Amburgo: Risultati e resoconti BATTERIE e RECUPERI


AMBURGO, 07 agosto 2014 -

RECUPERI

SINGOLO UOMINI - Primo recupero – i primi due ai quarti gli altri in semifinale F:1. Romania Constantin-Cristi Hirgau 7.18.05, 2. Messico Klaus Rasmussen 7.20.77, 3. Ucraina Iurii Suchak 7.43.29. 4. Armenia Sergey Adamyam 8.02.31, 5. Venezuela Ruben Merenfeld 8.03.10
Secondo recupero – i primi due ai quarti gli altri in semifinale F:1. Olanda Hendrik Nelis 7.20.47, 2. Georgia Archili Baishvili 7.21.83, 3. Hong Kong Yuk Man Chan 7.22.83, 4. Zimbabwe Dexter Freeman 7.59.36, 5. Uganda A.Omony 8.12.32
Terzo recupero – i primi due ai quarti gli altri in semifinale F: Sono Cuba e Italia che si contendono i due posti validi per l’accesso ai quarti di finale con la barca cubana che fa da battistrada tallonata da quella italiana che fino a metà gara è dietro al singolista cubano. Posizioni immutate a 1500 metri con la Norvegia, terza, che oramai non dà più fastidio all’azzurro che taglia il traguardo alle spalle di Cuba e accede ai quarti di finale. 1. Cuba Orlando Sotolongo 7.14.32, 2. Italia Riccardo Jansen (CC Esteri Roma) 7.14.96, 3. Kazakistan Alexandr Ivanets 7.37.34, 4. Norvegia Sander Aakerholt 7.37.50, 5. Vietnam Nguyen Van Duc 7.48.62

BATTERIE

OTTO UOMINI - Prima Batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: ci prova subito l’Italia a mettersi in testa e per seicento metri fa il ritmo di gara seguito dalla Serbia, ma a 1000 metri la barca azzurra passa seconda dietro all’Olanda che, dal quarto posto iniziale, è passata a condurre. A 1500 metri l’Italia è ancora seconda mentre è l’Olanda a lottare per mantenere la prima posizione rintuzzando gli attacchi azzurri. Sul finale Olanda prima e in finale insieme all’Italia che ha mantenuto la seconda posizione nonostante gli attacchi degli avversari. Italia in finale. 1. Olanda Max Ponsen, Roel Van Broekhuizen, Simon Van Dorp, Maarten Hurkmans, Koen Van Den Herik, Jaap De Jong, Jeoroen Oortwijn, Melvin Twellaar, Just Ponsen 5.44.54, 2. Italia Riccardo Mager (SC San Remo), Riccardo Peretti (SC Lago d’Orta), Alessandro Piffaretti (SC Moltrasio), Raffaele Giulivo (Marina Militare), Leonardo Calabrese (Tevere Remo), Simone Tettamanti (SC Moltrasio), Leonardo Pietra Caprina (SC Firenze), Neri Muccini (SC Firenze), Niccolò Mancusi Lotti-timoniere (SC Firenze) 5.46.79, 3. Gran Bretagna Liam Tustin, George Pearce, Alexander Barakat, Matthew Aldridge, Henry Lambe, James Clarke, Luke Towers, William England, Alexander Gass 5.49.91,4. Serbia Nikola Cvijetic, Igor Djeric, Dusan Savinic, Nemanja Lecic, Milos Milicevic, Uros Dimitrijevic, Marko Ristic, Zoran Rajic, Mateja Josic 5.50.97, 5. Francia Axel Leroy, Mathieu Demange, Nicolas Gilbert, Guillaume Turlan, Louis Droissart, Robinson Doumic, Hadrien Gode, Marc Thorineau 5.51.77
Seconda Batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: 1. Germania Nick Blankenburg, Janek Schirrmacher, Johannes Rentz, Philipp Nonnast, Johann Wahmhoff, Marc Laske, Alexander Vollmer, David Wollschlaeger, Mario Acosta Dominguez 5.44.39, 2. Spagna Pablo Hermoso Moreno, Gonzalo Perez Fernadez, Yago Gavilan Espinos, Jordi Joire I Senciales, Ismael Rifi Carbo, Andreu Elias Beltri, Fernando Llabona, Rodrigo Conde Romero, Manuel Gonzales Fernandez 5.50.41, 3. Russia Maxim Mesiatc, Savva Krotov, Daniil Zhdanov, Grigorii Krylov, Fedor Kuzmichev, Dmitrii Avdonin, Anton Sema, Nikita Melnikov, Evgenii Terekhov 5.52.80, 5. Austria Nicholas Schilcher, Gabriel Hohensasser, Bernard Vago, Daniel Ofner, Maximilian 4. USA Lukas Peilert, Andrew Barnish, Michael Grady, Jovanni Stefani, Brennan Wertz, Liam Corrigan, Travis Taaffe, Nicholas Edwards, Cole Durbin 5.55.03, Kohlmayr, Bruno Bachmair, Liam Antiss, Rudolph Querfeld, Marco Bragaglia 5.59.44

