Amsterdam: Risultati e Resoconti BATTERIE


AMSTERDAM, 24 agosto 2014 -

SINGOLO SENIOR FEMMINILE
Prima batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi
: 1. Nuova Zelanda Emma Twingg 7.32.77, 2. Bielorussia Tatsiana Klimovich 7.42.00, 3. Lettonia Elza Gulbe 7.42.44, 4. Svizera Jeannine Gmelin 7.46.72, 5. Ungheria Krisztina Gymes 7.50.21, 6. Danimarca Fie Udby Erichsen 7.58.70
Seconda batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Repubblica Ceca Mirka Knapkova 7.27.63, 2. Gran Bretagna Victoria Thorneley 7.30.43, 3. Lituania Lina Salyte 7.32.56, 4. Ucraina Nataliya Dovgodko 7.39.62, 5. Argentina Gabriela Best 7.45.23, 6. Zimbabwe Micheen Thornycroft 7.49.81
Terza batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Austria Magdalena Lobnig 7.36.02, 2. USA Stone Genevra 7.37.16, 3. Svezia Anna Malvina Svennung 7.40.26, 4. Norvegia Tale Gjoertz 8.06.79, 5. Portorico Veronica Toro Arana 8.20.79 6. Qatar Tala Abujabara 8.52.46
Quarta batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: Sono Irlanda e Cina, ai due estremi del campo di gara, a dettare le regole di corsa con la barca azzurra di Veronica Paccagnella sempre quinta e fuori dalle prime quattro posizioni valide per l’accesso ai quarti. Sul finale vince la barca irlandese seguita per il passaggio ai quarti di finale dall’Olanda, dalla Cina e dalla Croazia. Italia quinta ai recuperi. 1. Irlanda Sanita Puspure 7.33.03, 2. Olanda Lisa Scheenaard 7.36.69, 3. Cina Jijngli Duan 7.38.16, 4. Croazia Marcela Milosevic 7.39.48, 5. Italia Veronica Paccagnella (SC Elpis) 8.19.49
Quinta batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Australia Kim Crow 7.24.42, 2. Russia Julia Levina 7.38.19, 3. Serbia Ivana Filipovic 7.43.56, 4. Germania Anna Beenken 7.50.98, 5. Armenia Anna Yegoryan 9.19.40

SINGOLO SENIOR MASCHILE
Prima batteria – i primi tre ai quarti di finale gli altri ai recuperi
: 1. Canada Julian Bahain 6.55.04, 2. Finlandia Robert Ven 6.58.32, 3. Cuba Angel Fournier Rodriguez 7.04.83, 4. Argentina Brian Rosso 7.15.11, 5. Svizzera Barnabe Delarze 7.26.12, 6. Paraguay Arturo Rivarola Trappe 7.38.48
Seconda batteria – i primi tre ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Lituania Mindaugas Griskonis 6.43.72, 2. Bielorussia Stanislau Shcharbachenia 6.46.11, 3. Norvegia Olaf Tufte 6.55.83, 4. Croazia David Sain 7.11.06, 5. Zimbabwe Andrew Peebles 7.21.87
Terza batteria – i primi tre ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Germania Marcel Hacker 6.55.62, 2. Danimarca Sverri Nielsen 7.02.71, 3. Francia Benjamin Chabanet 7.11.08, 4. Romania Petru Codau 7.19.21, 5. Ucraina Artem Verestiuk 7.32.64
Quarta batteria – i primi tre ai quarti di finale gli altri ai recuperi: prima frazione il singolista azzurro è terzo dietro a Repubblica Ceca e Cina. Cardaioli con una gara d’attacco a metà gara si piazza dietro al ceco Synek ed è secondo davanti alla Cina deciso a continuare a rimanere nella posizione che gli permette di superare il turno e accedere ai quarti. È bella la condotta di gara di Francesco che continua la sua corsa verso il traguardo saldamente al secondo posto. A 1500 metri posizioni immutate con l’Italia sempre seconda ma con sempre maggior margine sulla Cina. Sul traguardo Sinek è primo, Cardaioli secondo e va ai quarti. 1. Repubblica Ceca Ondrej Synek 6.50.93, 2. Italia Francesco Cardaioli (SC Padova) 6.52.60, 3. Cina Ganggang Li 7.02.80, 4. Spagna Aleix Marti Roura 7.07.76, 5. Quatar Nasser Ghanin Al-Abdula 8.50.73ù
Quinta batteria – i primi tre ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Nuova Zelanda Mahe Drysdale 6.50.72, 2. Messico Juan Carlos Cabrera 6.57.87, 3. Australia Nicholas Purnell 7.07.00, 4. Perù Eduardo Linares Ruiz 7.09.90, 5. Portorico Joseph Mihalik7.41.31
Sesta batteria – i primi tre ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Azerbaijan Aleksandar Aleksandrov 6.46.52, 2. Belgio Hannes Obreno 6.47.27, 3. Olanda Roel Braas 6.47.67, 4. USA Yohann Rogogne 7.04.76, 5. Slovenia Matej Rojec 7.28.58

