L’approccio delle Nazioni ai Giochi Olimpici Giovanili


NANCHINO, 18 agosto 2014 - È vero, questi Giochi sono una vera festa per la gioventù mondiale, almeno quella che si dedica allo sport. È vero anche che in alcuni sport, vedi la ginnastica su tutte le discipline, la maturazione agonistica arriva prima della maggiore età. È anche vero che molte nazioni sono qui quasi per concludere un percorso con i giovani da loro selezionati nel corso degli anni. È vero pure che molte di queste nazioni non sono qui per caso come, nel canottaggio, la Turchia presente con un due senza maschile che non ha partecipato al mondiale junior oppure come la Romania che, invece, ne ha allenato uno solo per la partecipazione a questi Giochi. Un evento che già, alla seconda edizione, è sempre più Olimpiade e meno divertimento, almeno per quei paesi che, normalmente, non eccellono nelle categorie superiori. Giochi, quindi, molto sentiti dai paesi sudamericani – non a caso i terzi Giochi Olimpici Giovanili si svolgeranno nel 2018 in Argentina a Buenos Aires -, da quelli asiatici e euroasiatici.

Sempre nel canottaggio, anche se alcune di loro sono ben “attrezzate”, le nazioni leader sono in sofferenza dopo aver lavorato per il mondiale junior di Amburgo e, quindi, sulla distanza dei 2000 metri. Cosa fare? Si parla di una programmazione migliore nell’anno dei Giochi Olimpici Giovanili – ma le settimane disponibili sono sempre 52 in un anno – e poi si perderebbe lo spirito per cui sono nati questi Giochi. Insomma la discussione è aperta, viva e sicuramente nel prossimo futuro potrebbe anche essere rivista la formula dando maggiore possibilità alle varie nazioni di avere una ulteriore rappresentatività. Intanto la FISA continua a portare avanti i suoi programmi di sviluppo nel settore giovanile puntando proprio sui paesi del continente africano, che tra l’altro, stanno facendo una discreta figura (lo Zimbabwe nel singolo ha superato il turno e va in semifinale, mentre nazioni come Danimarca e Italia ne sono fuori) e su quelli sudamericani col Cile e Peru che si stanno ben comportando.


  

Prossime Regate

  • OEIRAS - 02-04/10/2020
    World Rowing Coastal Championships ANNULLATO
  • TARANTO - 03/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • ORTA S.GIULIO - 03-04/10/2020
    5° Orta Lake Eights Challenge e 15° Italian Sculling Challenge - Memorial Don Angelo Villa ANNULLATA
  • SANREMO - 03-04/10/2020
    XXXIX° Trofeo Aristide Vacchino - Regata Internazionale Sprint Allievi Cadetti ANNULLATO
  • MONATE - 04/10/2020
    Regata Regionale chiusa valida d'Aloja ANNULLATA
  • RAVENNA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • SABAUDIA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • TARANTO - 04/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.