OTTO DONNE - Prima Batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Russia Elizaveta Kornienko, Iulia Solomentseva, Ekaterina Sevostianova, Evgenia Ryskova, Maria Arpova, Kira Yuvchenko, Kira Frolova, Aleksandra Tsypkina, Anastasia Bazhenova 6.33.38, 2. USA Riley Mac Aulay, Shayla Lamb, Erica Swartwout, Isabel Fitter, India Robinson, Melissa Curtis, Julia Sesler, Katy Gilligham, Liliana Hansen 6.35.85, 3. Australia Madeline Bernard, Jacqueline Hart, Olivia Keppel, Eleanor Howe, Chloe Betts, Rebecca Joyce, Elise Franetic, Lucy Jepson, Eliza Lincoln-Price 6.29.33, 4. Bielorussia Dzina Haluts, Tatsiana Masalskaya, Nastassia Harai, Tatsiana Filipava, Anastasiya Ivanova, Ala Firsava, Yana Lankovic, Aliaksandra Markevic, Palina Katsevich 6.42.15
Seconda Batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: la corazzata tedesca si scontra con quella rumena in questa gara che ha come obiettivo vincere per accedere alla finalissima. In questo duello la barca italiana è presa come una morsa e seppur tenti di reagire non riesce ad andare oltre la terza posizione. A metà gara, infatti, la barca azzurra decide di risparmiare le forze per il recupero e lascia lo scontro alle due battistrada. La Germania comunque continua la sua corsa verso la finale, mentre la barca rumena tenta di negargli questa soddisfazione, ma alla fine è l’ammiraglia tedesca ad avere la meglio mentre la Romania ha speso molto per tentare la rimonta. Italia ai recuperi. 1. Germania Vera Spanke, Catlota Schmitz, Sina Kuehne, Sophie Gnauck, Bea Bliemel, Juliane Faralisch, Charlotte Zeiz, Calina Schanze, Larina Hillemann 6.22.03, 2. Romania Paula Logofatu, Andrea Budeanu, Anamaria Zaharia, Anca-Elena Filip, Raluca-Mihaela Munteanu, Ionela-Madalina Petreanu, Iuliana Crefalian, Georgiana-Lorena Palasca 6.27.25, 3. Italia Chiara Gilli (SC Esperia), Allegra Francalacci (GS Cavallini), Chiara Cianelli (SC Arno), Giada Bettio (SC Lario), Ludovica Braglia, Elisa Mondelli (SC Moltrasio), Clara Guerra (SC Nino Bixio), Sarah Caverni (SC Limite), Camilla Mariani-timoniere (SC Lario) 6.44.19

DOPPIO DONNE - Prima batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Romania Elena Logofatu, Nicoleta Pascanu 7.18.92, 2. Germania Tina Christmann, Franziska Kampmann 7.23.16, 3. Ucraina Diana Romaniuk, Alina Nesterenko 7.33.35, 4. Francia Claire Bahain, Selma Dhaoudi 7.35.41, 5. Repubblica Ceca Tereza Skvorova, Kamilla Ondrackova 7.37.77, 6. Lettonia Jelisaveta Simaceva, Anna Karasa 7.46.00
Seconda batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Grecia Aikaterini Zerva, Athina-Maria Angelopoulou 7.25.76, 2. USA Claire Campbell, Mary Campbell 7.32.72, 3. Norvegia Rebekka Wiberg-Bugge, Aasta Andreasen 7.36.12, 4. Russia Olga Nesterenko, Elena Mikhailova 7.38.16, 5. Moldavia Natalia Tabur, Daria Scorinina 7.47.19, 6. Zimbabwe Lisa Mhlaba, Megan Dickens 8.19.34
Terza batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Ungheria Vivien Preil, Zoltana Gadanyl 7.22.41, 2. Australia Georgia Seidel, Bridget Badenoch 7.27.14, 3. Svezia Karin Sundberg, Sofia Wallin 7.39.75, 4. Giappone Nanako Tokiwa, Ayumi Naruse 7.44.64, 5. Estonia Erli Mat, Krete Koovit 7.52.07
Quarta batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: la partenza molto lenta dell’equipaggio azzurro ha penalizzato la condotta di gara nei confronti di un Sud Africa che è schizzato in avanti e ha dominato la regata sin dalle prime palate. A metà gara l’Italia è quarta, mentre al comando è ancora la barca sudafricana anche se l’Italia tenta di risalire e si porta in terza posizione ai 1500 metri. Sul finale il Sud Africa va in semifinale e la barca azzurra chiudendo al terzo, dietro alla Nuova Zelanda, dovrà sostenere i recuperi. 1. Sud Africa Tylia Bentley, Amy Mattushek 7.25.76, 2. Nuova Zelanda Hannah Romaniuk, Luka Ellery 7.26.66, 3. Italia Paola Piazzolla (LNI Barletta), Bianca Laura Pelloni (GS Speranza Pra’) 7.33.20, 4. Lituania Indre Kvartuenaite, Viktoija Senkute 7.37.20, 5. Croazia Julia Mucculough, Dora Dragicevic 7.39.01