QUATTRO DI COPPIA MASCHILE
Prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Estonia Alo Kuslap, Allar Raja, Sten-Erik Anderson, Kaspar Taimsoo 5.39.90, 2. Nuova zelanda Jade Uru, John Storey, Nathan Flannery, Chris Harris 5.40.13, 3. Svizzera David Aregger, Augustin Maillefer, Roman Roeoesli, Nico Stahlberg 5.46.43, 4. Olanda Harold Langen, Peter Van Schie, Derk Noordhuis, Meidert Klem 5.51.00, 5. Kazakistan Vladislav Yakovlev, Mikhail Taskin, Vitality Vassiliyev, Yevgeniy Vasiliyev 6.13.62
Seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Ucraina Dmytro Mikhay, Artem Morozov, Olexandr Nadtoka, Ivan Dovgodko 5.38.46, 2. Germania Karl Schulze, Kai Fuhrmann, Philipp Wende, Tim Grohmann 5.39.34, 3. Francia Jeran-Baptiste Macquet, Hugo Boucheron, Mickael Marteau, Alberic Cormerais 5.47.41, 4. Canada Pascal Lussier, Michael Braithwaite, Will Dean, Matthew Buie 5.49.34, 5. Norvegia Joakim Boehn, Bjoern-Jostein Singstad, Martin Helseth, Aleksander Berntsen 5.57.02
Terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: Gran Bretagna e Polonia sono le battistrada di questa gara in cui il quadruplo azzurro transita al passaggio dei primi 500 metri alla pari con la Repubblica Ceca in terza posizione. Posizioni immutate a 1000 metri con la barca azzurra impegnata in un pressing nei confronti della Polonia che regge l’attacco azzurro. A 1200 metri Gran Bretagna e Polonia distaccano gli avversari e l’Italia rimane troppo indietro per tentare il recupero e ai 1500 metri gli azzurri vengono superati anche dalla Repubblica Ceca. Sul finale vittoria solitaria dei Sudditi di Sua Maestà seguiti dalla Polonia e in terza posizione dalla Repubblica Ceca, mentre l’Italia, superata dalla Slovenia, è quinta e va ai recuperi. 1. Gran Bretagna Graeme Thomas, Sam Ownsend, Charles Cousins, Peter Lambert 5.40.51, 2. Polonia Dawin Grabowski, Mateusz Biskup, Dariusz Radosz, Miroslaw Zietarski 5.43.34, 3. Repubblica Ceca Martin Basl, Petr Buzrla, Jakub Houska, David Jirka 5.51.33, 4. Slovenia Grega Domanjko, Jernej Marcovc, Luka Spik, Gasper Fistravec 5.53.09, 5. Italia Paolo Perino,  Simone Venier, Matteo Stefanini, Simone Raineri (Fiamme Gialle) 5.55.29
Quarta batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Cina Jian Ma, Zhiyu Liu, Dang Liu, Quan Zhang 5.39.68, 2. Russia Denis Kleshnev, Viacheslav Milkhalevskiy, Vladislav Ryabcev, Sergey Fedorovtsev 5.40.97 3. USA Peter Graves, Stephen Whelpley, John Graves, benjamin Dann 5.46.07, 4. Australia Christpher Morgan, Rhys Grant, Cameron Girdlestone, Kieran Kobelke 5.56.14, 5. Egitto Nour El Din Hassanein, Ahmed Khamis, Abdel Khalek Elbana, Moustafa Fathy 5.57.10

