Gravelines: Risultati e Resoconti BATTERIE


GRAVELINES, 12 settembre 2014 -

QUATTRO SENZA SENIOR FEMMINILE
Prima batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi
: Gara emozionante con il quartetto azzurro che, partito lento e passato al quarto posto fino a metà gara, ha iniziato a recuperare in progressione sopravanzando prima l'Olanda e poi, grazie ad un brillante finale di gara, anche la Polonia che aveva mantenuto la seconda piazza per tutta la regata. Sul traguardo, prima la Francia e seconde le azzurre. Italia in finale. 1. Francia 7:08.38, 2. Italia Ludovica Lucidi (Tevere Remo), Irene Vannucci (CUS Torino), Erika Faggin (C Gavirate), Elsa Carparelli (SC Monopoli 2005) 7:09.13, 3. Polonia 7:10.03, 4. Olanda 7:10.24, 5. Norvegia 7:19.80.
Seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna 6:53.44, 2. Repubblica Ceca 6:55.89, 3. Germania 7:02.29, 4. Canada 7:17.84, 5. Irlanda 7:23.33.

DOPPIO SENIOR MASCHILE
Prima batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: Al via scappa subito la Polonia con Italia e Austria ad inseguire. A metà gara la Polonia è nettamente al comando, ma gli azzurri si sono scrollati di dosso gli inseguitori e si mantengono saldamente in zona qualificazione.
Ai 1500 tenta di rientrare dalle retrovie il Canada, ma Mumolo e Garibaldi rispondono e si qualificano per la finale con il secondo posto alle spalle della Polonia. Italia in finale. 1. Polonia  6:33.79, 2. Italia Davide Mumolo (SC Elpis), Federico Garibaldi (SC Elpis)  6:38.50, 3. Canada 6:44.28, 4. Austria 6:53.76, 5. Norvegia 6:59.04.
Seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: 1. Estonia 6:39.16, 2. Olanda 6:40.72, 3. Brasile 6:55.98, 4. Corea 7:04.43, 5. Svezia 7:07.99.

SINGOLO SENIOR MASCHILE
Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: Gara incerta nella prima parte, con Ungheria, Belgio, Italia e Irlanda nello spazio di pochi metri. Nella seconda metà gara l'Ungheria allunga inseguita da Belgio e Italia, mentre dalle retrovie rinviene forte l'Olanda che proprio sul traguardo brucia Simone Martini per 4 centesimi. Vittoria e passaggio del turno per l'Ungheria. Italia ai recuperi. 1. Ungheria 7:08.70, 2. Belgio 7:12.82, 3. Olanda 7:15.52, 4. Italia Simone Martini (SC Padova) 7:15.56, 5. Austria 7:30.79, 6. Irlanda 7:47.27.
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Polonia, 2. Gran Bretagna, 3. Messico, 4. Russia, 5. Monaco, 6. Repubblica Slovacca.

SINGOLO SENIOR FEMMINILE
Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi
: 1. Germania 7:48.47, 2. Olanda 7:54.66, 3. Russia 8:00.53, 4. Finlandia 8:00.91, 5. Francia 8:01.66, 6. Norvegia 8:41.49.
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: Gara dominata nettamente dalla forte atleta della Repubblica Ceca. Nelle retrovie, invece, lotta iniziale per tentare di contenere lo strapotere ceco, tra Australia e Italia che, sul traguardo, si classificano rispettivamente seconda e terza. Italia ai recuperi. 1. Repubblica Ceca 7:50.13, 2. Australia 7:50.13, 3. Italia Eleonora Denich (CMM Nazario Sauro) 8:11.69, 4. Polonia 8:19.99, 5. Svezia 8:34.00.