QUATTRO DI COPPIA DONNE - Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania Anne-Kathrin, Schanze, Anne-Kathrin Eichler, Lena Seuffert, Frieda Haemmerling 6.47.83, 2. Romania Georgiana Vasile, Nicolet-Ancuta Bodnar, Ana Grapinou, Iuliana Popa 6.53.08, 3. Danimarca Julie Poulsen, Silja Davidsen, Anne Larsen, Marta Kempf 6.57.80, 4. Repubblica Ceca Zusana Valsova, Pavlina Zapletalova, Terzie Matusikova, Anna Zabova 7.00.38, 5. Peru Pamela Noya, Rafela Viacava, Paula Parks, Arantza Valera 7.25.55
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: terza al primo rilevamento e quarta a metà gara, questo è l’andamento dell’Italia nella prima fase che vede la Gran Bretagna a dettare le regole di gara seguita, nelle posizioni valide al passaggio successivo, da Cina e USA. A 1500 metri Italia ancora quarta e troppo distante dalla terza posizione. Sul finale nonostante le azzurre provino a ricuperare finiscono quarte e dovranno sostenere i recuperi. Passa il turno la Cina che nel frattempo aveva superato la Gran Bretagna, seconda, e gli USA terzi. 1. Cina Mingna Kuang, Meng Zhao, Jing Chen, Dogfang Zhao 6.41.81, 2. Gran Bretagna Susannah Duncan, Anna Thornton, Charlotte Hodgkins, Florence Pickles 6.44.70, 3. USA Georgia Gray, Emily Delleman, Haley Zapolski, Emily Kallfelz 6.47.67, 4. Italia Claudia Destefani (Fiamme Gialle), Valentina Iseppi (SC G. D’Annunzio), Arianna Mazzoni (SC Viareggio), Elena Waiglein (CC Saturnia) 6.53.81, 5. Svizzera Ouisa Geuke, Flurina Christen, Serafina Merloni, Debora Hofer 7.09.76
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Olanda Fanny Bon, Bente Paulis, Mieke Willms, Laila Youssifou 6.52.83, 2. Nuova Zelanda Samanta Voss, Georgia Nugent-O’Leary, Nadja Hyson, Georgia Allen 6.56.88, 3. Bielorussia Veranika Lebedzeva, Darya Kazlouskaya, Volha Khatuliova, Tatsiana Bialko 7.01.74, 4. Russia Yulia Shventosova, Maria Kubyshkina, Olga Moskalenjo, Yulia Narivonchik 7.07.68, 5. Giappone Miharu Takashima, Hinako Takimoto, Yuka Ohara, Hidemi Tanahashi 7.07.97