QUATTRO DI COPPIA FEMMINILE
Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: Italia quarta al passaggio dei primi 500 metri mentre a condurre è il Canada seguita da USA e Olanda. A 1000 metri è ancora il Canada a fare l’andatura seguita da Stati Uniti e Olanda, mentre il quadruplo azzurro è quarto a 3”67 dai canadesi. Mentre le prime tre barche continuano la loro corsa verso il passaggio del turno, la barca italiana tenta il recupero prima dei 1500 metri ma al passaggio è ancora quarta anche se il distacco è lievemente ridotto. Sul finale il Canada viene raggiunto e superato dagli USA che vincono la batteria, mentre l’Italia finisce la sua corsa al quarto posto e va ai recuperi. USA, Canada e Olanda in semifinale. 1. USA Grace Latz, Tracy Eisser, Olivia Coffey, Felice Mueller 6.12.95, 2, Canada Emily Cameron, Katharine Goodfellow, Carling Zeeman, Antje Von Seydlitz-Kurbach 6.13.18, 3. Olanda Chantal Achterberg, Elisabeth Hogerwerf, Olivia Van Rooijen, Carline Bouw 6.16.55, 4. Italia Sara Magnaghi (SC Moltrasio), Alessandra Patelli (SC Padova), Laura Schiavone (CC Irno), Sara Bertolasi (SC Lario) 6.17.77, 5. Kazakistan Yekaterina Artemyeva, Svetlana Germanovich, Mariya Vassilyeva, Viktoryia Chepikava 6.53.55
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania Annekatrin Thiele, Carina Baer, Julia Lier, Lisa Schmidla 6.14.66, 2. Nuova Zelanda Erin-Monique Shelton, Sarah Gray, Gerogia Perry, Lucy Spoors 6.15.95, 3. Polonia Sylwia Lewandowska, Joanna Leszczynska, Maria Springwald, Agnieszka Kobus 6.20.87, 4. Gran Bretagna Kristina Stiller, Beth Rodford, Victoria Meyer-Laker, Lucinda Gooderham 6.29.02
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Cina Yan Jiang, Xiaoxing Shen, Yang Lyu, Xinye Zhang 6.15.74, 2. Australia Jessica Hall, Kerry Hore, Madeleine Edmunds, Jennifer Cleary 6.16.97, 3. Bielorussia Ekaterina Karsten; Tatsiana Kukhta, Yuliya Bichyk, Katsiaryna Shliupskaya 6.20.03, 4. Russia Maria Antsiferova, Julia Kalinovskaya, Iuliia Volgina, Ekaterina Kurochkina 6.35.30