DOPPIO PESI LEGGERI MASCHILE
Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi
: Gara molto veloce e combattuta sin dalle prime palate tra Ungheria, Germania e Italia, con la barca magiara a fare l'andatura tallonata, nella prima parte di gara dalla barca tedesca e da quella italiana, con l'Irlanda leggermente attardata. Nella seconda parte, a 1450, l'Ungheria aumenta il ritmo sollecitata dagli inseguitori, mentre dalle retrovie rinviene forte l'Irlanda che, malgrado un disperato serrate, non riesce a superare la barca azzurra per due centesimi. Italia in semifinale. 1. Ungheria 6:34.76, 2. Germania 6:36.21, 3. Italia Matteo Mulas (CLT Terni), Edoardo Buoli (Cus Pavia) 6:36.83, 4. Irlanda 6:36.85, 5. Finlandia 6:36.85.
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Gran Bretagna 6:39.22, 2. Svizzera 6:48.67, 3. Nuova Zelanda 6:56.57, 4. Belgio 7:31.72, 5. Malesia 7:36.58.
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Francia 6:37.64, 2. Repubblica Slovacca 6:53.14, 3. Polonia 6:55.94, 4. Australia 7:07.22.

DOPPIO PESI LEGGERI FEMMINILE
Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi
: 1. Polonia 7:20.21, 2. Irlanda 7:24.26, 3. Svizzera 7:25.26, 4. Messico 7:26.38, 5. Australia 7:28.68, 6. Canada 7:30.25.
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: Partono bene le azzurre che fino ai 700 metri sono sostanzialmente sulla stessa linea con Gran Bretagna a fare da battistrada, seguita da Olanda e Repubblica Ceca. Nella seconda parte la barca inglese aumenta il ritmo e si porta nettamente al comando, mentre Olanda e Repubblica Ceca, pur continuano ad attaccare, non riescono a rimanere agganciate alle britanniche, e le sorelle Lo Bue, nonostante provino a ricuperare terreno, mantengono la posizione di metà gara. Italia quarta, ai recuperi. 1. Gran Bretagna 7:19.36, 2. Olanda 7:25.42, 3. Repubblica Ceca 7:28.42, 4. Italia Giorgia Lo Bue, Serena Lo Bue (SC Palermo) 7:42.03, 5. Sud Africa 7:46.16, 6. Ungheria 7:54.22.

SINGOLO PESI LEGGERI MASCHILE
Prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna  7:16.72, 2. Spagna 7:21.45, 3. Francia  7:24.82, 4. Irlanda 7:25.30, 5. Australia 7:40.49, 6. Corea 7:47.34.
Seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: E' l'atleta tedesco a dominare la gara sin dalle prime battute, tallonato dalla barca russa. A metà gara la barca azzurra è quarta ma tenta di sopravanzare il Portogallo che reagisce e chiude in terza posizione davanti all'Italia, quarta. In semifinale Germania e Russia. Italia ai recuperi. 1. Germania 7:11.38, 2. Russia 7:18.30, 3. Portogallo 7:25.54, 4. Italia Jacopo Protano (SC Esperia) 7:31.13, 5. Austria 7:32.65, 6. Norvegia 7:45.99.
Terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Ungheria 7:17.88, 2. Polonia 7:27.72, 3. Olanda 7:35.08, 4. Repubblica Slovacca 7:46.64, 5. Malesia 7:48.68, 6. Marocco 8:41.56.

SINGOLO PESI LEGGERI FEMMINILE
Prima batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi
: 1. Gran Bretagna 7:56.75, 2. Russia 8:04.75, 3. Canada. 8:11.91, 4. Brasile 8:16.45, 5. Irlanda 8:23.94.
Seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: Partenza in sordina di Greta Masserano con la Polonia che inizia da subito a fare il ritmo, seguita dalla Francia che l'ha incalzata per tutto il percorso. La barca azzurra a metà gara prova ad attaccare le prime posizioni, ma non riesce a ricuperare e quindi chiude al quinto posto nella gara vinta dalla Polonia seguita dalla Francia, che accedono direttamente alle finali. Italia ai recuperi. 1. Polonia 7:52.27, 2. Francia 7:55.20, 3. Nuova Zelanda 8:05.52, 4. Repubblica Ceca 8:13.00, 5. Italia Greta Masserano (Cus Torino) 8:17.25.

  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.