QUATTRO SENZA UOMINI - Prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: Sono Stati Uniti e Italia a darsi battaglia per mantenere salde le due posizioni valide per l’accesso alla fase successiva. Italia seconda, quindi, ma con il “problema” Romania alle costole poiché la barca rumena non vuole passare per i recuperi e attacca gli azzurri che reagiscono e transitano primi nell’ultima frazione dopo che l’attacco li aveva portati a superare anche gli USA che ora si trovano a contrastare la Romania. Un finale incandescente vede la Romania superare l’Italia negli ultimi duecento metri, con l'Italia che tiene e la seconda posizione e per meno di un secondo ai danni degli USA accede alla semifinale. 1. Romania Robert-Ovidiu Grosan, Cosmin Pascari, Constantin Radu, Sergiu-Vasile Bajan 6.16.94, 2. Italia Lapo Londi (SC Limite), Andrea De Majo (CN Posillipo), Fabio Possamai (Fiamme Gialle), Andrea Benetti (Marina Militare) 6.18.70, 3. USA Mac Manion, Benj Cohen, Daniel Miklasevich, Izak Epstein 6.19.18, 4. Australia Michael Ritchie, Zac Von Appen, Callum Rossi 6.21.25, 5. Ungheria Kalman Furko, Levente Legradi, Almos Sonfeld, Marton Szabo 6.27.94, 6. Polonia L. Posylajka, K. Kusinski, D. Lichaczewski, M. Sobanda 6.29.69
Seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania Olaf Roggensanck, Rene SChmela, Wolf-Niclas Schroeder, Paul Gebauer 6.12.57,2. Spagna Ignacio Garcia Fernandez, Ramon Gomez Cotilla, Paulino Garcia Ferrero, Jaime Rus Alba 6.16.76, 3. Danimarca Jonathan Nielsen, Frederik Taulbjerg, Aske Petersen, Mads Yding 6.21.31, 4. Grecia Charizanis Athanasiou, Konstantinos Lemonas, Georgios Papasakelariou, Nikolaos Vlachov 6.21.49, 5. Cina Hiyang Liu, Wancheng Liu, Jicai Sun, Sheng Cong 6.21.76, 6. Bulgaria Tsvetan Bogdanov, Robert Stanoev, Nikolay Zhelyazkov, Stanimir Haladzhov 6.36.76
Terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Repubblica Ceca Ivan Machac, Petr Veselka, David Jakoubek, Matej Tikal 6.18.61, 2. Croazia Filip Pedic, Josip Banovic, Bernard Samardzic, Toni Cavka 6.21.69, 3. Bielorussia Yauheni Piliak, Ihar Herus, Siarhei Semechka, Uladzimir Kulik 6.23.39, 4. Svizzera Ludovic Cornu, Alexandre Von Allmen, Nicolas Kamber, Vincenczo De Luca 6.24.52, 5. Ucraina Pavolo Doshchenko, Kostiantyn Dmytriv, Vladyslav Avramenko, Vladyslav Somov 6.37.25

DUE SENZA DONNE - Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: Partenza agguerrita della barca statunitense che sorprende tutti e si pone al comando davanti a Canada e Germania, mentre l’Italia al passaggio al primo intertempo è quarta. Posizioni immutate anche a metà gara con il Canada che tenta di attaccare gli Stati Uniti che reagiscono anche se il distacco tra le due battistrada si è ridotto. Troppo lontana, invece, dalla prima posizione valida per l’acceso in finale la barca azzurra che è ancora quarta. Il Canada riesce a superare gli Stati Uniti e passa prima a 1500 metri mentre la barca italiana ricuoera una posizione e transita terza alle spalle degli USA. Sul finale assolo canadese che va in finale seguito da Stati Uniti, seconda, e Italia terza. Italia ai recuperi. 1. Canada Caileigh Filmer, 7.23.35, 2. USA Meghan Galloway, Liliane Lidsay 7.28.26, 3. Italia Sara Monte (CC Pro Monopoli), Giovanna Schettino (CC Aniene) 7.34.81, 4. Germania Frauke Lange, Janka Kirstein 7.37.91, 5. Danimarca Maria Nielsen, Ida Petersen 7.50.69, 6. Messico Paola Rojas Leal, Karen Ramirez 7.53.87
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Romania Beatrice-Madalina Parfenie, Roxana Parascanu 7.31.43, 2. Cile Antoni Abraham, Melita Abraham 7.38.04, 3. Grecia Dimitra Kouklotidou, Paraskevi Giannou 7.44.14, 4. Cina Mangyao Dai, Meijie Lin 6.46.60, 5. Croazia Mia Drkulec, Tea Kavcic 7.49.09, 6. Ucraina Alina Romanova, Anastasiia Nebozhenko 7.49.70