QUATTRO SENZA MASCHILE
Prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Olanda Boaz Meylink, Olivier Siengelaar, Mechiel Versluis, Robert Luecken 5.47.34, 2. USA Grant James, Michael Gennaro, Henrik Rummel, Seth Weil 5.47.67, 3. Serbia Nenad Bedik, Milos Vasic, Nikola Stojic, Radoje Deric 5.47.98, 4. Repubblica Ceca Jan Pilc, Milan Dolecek Jr, Jakub Podrazil, Matyas Klang 5.51.88, 5. Romania Marius-Vasile Cozmiuc, George Palamariu, Cristi-llie Pirghie, Adrian Damii 5.54.38, 6. Spagna Noe Guzman Del Castillo, Ismael Montes Caamano, Jaime Canalejo Pazos, Javier Garcia Ordonez 5.57.56
Seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: la barca azzurra è la più veloce in partenza e si piazza subito davanti cercando di imporre il ritmo agli avversari. Prima ai 500 metri davanti alla Polonia per 45 centesimi, ma subito dopo il passaggio dell’intertempo la barca polacca passa al comando. Gli azzurri cercano di reagire, ma ai 1000 metri sono terzi superati anche dal Canada. Ai 1500 metri la barca polacca viene attaccata dalla Grecia che con un efficace serrate si porta al comando mentre l’Italia è sesta probabilmente per non sprecare energie preziose. Sul finale è la Grecia a vincere sul Canada, mentre la Polonia cede di schianto e chiude quarta superata anche dalla Cina. Italia sesta va ai recuperi. 1. Grecia Ioannis Tsilis, Dionysios, Angelopoulos, Georgios Tziallas, Ioannis Christou 5.46.45, 2. Canada Will Crothers, Rob Gibson, Conlin Mccabe, Kai Langerfeld 5.47.36, 3. Cina Jie Li, Fengzhi An, Kang Guo, Yanan Lin 5.51.44, 4. Polonia Damian Rosolski, Piotr Hojka, Konrad Wojewodzic, Rafal Hejmej 5.57.63, 5. Ucraina Valentyn Kletskoy, Sergiy Chykanov, Sergii Gryn, Artem Moroz 5.58.81, 6. Italia Vincenzo Abbagnale (Marina Militare), Mario Paonessa, Matteo Lodo, Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle) 6.01.58
Terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna Alex Gregory, Mohamed Sbhi, George Nash, Andrew Triggs Hodge 5.45.79, 2. Australia Fergus Pragnel, Joshua Dunkley-Smith, Spencer Turrin, Alexander Llyd 5.50.03, 3. Francia Edouard Jonville, Thibaut Verhoeven, Benoit Demey, Matthieu Moinaux5.52.01, 4. Germania Bjoern Birkner, Toni Seifert, Maximilian Munski, Kristof Wilke 5.58.35, 5. Russia Roman Lomachev, Yuriy Pshenichnikov, Alexander Lebedev, Daniil Andrienko 5.58.94,

DOPPIO PESI LEGGERI FEMMINILE
Prima batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Australia Alice McNamara, Ell Flecker 6.57.15, 2. Germania Lena Mueller, Anja Noske 7.00.24, 3. Irlanda Claire Lambe, denise Walsh 7.01.23, 4. Russia Diana Stepochkina, olga Arkadova 7.02.71, 5. Danimarca Helene Olsen, Runge Holmegaard 7.07.89, 6. Cina Dandan Pan, Weryi Huang 7.09.98
Seconda batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Sud Africa Kirsten Mccann, Ursula Grobler 6.52.33, 2. USA Devery Karz, Michelle Secheser 6.55.58, 3. Canada Lindsay Jennerich, Patricia Obee 6.58.91, 4. Svezia Cecilia Lilja, Emma Fredh 7.10.08,5. Grecia Amalia Tsiavou, Maria Pergouli 7.21.03, Brasile Beatriz Cardoso, Fabiana Beltrame EXC
Terza batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna Imogen Walsh, Katherine Copeland 6.53.21, 2. Polonia Joanna Dorociak, Weronika Deresz 6.57.20, 3. Repubblica Ceca Ricky Nencini, Daniela Nachazelova 7.06.32, 4. Argentina Karina Willvers, Luicia Palermo 7.09.88, 5. Bielorussia Alena Kryvasheyenka, Iryna Liaskova 7.18.12
Quarta batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: è la barca neozelandese a lanciarsi in avanti ai blocchi di partenza e fare subito il ritmo imponendolo a Svizzera e Italia, che passa terza nella prima frazione. A 800 metri le azzurre sferrano l’attacco e piegano la Svizzera che sprofonda in quarta posizione superata pure dalle austriache. Solo il primo passa in semifinale e le azzurre sono troppo distanti dalla Nuova Zelanda che, per non lasciarsi sorprendere dal ritorno italiano, continua ad aumentare il ritmo. Le azzurre comunque tentano di rimontare, ma il traguardo è troppo vicino e quindi si devono contentare della seconda posizione. Nuova Zelanda in semifinale, mentre le campionesse del mondo in carica, per ora, dovranno affrontare i recuperi. 1. Nuova Zelanda Julia Edward, Sophie Mackenzie 6.52.31, 2. Italia Laura Milani, Elisabetta Sancassani (Fiamme Gialle) 6.56.32, 3. Austria Stefanie Borzacchini, Sara Lambig 7.03.39, 4. Svizzera Frederique Rol, Patricia Merz 7.08.91, 5. Giappone Eri Wakai, Asumi Suehiro 7.14.56

