I pesi leggeri azzurri chiudono il mondiale con un quarto e un sesto
 posto


AMSTERDAM, 30 agosto 2014 - Si è conclusa la penultima giornata di finali del mondiale assoluto col quarto posto del doppio pesi leggeri uomini e il sesto posto del doppio pielle femminile. Nelle finali di consolazione, dal settimo all’ottavo posto, vincono due senza e quattro senza senior maschile. Sesto, invece, il quadruplo femminile.

Il primo equipaggio azzurro a disputare la finale è stato il doppio leggero di Andrea Micheletti e Pietro Ruta (Fiamme Oro) che, dopo essere rimasti sempre nel gruppo di testa, si sono ritrovati in un tiratissimo finale dove l'Italia ha pagato il ritmo serrato, tenuto tra i 1250 e i 1750, cedendo negli ultimi 250 metri, mentre a sorpresa l'equipaggio sudafricano dei campioni olimpici in quattro senza PL, James Thompson e John Smith, al termine di una rimonta in acqua uno, la più riparata, ha beffato i favoriti francesi Stany Delayre e Jeremie Azou di soli nove centesimi. La Norvegia, campione del Mondo in carica, ha vinto il bronzo. Alle loro spalle sono giunti i coraggiosi Ruta e Micheletti che, dopo averci provato, si sono dovuti contentare del quarto posto per il secondo anno consecutivo (anche nel 2013 a Chungju si piazzarono al quarto posto).

Nulla da fare, invece, per Elisabetta Sancassani e Laura Milani (Fiamme Gialle) che, per difendere il titolo mondiale, si sono trovate a regatare nella corsia più sfavorevole, l’acqua sei, la quale in ogni modo non le ha scoraggiate, anzi le due atlete, pur partendo lente – ma è una loro caratteristica – hanno lottato palata su palata per oltre metà gara per ricuperare il gap iniziale. Sul finale, nonostante la voglia di riemergere dall’ultima posizione, la barca azzurra si è dovuta arrendere all’evidenza di una gara combattutissima che ha visto la Nuova Zelanda laurearsi campione del Mondo davanti ad un Canada pericoloso e incalzante fino alla fine e alla Cina che, quinta per oltre tre quarti del percorso, ha trovato incredibilmente le forze per sorpassare e beffare, di pochi centesimi, per il bronzo quel Sudafrica rimasto in zona medaglia per 1970 metri. Le azzurre hanno chiuso seste in un mondiale tutto da dimenticare. Per la cronaca la Giuria, in corsa, ha deciso di cambiare nuovamente le linee d’acqua alle ultime gare del programma per il cambio di direzione del vento.

Ad anticipare le finalissime sono state le finali B, disputate per concorrere all’assegnazione di un posto che va dal settimo al dodicesimo. In gara il due senza di Marco Di Costanzo (Fiamme Oro) e Matteo Castaldo (RYCC Savoia) e il quattro senza di Vincenzo Abbagnale (Marina Militare), Mario Paonessa, Matteo Lodo e Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle), che si sono aggiudicati la rispettiva finale dopo una dura lotta con gli avversari per tutti i duemila metri. Finale B anche per il quattro di coppia femminile di Sara Magnaghi (SC Moltrasio), Alessandra Patelli (SC Padova), Laura Schiavone (CC Irno) e Sara Bertolasi (SC Lario) che ha chiuso la gara in sesta posizione. Domani ultimo giorno di finali con l’Italia in gara alle 13.03 con il doppio senior di Francesco Fossi e Romano Battisti (Fiamme Gialle). In programma anche tre finali B per le barche azzurre: alle 10.53 il quattro senza pesi leggeri, alle 11.13 il singolo senior maschile e alle 11.33 l'otto senior maschile.


Nelle foto (Canottaggio.org - Mimmo Perna): il doppio PL maschile Ruta-Micheletti e il doppio PL femminile Sancassani-Milani; il due senza Castaldo-Di Costanzo; il quattro senza senior maschile; il quattro di coppia senior femminile.


I RISULTATI DELLE FINALI DEGLI AZZURRI

DOPPIO PESI LEGGERI UOMINI:
1. Sud Africa James Thompson, John Smith 6.05.36, 2. Francia Stany Delayre, Jeremie Azou 6.05.45, 3. Norvegia Kristoffer Brun Are Strandli 6.05.79, 4. Italia Andrea Micheletti Pietro Ruta (Fiamme Oro) 6.09.53, 5. Germania Moritz Moos, Jason Osborne 6.15.11, 6. Olanda Tycho Muda, Vincent Muda 6.20.51.

DOPPIO PESI LEGGERI DONNE: 1. Nuova Zelanda Julia Edward, Sophie Mackenzie  6.48.56, 2. Canada Lindsay Jennerich, Patricia Obee  6.50.41, 3. Cina Dandan Pan, Weryi Huang 6.53.40, 4. Sud Africa Kirsten McCann, Ursula Grobler 6.54.21, 5. Australia Alice McNamara, Ell Flecker 6.56.62, 6. Italia Laura Milani, Elisabetta Sancassani (Fiamme Gialle) 6.59.99,

  

Prossime Regate

  • BELGRADO - 26-27/09/2020
    European Rowing Junior Championships
  • SAN GIORGIO DI NOGARO - 26-27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja
    RISULTATI FINALI
    RISULTATI QUALIFICAZIONI
  • SANREMO - 27/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata Beach sprint su 500 mt. ANNULLATA
  • CHIUSI - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja (Campionato Toscano)
    PROGRAMMA GARE
  • CANDIA CANAVESE - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
    RISULTATI GARE
  • GAVIRATE - 27/09/2020
    Regata Regionale chiusa Valida Montù
    RISULTATI
  • SORRADILE - 27/09/2020
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja ANNULLATA
  • NARO - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja (Campionato siciliano) ANNULLATA RINVIATA A 10/10 C/O PARTINICO-POMA
  • NAPOLI - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.