Tre medaglie iridate per la nazionale italiana vinte nel ventoso
 bacino di Amburgo


AMBURGO, 10 agosto 2014 - La famigerata regola 71 del codice di gara FISA, unita al forte vento che ha sferzato durante le finali il bacino del Dove-Elbe Water Park di Amburgo ha prodotto per la Nazionale italiana tre medaglie, un oro e due bronzi, e ben tre quarti posti. Ma l’Italia, nonostante il vento contrario, è salita sul podio e ha fatto riecheggiare anche l’Inno di Mameli. Gli azzurrini ai Mondiali che si sono appena conclusi ad Amburgo, hanno vinto, quindi, una medaglia d’oro, e confermato il titolo mondiale vinto lo scorso anno in Lituania, col quattro con di Dario Favilli (SC Firenze), Andrea Cattaneo (SC Bissolati), Andrea Maestrale (CN Posillipo), Ivan Capuano (RYCC Savoia) e Francesco Tassia (Ilva Bagnoli) al timone. Una barca che, nonostante i problemi di vento accusati nella prima parte, è riuscita a ricuperare il gap iniziale e a infliggere all’armo della Gran Bretagna oltre cinque secondi di distacco. Una vittoria che si può definire in solitaria e con un numero di colpi controllati proprio per la superiorità dimostrata dalla barca azzurra.

Una prova autorevole che va aggiunta alla medaglia di bronzo, peraltro la prima di giornata, vinta dal quattro senza femminile, una formazione che schierava tre atlete al secondo anno Ragazzi. Beatrice Millo (SC Limite), Nicoletta Bartalesi (SC Varese), Angelica Merlini (Tevere Remo), Andrea Olga Jorio Fili (SC Armida) sono riuscite, con determinazione, a risalire dal quinto posto iniziale superando la Germania per poi consolidare il terzo posto alle spalle della barca statunitense, seconda, e della sorprendente Cina, oro dopo aver superato nell'ultima parte del percorso gli USA. Brave in ogni modo le quattro ragazze che non si sono mai perse d’animo e, nonostante lo scarroccio della barca, sono riuscite a rimanere in corsia e arrivare sul podio.

Il secondo bronzo è stato vinto dall’ammiraglia maschile, formata da Riccardo Mager (SC San Remo), Riccardo Peretti (SC Lago d’Orta), Alessandro Piffaretti (SC Moltrasio), Raffaele Giulivo (Marina Militare), Leonardo Calabrese (Tevere Remo), Simone Tettamanti (SC Moltrasio), Leonardo Pietra Caprina (SC Firenze), Neri Muccini (SC Firenze) e Niccolò Mancusi Lotti (SC Firenze) al timone. Una medaglia che ha lasciato a tutti i ragazzi dell’otto l’amaro in bocca poiché erano arrivati in Germania con l’obiettivo di vincere. Il secondo posto in batteria, dietro all’Olanda, unito alla rideterminazione delle corsie, in base alla regola 71 del codice FISA, che consente di rimodulare le posizioni acquisite in presenza di campo di regata irregolare, ha limitato la loro prestazione costringendoli a contentarsi di un bronzo che, comunque, conferma l’otto azzurro sul podio iridato (lo scorso anno in Lituania vinse l’argento).

Alle tre medaglie vanno aggiunti i quarti posti che, in questo mondiale, ammontano a tre. Quarto posto, quindi, per l’otto femminile di Chiara Gilli (SC Esperia), Allegra Francalacci (GS Cavallini), Chiara Cianelli (SC Arno), Giada Bettio (SC Lario), Ludovica Braglia, Elisa Mondelli (SC Moltrasio), Clara Guerra (SC Nino Bixio), Sarah Caverni (SC Limite), Camilla Mariani (SC Lario) al timone, che alla fine ha accumulato oltre trenta secondi di distacco dall’oro e più di venti dal bronzo per aver pagato lo sforzo dei primi mille metri durante i quali le azzurre, con sette atlete al secondo anno della categoria Ragazzi a bordo, hanno tentato con tutte le forze che avevano di migliorare la loro posizione malgrado il vento.

Quarto anche il doppio maschile di Pietro Cattane (SC Tritium) e Lorenzo Fontana (SC Menaggio) piazzatisi ai piedi del podio dietro alla Germania, che ha vinto l’oro, e a Lituania e Australia che si sono divise, rispettivamente argento e bronzo. L’ultimo quarto posto è stato appannaggio del due senza femminile di Sara Monte (CC Pro Monopoli) e Giovanna Schettino (CC Aniene). Una barca, entrambe al secondo anno della categoria Ragazzi, che ha dimostrato di essere coriacea e determinata nell’interpretare la tattica di gara studiata con i tecnici federali. Un quarto posto che per queste due atlete è esperienza pura vissuta in un contesto molto difficile.