DOPPIO PESI LEGGERI MASCHILE
Prima batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi
: 1. Francia Stany Delayre, Jeremie Azou 6.08.64, 2. Grecia Nikolaos Afentoulis, Panagiotis Magdanis 6.21.25, 3. Giappone Takahiro Suda, Hideki Omoto 6.22.69, 4. Ucraina Stanislav Kovalov, Igor Khmara 6.22.87, 5. Cile Cristian Gainza Lein, Nibaldo Yanez Ortiz 6.40.006. Armenia Sergey Adamyan, Sargis Gharabaghtsyan 7.15.87
Seconda batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna William Fletcher, Jaime Kirkwood 6.17.51, 2. USA Joshua Konieczny, Austin Meyer 6.19.71, 3. Spagna Omar Aymerich, Daniel Sigurjorsson 6.24.57, 4. Canada Nicolas Pratt, Alexander Walker 6.25.41, 5. Russia Vasily Stashokov, Jury Shchelokov 6.41.18
Terza batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: Sono Italia e Germania per metà gara a darsi battaglia per la prima posizione, mentre il resto dei concorrenti rimane distanziato dai battistrada. A 1200 metri gli azzurri piazzano l’attacco che gli permette di superare la Germania, ma non paghi aumentano ancora il ritmo e mettono luce tra loro e gli inseguitori. Sul finale la gara è tutta italiana con la barca tedesca rimasta indietro di una lunghezza seguita da Danimarca, terza, e Nuova Zelanda quarta. Italia ai quarti di finale. 1. Italia Andrea Micheletti, Pietro Ruta (Fiamme Oro) 6.17.58 2. Germania Moritz Moos, Jason Osborne 6.20.32, 3. Danimarca Jens Nielsen, Henrik Stephansen 6.25.674. Nuova Zelanda Adam Ling, Alistair Bond 6.29.58, 5. Messico Omar Tejada Rios, Juan Jimenez Regules 6.43.25
Quarta batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Sud Africa James Thompson, John Smith 6.14.04, 2. Svizzera Simon Schuerch, Mario Gyr 6.19.68, 3. Repubblica Ceca Jan Vetesnik, Ondrej Vetesnik 6.27.44, 4. Brasile Emanuel Dantas Borges, Guiherme Gomes 6.41.51, 5. Angola Jean Rasamoelina, Andre Matias 6.49.90
Quinta batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Norvegia Kristoffer Brun Are Strandli 6.16.12, 2. Cina Junjie Fan, Deming Kong 6.19.02, 3. Olanda Tycho Muda, Vincent Muda 6.19.64, 4. Austria Paul Sieber, Bernhard Sieber 6.27.24, 5. Ungheria Peter Galambos, Gabor Csepregi 6.29.73

