuto, sul piazzale del Molosiglio la Canottieri procederà al battesimo delle sue nuove imbarcazioni di canottaggio: tra queste, il doppio viene intitolato a Beniamino Cesi e Roberto Iaccarino. Significativo è che ciò accada proprio alla vigilia del Centenario, due giorni prima della fatidica data, quando più urgente in tutti cresce un moto di riappropriazione della storia del nostro Sodalizio. Il supremo Davide Tizzano ricorda che, quando cominciò a remare, a qualsiasi giovane di belle speranze si faceva ancora il nome di Cesi e Iaccarino quale metro dell’eccellenza. Un’aura di leggenda ha accompagnato il loro epos, come accade di un tempo lontano e glorioso di cui oggi si riescono a percepire gli echi. E alla fine degli anni ’20, quando la Lysistrata era il palio del mare e tutta la città si riuniva a Posillipo per seguire l’evento, Cesi e Iaccarino conquistano la prestigiosa Coppa con l’equipaggio del C.C.N. che piazza una clamorosa tripletta tra il ’27 ed il ’29. Ai primi Giochi Mondiali Universitari del 1930 a Darmstadt, presenti 32 Nazioni, si aggiudicano l’oro in “due senza”: è la premessa di un dominio che li porta a vincere cinque titoli italiani, 35 gare consecutive in cui travolgono tutti, compresa la celebre coppia del Pallanza formata da Lucchini e Rino Galeazzi, il padre del noto telecronista. In Patria, l’incipit della saga cade in un’occasione perfetta, quasi a seguire l’avvincente sceneggiatura di un film.

Nel 1933 l’edizione numero 40 dei Campionati Italiani del Remo si tiene infatti a Napoli sotto l’alto patronato dei Principi di Piemonte, che assistono alle gare dall’apposito Palco Reale; lungo il campo di regata, duemila metri tra Villa Marina presso Capo Posillipo ed il Bagno Nuova Italia, sono montate tribune definite “monumentali” perché capaci di oltre 3.000 posti. La Canottieri aveva da poco trasferito la sede al Molosiglio, era nota per le attività, lo stile, l’impostazione e per i diversi successi di categoria conseguiti, ma ancora le mancava un trionfo, un titolo assoluto, che la facesse definitivamente decollare ponendola nell’olimpo del canottaggio nazionale; per di più organizzava l’evento. Le speranze del C.C.N. e della città si appuntano tutte su Cesi e Iaccarino: il loro due con (denominato “Flik Flok”), timoniere Aldo Tamburrini, è però superato in batteria da Treviso. Il 30 luglio, ultimo giorno di regate, arriva la finale più attesa, che possiamo ripercorrere dalle cronache reperite.

“Le emozioni maggiori i napoletani le hanno trovate nella gara del due di punta con timoniere, vinta dal Napoli con autorevolezza inattesa. Genova e Treviso avevano saccheggiato i pronostici. Ma la radio annunciava che ai 300 metri il Napoli aveva vigorosamente preso la testa. Scoppia il giubilo sulla tribuna ed immediato silenzio nel cogliere le fasi della prova. A 500 metri i giallorossi sono ancora in testa nonostante l’attacco di Treviso e Genova. Entusiasmante bordo a bordo tra Napoli e Genova con leggero vantaggio del Napoli di un quarto di imbarcazione. Ai mille, ai millecinquecento metri il Napoli guida sempre di mezza imbarcazione. Magnifica si fa la condotta di gara del Napoli che non solo rintuzza tutti gli attacchi ma nel serrate guadagna poderosamente vantaggio. E l’ansia attanaglia la folla. E la folla temeva, temeva che la sua immensa letizia presto fosse avvelenata. Non doveva essere così. Il Napoli imboccava già vittorioso il rettilineo d’arrivo, due imbarcazioni di vantaggio la ponevano al sicuro. Ma la folla col grido Napoli ! Napoli ! lanciò il suo cuore sul mare e l’applauso fu colto dai tre giallorossi. Il vantaggio nel serrate fu raddoppiato. La tribuna diventava la stessa tribuna dell’Ascarelli, dagli entusiasmi irrefrenabili ed indescrivibili” (da Il Mezzogiorno Sportivo del 31 luglio 1933). I nostri due tagliano in testa il traguardo col tempo di 8’04”3, secondo dell’anno in Europa e secondo ogni-epoca in Italia. Il successo li proietta, a luglio, agli Europei, la massima competizione internazionale dell’epoca dopo le Olimpiadi: a Budapest, dinanzi all’Isola Margherita, sfilano secondi in batteria col tempo di 7’16”4, ma la finale non riescono a disputarla: la partenza viene annullata quattro volte, due per abbordaggio, una perché agli Azzurri si spezza il timone; l’inconveniente si ripete, Cesi alza la mano per segnalare l’accaduto all’arbitro, che però non ferma la gara.