Delle otto barche finaliste le ultime due si sono piazzate, rispettivamente, al quinto posto il doppio femminile di Paola Piazzolla (LNI Barletta) e Bianca Laura Pelloni (GS Speranza Pra’), e al sesto posto il quattro senza maschile di Lapo Londi (SC Limite), Andrea De Majo (CN Posillipo), Fabio Possamai (Fiamme Gialle), Andrea Benetti (Marina Militare). Ora per gli atleti junior si aprono i Giochi Olimpici Giovanili di Nanchino (Cina), con gare dal 17 al 20 agosto, mentre la rivalsa mondiale sarà a Rio de Janeiro nel 2015 sullo stesso bacino, che si spera sia meno ventoso di quello tedesco, dove si svolgeranno nel 2016 le regate olimpiche.


Foto Canottaggio.org - M.Perna ©


I RISULTATI DELLE FINALI DELL’ITALIA

QUATTRO CON: 1. Italia
Dario Favilli (SC Firenze), Andrea Cattaneo (SC Bissolati), Andrea Maestrale (CN Posillipo), Ivan Capuano (RYCC Savoia), Francesco Tassia-timoniere (Ilva Bagnoli) 6.50.84, 2. Gran Bretagna Charles Elwes, Thomas Digby, Chetan Chauhan-Sims, Charles Thurston, Hugo Marsh 6.56.24, 3. Nuova Zelanda Hugo Elworthy, William Morris-Whyte, Thomas Mackintosh, Edwin Laver, Matthew Wylie 6.58.76 4. Sud Africa Justin Bruce, Garth Holden, Andrea Giammartini, Riccardo Busato, Sebastian Raven 7.06.75, 5. Germania Philipp Richard, Max Reichel, Maximilian Berwirth, Matti Saborowski, Philipp Baumgard 7.16.63, 6. Ucraina Pavlo Yurchenko, Valentyn Kovtun, Artem Derkach, Oleh Kravchenko, Oleksandr Konovaliuk 7.17.23

QUATTRO SENZA DONNE
: 1. Cina Qian Wei, Jiayin Wang, Ji Mengke, Hanwen Cui 7.44.64, 2. USA Mia Croonquist, DanaMoffaty, Claire Collins, Marlee Blue 7.46.68, 3. Italia Beatrice Millo (SC Limite), Nicoletta Bartalesi (SC Varese), Angelica Merlini (Tevere Remo), Andrea Olga Jorio Fili (SC Armida) 7.51.76,4. Germania Carolin Dold, Lena Dankel, Vanessa Wuttig, Leah Labudde 7.57.37, 5. Francia Alice Renaud, Clementine Collet, Diane Albercht, Sophia Corneille 8.03.50, 6. Bielorussia Yana Tsupa, Maryia Apanovich, Anastasiya Siamionava, Krystina Hancharova 8.09.07

OTTO UOMINI:
1. Germania Nick Blankenburg, Janek Schirrmacher, Johannes Rentz, Philipp Nonnast, Johann Wahmhoff, Marc Laske, Alexander Vollmer, David Wollschlaeger, Mario Acosta Dominguez  7.39.96, 2. Olanda Max Ponsen, Roel Van Broekhuizen, Simon Van Dorp, Maarten Hurkmans, Koen Van Den Herik, Jaap De Jong, Jeoroen Oortwijn, Melvin Twellaar, Just Ponsen 7.42.66, 3. Italia Riccardo Mager (SC San Remo), Riccardo Peretti (SC Lago d’Orta), Alessandro Piffaretti (SC Moltrasio), Raffaele Giulivo (Marina Militare), Leonardo Calabrese (Tevere Remo), Simone Tettamanti (SC Moltrasio), Leonardo Pietra Caprina (SC Firenze), Neri Muccini (SC Firenze), Niccolò Mancusi Lotti-timoniere (SC Firenze) 7.46.05, 4. Gran Bretagna Liam Tustin, George Pearce, Alexander Barakat, Matthew Aldridge, Henry Lambe, James Clarke, Luke Towers, William England, Alexander Gass 7.57.03, 5. Francia Axel Leroy, Mathieu Demange, Nicolas Gilbert, Guillaume Turlan, Louis Droissart, Robinson Doumic, Hadrien Gode, Marc Thorineau 7.59.47, 6. Spagna Pablo Hermoso Moreno, Gonzalo Perez Fernadez, Yago Gavilan Espinos, Jordi Joire I Senciales, Ismael Rifi Carbo, Andreu Elias Beltri, Fernando Llabona, Rodrigo Conde Romero, Manuel Gonzales Fernandez 7.59.49