DUE SENZA MASCHILE
Prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuper
i: 1. Germania Bastian Bechler, Anton Braun 6.27.34, 2. Olanda Rogier Blink, Mitchel Steenman 6.30.22, 3. Azerbaijan Igor Lucic, Luka Dordevic 6.32.55, 4. Messico Patrick Loliger Salas, Leopoldo Tejada Rios 6.38.42, 5. Egitto Mohamed Marzouk, Akrm Abdalshafy 7.12.24
Seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Nuova Zelanda Eric Murray, Hamish Bond 6.22.28, 2. Argentina Rodrigo Murillo, Martin Lasserre 6.25.80, 3. Turchia Onat Kazakli, Fuad Rafail 6.25.97, 4. Grecia Konstantinos Christomanos, Apostolos Lampridis 6.57.41, 5. Slovenia Ales Zupas, Janez Zupas 6.02.50
Terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: Sud Africa e Italia a fare il ritmo e a passare, nella prima frazione, prima e seconda, gara veloce con il Cile che a 750 metri tenta di attaccare la barca azzurra che reagisce a supera il Sud Africa. A metà gara per pochi centesimi, infatti, è la barca italiana a passare prima seguita subito da Sud Africa e Cile. A 1200 metri gli azzurri tentato l’allungo e si portano a un quarto di imbarcazione di vantaggio sulla coppia sudafricana che mantiene il contatto col Cile oramai fuori gioco per le posizioni di passaggio del turno. Al rilevamento dell’ultima frazione è ancora l’Italia al comando col Sud Africa che rinviene e sferra l’attacco proprio nella parte finale dei 2000 metri. Gli azzurri non reagiscono e mantengono il ritmo sicuri del passaggio alla fase successiva, la semifinale. Sud Africa primo, Italia seconda vanno in semifinale. 1. Sud Africa Vincent Breet, Shaun Keeling 6.24.28, 2. Italia Marco Di Costanzo (Fiamme Oro), Matteo Castaldo (RYCC Savoia) 6.27.06, 3. Cile Oscar Vasquez Ochoa, Felipe Leal Atero 6.32.37, 4. Cina Yujie Shao, Jun Liu 6.36.16, 5. Finlandia Antii Kilpelaeinen, Joel Naukkarinen 6.57.15
Quarta batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna James Foad, Matt Langridge 6.20.63, 2. Spagna Alexander Sigurbjonsson, Pau Vela Maggi 6.27.21, 3. USA Glen Ochal, Charles Cole 6.31.75, 4. Ungheria Adrian Juhasz, Bela Simon Jr 6.34.66, 5. Croazia Vjekoslav Kolobaric, Ante Janjic 6.59.90

DUE SENZA FEMMINILE
Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: Nulla da fare per l’Italia che, sempre quinta, non riesce a ricuperare lungo il percorso e finisce la gara fuori dalle posizioni valide per l’accesso in semifinale. Mentre le azzurre affronteranno i recuperi accedono al turno successivo il Sud Africa, la Nuova Zelanda e l’Australia 1. Sud Africa Naydene Smith, Lee-Ann Persse 7.02.21, 2. Nuova Zelanda Louise Trappitt, Rebecca Scown 7.05.41, 3. Australia Charlotte Southerland, Lucy Stephan 7.12.32, 4. Germania Ulrike Toerpsch, Sophie Paul 7.17.79, 5. Italia Beatrice Arcangiolini (SC Firenze), Gaia Palma (SC Lario) 7.20.77
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna Helen Glover, Heather Stanning 7.04.64, 2. Irlanda Leonora Kennedy, Lisa Dilleen 7.15.29. 3. Canada Jennifer Martins, Kristin Bauder 7.16.56, 4. Serbia Jovanna Arsic, Iva Obradovic 7.21.06, 5. Russia Elizaveta Tikhanova, Liana Gorgodze 7.24.48
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. USA Megan Kalmoe, kerry Simmonds 7.02.75, 2. Romania Cristina Grigoras, Nicoleta Albu 7.06.74, 3. Repubblica Ceca Marina Stillerova, Katerina Kopecka 7.21.09, 4. Ucraina Svitlana Novichenko, Anna Kotseva 7.32.20, 5. Francia Justine Lecomte, Anne Jouy 7.35.72