QUATTRO CON - Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: Gara impostata dalla barca bielorussa che si stacca dai blocchi per prima seguita da Ucraina e Italia. Ma la barca azzurra dopo 750 metri risale dal secondo posto e passa a condurre superando la Bielorussia al termine di un attacco che l’ha porta a oltre 36 colpi di passo. Italia prima, quindi, a metà percorso che allunga il distacco sulle inseguitrici anche ai 1500 metri mentre la Bielorussia viene superata anche dal Sud Africa che nel frattempo è risalito dalla sesta posizione iniziale. Sul finale le inseguitrici vanno all’attacco dell’’Italia che reagisce e vince la gara accedendo alla finale 1. Italia Dario Favilli (SC Firenze), Andrea Cattaneo (SC Bissolati), Andrea Maestrale (CN Posillipo), Ivan Capuano (RYCC Savoia), Francesco Tassia-timoniere (Ilva Bagnoli) 6.22.73, 2. Sud Africa Justin Bruce, Garth Holden, Andrea Giammartini, Riccardo Busato, Sebastian Raven 6.30.18, 3. Russia Maksim Grigorenko, Dmitrii Zenov, Vadim Semeniuta, Ilia Sumynin, Evgenii Terekhov 6.33.78, 4. Bielorussia Yahor Shedau, Dzianis Shedau, Heorhi Meskhiya, Bahdan Chuduk, Mikalai Suzko 6.36.315. Ucraina Pavlo Yurchenko, Valentyn Kovtun, Artem Derkach, Oleh Kravchenko, Oleksandr Konovaliuk 6.37.07, 6. Germania Philipp Richard, Max Reichel, Maximilian Berwirth, Matti Saborowski, Philipp Baumgard 6.40.76
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna Charles Elwes, Thomas Digby, Chetan Chauhan-Sims, Charles Thurston, Hugo Marsh 6.25.29, 2. Nuova Zelanda Hugo Elworthy, William Morris-Whyte, Thomas Mackintosh, Edwin Laver, Matthew Wylie 6.27.64, 3. Romania Mihai Ianos, Vladut-Ionut, Claudiu-Florin Dulgheru, Pavel Curuzan-Corneli, Adrian Munteanu 6.35.72, 4. Australia Angus Robinson, Lachlan May, Angus Beckingsale, Andrew Judge, Thomas Mclellan 6.40.98, 5. USA Andrew Greubel, Charles Watt,

QUATTRO SENZA DONNE - Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: Partenza velocissima dell’Italia che sorprende gli avversari e fa l’andatura per milleduecento metri davanti alla Cina e alla Bielorussia. Un ritmo di gara che non permette alle azzurre di contenere il ritorno cinese e al passaggio dei 1500 metri sono seconde proprio dietro alla Cina, ma in sicurezza per quanto riguarda il passaggio del turno. Sul finale posizioni invariate con l’Italia seconda e in semifinale. 1. Cina Qian Wei, Jiayin Wang, Ji Mengke, Hanwen Cui 7.01.47, 2. Italia Beatrice Millo (SC Limite), Nicoletta Bartalesi (SC Varese), Angelica Merlini (Tevere Remo), Andrea Olga Jorio Fili (SC Armida) 7.06.69, 3. Bielorussia Yana Tsupa, Maryia Apanovich, Anastasiya Siamionava, Krystina Hancharova 7.09.69, 4. Nuova Zelanda Ella Pudney, Renee Olley, Jackie Gowler, Elizabeth Ross 7.13.93, 5. Russia Anna Fadeeva, Anna Samokhvalova, Nadezhda Levacheva, Anna Korenkova 7.23.82
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. USA Mia Croonquist, DanaMoffaty, Claire Collins, Marlee Blue 6.57.54, 2. Germania Carolin Dold, Lena Dankel, Vanessa Wuttig, Leah Labudde 7.06.09, 3. Australia Tyler Ferris, Kathryn Rowan, Eloise Parker, Miller ferris 7.13.084. Repubblica Ceca Lucie Cermakova, Tereza Dohnalova, Petra Lahnerova 7.16.16
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Francia Alice Renaud, Clementine Collet, Diane Albercht, Sophia Corneille 7.07.35, 2. Gran Bretagna Alex Slabbert, Heidi Long, Fionnuala Gannon, Saska Budgett 7.12.36, 3. Polonia Adrianna Dziamara, Agnieszka Chmurak, Karolina Smyrak, Katarzyna Pilch 7.15.02, 4. Ucraina Oksana Barziuk, Kateryna Kozhanova, Kateryna Klymenko, Raisa Rudenko 7.29.24

 

Prossime Regate

  • OEIRAS - 02-04/10/2020
    World Rowing Coastal Championships ANNULLATO
  • TARANTO - 03/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • ORTA S.GIULIO - 03-04/10/2020
    5° Orta Lake Eights Challenge e 15° Italian Sculling Challenge - Memorial Don Angelo Villa ANNULLATA
  • SANREMO - 03-04/10/2020
    XXXIX° Trofeo Aristide Vacchino - Regata Internazionale Sprint Allievi Cadetti ANNULLATO
  • MONATE - 04/10/2020
    Regata Regionale chiusa valida d'Aloja ANNULLATA
  • RAVENNA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • SABAUDIA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • TARANTO - 04/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.