Per smaltire il disappunto, l’anno dopo, il 23 luglio a Castelgandolfo, Cesi e Iaccarino, ormai inarrestabili, rivincono il titolo infliggendo agli antagonisti l’abissale distacco di venti secondi. Ad entrambi viene attribuito il titolo di Soci benemeriti. Beniamino Cesi, il cui papà, Spartaco, era stato nostro Consigliere Tesoriere durante i lavori per la costruzione della nuova sede al Molosiglio, è l’atleta prominente del periodo: la sua figura possente, quasi un’icona, domina il piazzale; ruvido e forte, poco incline alla diplomazia, pronto ad aiutare gli amici, resterà per generazioni riferimento dei canottieri giallorossi, che ne lodavano la smisurata potenza, il carattere ad un tempo arcigno e generoso. Arruolatosi nei Granatieri di Sardegna, sarà Ufficiale e Presidente dell’Associazione Nazionale del corpo dei Bianchi Alamari. Roberto Iaccarino continuerà a vogare fino al’48, accompagnando con passione le nuove generazioni di vogatori del Circolo.

Le loro figure restano immortali. Cesi e Iaccarino sono stati i primi supremi campioni del remo giallorosso, i primi a vincere il titolo assoluto, a ripetersi, a dominare a tal punto da essere considerati invincibili, i più gradi vogatori napoletani dell’anteguerra. Ancora nel 1988 l’allora Presidente del C.C.N. Ralph Camadrella in una sua missiva scriveva loro: ”Le Vostre imponenti figure, da me tante volte ammirate nella fotografie, rappresentano l’immagine da perseguire per dare un significato al nostro Circolo”. Erano passati cinquant’anni dalle loro gesta, e domenica saranno ancor di più. Ma la storia, a volte, si dilata nelle suggestioni del mito.



(Pagine di storia del C.C. Napoli – 28/06/2014)

Foto & Video

Prossime Regate

  • Partinico - 15-16/06/2019
    Meeting Nazionale Giovanile e Master
    Meeting Nazionale
    RISULTATI GARE
    Equipaggi Regionali
    RISULTATI GARE
  • Genova - 15-16/06/2019
    Meeting Nazionale Giovanile e Master
    Meeting Nazionale
    RISULTATI Domenica
    RISULTATI Sabato
    Equipaggi Regionali
    RISULTATI Domenica
  • POZNAN - 22-23/06/2019
    Rowing World Cup II
  • FIRENZE - 22/06/2019
    3^ prova Toscana sprint
  • TRIESTE - 22/06/2019
    6^ Regata Internazionale dell'Europa Unita
  • SENISE - 22/06/2019
    Regata Regionale Promozionale RECUPERO GARA ANNULLATA DEL 12/05
  • SABAUDIA - 22/06/2019
    TROFEO CONI - Fase Regionale
  • SAN BENEDETTO DEL TRONTO - 23/06/2019
    Coastal Rowing - XII Edizione Trofeo Challenger "Adriatic Cup" (FUORI PROGRAMMA) recupero gara annullata del 19/05
  • TRIESTE - 23/06/2019
    Regata Regionale Sprint
  • FIRENZE - 23/06/2019
    Regata regionale sprint Master (FUORI PROGRAMMA) ANNULLATA
  • CORGENO - 23/06/2019
    Regata Regionale Valida d'Aloja
  • SENISE - 23/06/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
  • NAPOLI - 23/06/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
  • SABAUDIA - 23/06/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
  • TORINO - 24/06/2019
    Regata Regionale Promozionale di San Giovanni

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.