DUE SENZA DONNE: 1. Romania Beatrice-Madalina Parfenie, Roxana Parascanu 8.09.32,  2. Canada Caileigh Filmer 8.13.66, 3. USA Meghan Galloway, Liliane Lidsay 8.24.76, 4. Italia Sara Monte (CC Pro Monopoli), Giovanna Schettino (CC Aniene) 8.30.48, 5. Cile Antoni Abraham, Melita Abraham 8.41.51, 6. Germania Frauke Lange, Janka Kirstein 8.54.78

QUATTRO SENZA: 1. Germania Olaf Roggensanck, Rene SChmela, Wolf-Niclas Schroeder, Paul Gebauer 6.47.40, 2. Romania Robert-Ovidiu Grosan, Cosmin Pascari, Constantin Radu, Sergiu-Vasile Bajan 6.58.15, 3. Croazia Filip Pedic, Josip Banovic, Bernard Samardzic, Toni Cavka 7.00.48, 4. Spagna Ignacio Garcia Fernandez, Ramon Gomez Cotilla, Paulino Garcia Ferrero, Jaime Rus Alba 7.02.53, 5. Grecia Charizanis Athanasiou, Konstantinos Lemonas, Georgios Papasakelariou, Nikolaos Vlachov 7.15.10, 6. Italia Lapo Londi (SC Limite), Andrea De Majo (CN Posillipo), Fabio Possamai (Fiamme Gialle), Andrea Benetti (Marina Militare) 7.17.35

DOPPIO UOMINI: 1. Germania Philipp Syring, Max Appel 7.23.96, 2. Lituania Dovydas Nemeravicius, Armandas Kelmelis  7.36.26,3. Australia Tyron Boorman, Adam Bakker 7.37.57, 4. Italia Pietro Cattane (SC Tritium), Lorenzo Fontana (SC Menaggio) 7.51.53, 5. Turchia Harun Ardic, Yasin Goler 7.58.89, 6. Grecia Ioannis Petrou, Stefanos Ntouskos 8.06.29

DOPPIO DONNE: 1. Romania Elena Logofatu, Nicoleta Pascanu 8.19.15, 2. Germania Tina Christmann, Franziska Kampmann 8.24.34, 3. Grecia Aikaterini Zerva, Athina-Maria Angelopoulou 8.34.88, 4. Ungheria Vivien Preil, Zoltana Gadanyl 8.48.92, 5. Italia Paola Piazzolla (LNI Barletta), Bianca Laura Pelloni (GS Speranza Pra’) 8.57.61, 6. Ucraina Diana Romaniuk, Alina Nesterenko 9.16.57

OTTO DONNE:
1. Germania Vera Spanke, Catlota Schmitz, Sina Kuehne, Sophie Gnauck, Bea Bliemel, Juliane Faralisch, Charlotte Zeiz, Calina Schanze, Larina Hillemann 7.15.37, 2. Russia Elizaveta Kornienko, Iulia Solomentseva, Ekaterina Sevostianova, Evgenia Ryskova, Maria Arpova, Kira Yuvchenko, Kira Frolova, Aleksandra Tsypkina, Anastasia Bazhenova  7.23.15, 3. Romania Paula Logofatu, Andrea Budeanu, Anamaria Zaharia, Anca-Elena Filip, Raluca-Mihaela Munteanu, Ionela-Madalina Petreanu, Iuliana Crefalian, Georgiana-Lorena Palasca 7.26.13, 4. Italia Chiara Gilli (SC Esperia), Allegra Francalacci (GS Cavallini), Chiara Cianelli (SC Arno), Giada Bettio (SC Lario), Ludovica Braglia, Elisa Mondelli (SC Moltrasio), Clara Guerra (SC Nino Bixio), Sarah Caverni (SC Limite), Camilla Mariani-timoniere (SC Lario) 7.49.08, 5. Australia Madeline Bernard, Jacqueline Hart, Olivia Keppel, Eleanor Howe, Chloe Betts, Rebecca Joyce, Elise Franetic, Lucy Jepson, Eliza Lincoln-Price 7.53.18, 6. USA Riley Mac Aulay, Shayla Lamb, Erica Swartwout, Isabel Fitter, India Robinson, Melissa Curtis, Julia Sesler, Katy Gilligham, Liliana Hansen 7.57.66.

 

Prossime Regate

  • OEIRAS - 02-04/10/2020
    World Rowing Coastal Championships ANNULLATO
  • TARANTO - 03/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • ORTA S.GIULIO - 03-04/10/2020
    5° Orta Lake Eights Challenge e 15° Italian Sculling Challenge - Memorial Don Angelo Villa ANNULLATA
  • SANREMO - 03-04/10/2020
    XXXIX° Trofeo Aristide Vacchino - Regata Internazionale Sprint Allievi Cadetti ANNULLATO
  • MONATE - 04/10/2020
    Regata Regionale chiusa valida d'Aloja ANNULLATA
  • RAVENNA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • SABAUDIA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • TARANTO - 04/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.