SINGOLO PESI LEGGERI FEMMINILE
Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania Leonie Pless 7.44.38, 2. USA Kathleen Bertco 7.47.05, 3. Danimarca Christina Pultz 7.48.87, 4. Giappone Kanako Ueda 8.03.12, 5. Algeria Amina Rouba 8.06.49
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Belgio Eveline Peleman 7.40.47, 2. Cina Shuai Guo 7.41.77, 3. Olanda Marie-Anne Frenken 7.53.74, 4. Israele Chen Oshri 8.00.31
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: parte bene l’azzurra e si piazza a ridosso del Canada che conduce e alla prima frazione è seconda, ma a 600 metri subisce l’attacco di Grecia e Sudafrica e a metà gara è quarta, ormai troppo distante dalle battistrada e dai prime tre posti validi per l’accesso alla semifinale. All'arrivo la Favaro conclude quarta e dovrà affrontare i recuperi, mentre a vincere è la Grecia che nel frattempo è riuscita a superare il Canada, seconda, e terza è la sudafricana. 1. Grecia Aikaterini Nokolaidou 7.44.04, 2. Canada Tersa Berkholtz 7.46.08, 3. Sud Africa Kate Johnstone 7.50.77, 4. Italia Angelica Favaro (SC Padova) 8.05.66

SINGOLO PESI LEGGERI MASCHILE
Prima batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: Partenza definita ed efficace di Miani che prende subito la testa della gara e impone agli avversari il suo ritmo. A metà gara l’azzurra ha oltre una barca di vantaggio sull’equipaggio danese che sicuro del passaggio non attacca l’Italia che continua a martellare palata su palata. A 1500 Miani è ancora primo con oltre 4 secondi di vantaggio sul resto degli avversari con Danimarca, Giappone e Algeria in zona passaggio diretto del turno. Sul traguardo l’Italia vince e passa alla fase successiva insieme a Danimarca, Giappone e Tunisia che sul finale supera l’Algeria. 1. Italia Marcello Miani (Forestale) 6.48.90, 2. Danimarca Steffen Jensen 6.51.86, 3. Giappone Hiroshi Nakano 7.04.49, 4. Tunisia Aymen Mejri 7.10.19, 5. Algeria Sid Boudina 7.26.82, Libano Tony Geara EXC
seconda batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Portogallo Pedro Fraga 6.53.62, 2. Australia Perry Ward 6.54.96, 3. Irlanda Paul O’Donovan 6.57.65, 4. Cina Jingbin Zhao 7.03.13, 5. Repubblica Slovacca Lukas Babac 7.04.81, 6. Qatar Almadani Badreddin 9.52.93
terza batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. USA Andrew Campbell Jr 6.56.44, 2. Slovenia Rajko Harvat 7.03.40, 3. Spagna Jose Gomez-Feria 7.08.41, 4. Russia Alexandr Tufanyuk 7.11.32, 5. Perù Renzo Leon Garzia 7.29.86, 6. Armenia Makar Sargsyan 7.51.78
quarta batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Germania Lars Hartig 6.56.00, 2. Serbia Milos Stanojevic 6.59.37, 3. Ungheria Daniel Matyasovszki 6.59.57, 4. Francia Damien Piqueras 6.59.92, 5. Gran Bretagna Zak Lee-Green 7.00.40
quinta batteria – i primi quattro ai quarti di finale gli altri ai recuperi: 1. Svizzera Mchael Schmid 6.59.82, 2. Azerbaijan Javid Afandiyev 7.00.93, 3. Bulgaria Nedelcho Vasilev 7.07.02, 4. Argentina Alejandro Colomino 7.09.43, 5. Vanuatu Luigi Teilemb 7.41.38

 

Prossime Regate

  • SANREMO - 26/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata su 6km. ANNULLATA
  • CANDIA CANAVESE - 26/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida d'Aloja ANNULLATA E VIENE RECUPERATA il 27/09/2020
  • NARO - 26/09/2020
    Regata Regionale Valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • BELGRADO - 26-27/09/2020
    European Rowing Junior Championships
  • SAN GIORGIO DI NOGARO - 26-27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja
  • SANREMO - 27/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata Beach sprint su 500 mt. ANNULLATA
  • CHIUSI - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja (Campionato Toscano)
  • CANDIA CANAVESE - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • GAVIRATE - 27/09/2020
    Regata Regionale chiusa Valida Montù
  • SORRADILE - 27/09/2020
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja ANNULLATA
  • NARO - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja (Campionato siciliano) ANNULLATA RINVIATA A 10/10 C/O PARTINICO-POMA
  • NAPOLI - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.