Mondiali Under 23: Risultati e resoconti RECUPERI


VARESE, 24 luglio 2014 -

SINGOLO MASCHILE- Primo recupero – i primi due ai quarti di finale gli altri in finale E: la barca italiana è seconda ai 500 metri alle spalle dell’equipaggio austriaco. Ai 750 metri attacca e passa a condurre la gara dominandola fino alla fine, mentre l’austriaco si piazza secondo. Federico Garibaldi di diritto nei quarti. 1. Italia Federico Garibaldi (SC Elpis) 7.35.30, 2. Austria Mario Santer 7.37.63, 3. Lettonia Rudolfs Rumba 7.52.20, 4. Tunisia Yassine Berrehouma 7.58.67, 5. Zambia Desmond Nanghengwa 8.34.66
Secondo recupero – i primi due ai quarti di finale gli altri in finale E: 1. Kazakistan Vladislav Yakovlev 7.43.27, 2 USA Benjamin Davison 7.43.39, 3. Slovenia Jure Grace 7.54.60. 4. Moldavia Vladimir Malov 8.12.06
 

QUATTRO DI COPPIA FEMMINILE – recupero – i primi due in finale gli altri ai recuperi: la prima frazione ha visto Romania e Italia appaiate, ma a 700 metri le azzurre pagano questo sforzo e perdono il contatto con la Germania che nel frattempo è passata a condurre davanti alla Romania. L'Italia transita quarta ai 1500 metri e sul finale pur attaccando non riesce a ricuperare e termina in quarta posizione, lontana dai due posti necessari per l’accesso in finale A appannaggio di Germania e Romania. 1. Germania Michaela Staelberg, Carlotta Nwajide, Frauke Hundeling, Carina Boehlert 6.47.13, 2. Romania Gianina-Elena Beleaga, Ana-Maria Simion, Maricela-Dorina Otea, Iuliana Buhus 6.49.20, 3. USA Daphne Martschenko, Ashley Bauer, Corinne Schoeller, Meghan Wheeler 6.51.17, 4. Italia Cecilia Bellati (CLT Terni), Stefania Gobbi (SC Padova), Chiara Ondoli (SC De Bastiani), Ludovica Serafini (CC Aniene) 6.52.12, 5. Australia Rosdalind Cartmill, Tessa Carty, Narelle Badenoch, Leah Saunders 6.53.72

QUATTRO DI COPPIA PESI LEGGERI MASCHILE – Gara per l’assegnazione delle corsie (preliminary race): la gara per le assegnazioni delle corsie è una pura formalità, ma l’Italia l’ha subito risolta vincendo la regata. Dopo una partenza forte ha sempre condotto la gara ed ha vinto davanti all’equipaggio danese e alla Germania. 1. Italia Paolo Ghidini (CC Saturnia), Matteo Mulas (CLT Terni), Edoardo Margheri (Sisport Fiat), Edoardo Buoli (SC Eridanea) 6.11.38, 2. Danimarca Fredrik Leicht, Oliver Thomsen, Alexander Modest, Peter Holmquist 6.12.18, 3. Germania Elias Dreismickenbecker, Jan Frederick Schwiehr, Florian Roller, Roman Acht 6.12.22, 4. Francia Maxime Demontfaucon, Gael Chocheyras, Thibault Lecomte, Quentin Varnier 6.14.36, 5. Cipro Alexandros Zisimidis, Christodoulos Aristeidou, Omiros Antoniou, Michalis Christodoulou 6.38.94

DUE SENZA FEMMINILE – Primo recupero – i primi due in finale A gli altri in finale B: 1. Romania Elena-Lavinia Tarlea, Madalina Beres 7.43.70, 2. Croazia Kracic Zana, Karia Milosevic 7.51.07, 3. Ucraina Ievgeniia Nimchenko, Daryna Verkhogliad 7.51.35, 5. Canada Sabina Proctor, Sierra Bronkhorst 8.02.624. Spagna Anna Boada Peiro, Aina Cid 7.54.19,
Secondo recupero – i primi due in finale A gli altri in finale B: la barca azzurra alla riscossa dopo l’eliminatoria di ieri. E col piglio giusto si posiziona a ridosso della barca australiana transitando seconda sia a 500 metri che a metà gara anche se la Norvegia prova in continuazione ad attaccare le azzurre. A 1500 metri le posizioni non cambiano e le azzurre portano l’attacco alla Nuova Zelanda perché la Norvegia sta reagendo e diventa pericolosa. All'arrivo sono neozelandesi e azzurre a conquistare il pass per la finale A. 1. Australia Jessie Allen, Genevieve Horton7.40.58, 2. Italia Beatrice Arcangiolini (SC Firenze), Gaia Marzari (SC Lario) 7.42.40, 3. Norvegia Ingvild Ronningen, Hanna Inntjore 7.49.21, 4. Germania Charlotte Siering, Dorothee Beckendorff 7.56.97, 5. Bielorussia Viktorya Paknis, Hanna Kolyshkina 8.08.85

QUATTRO CON – recupero – i primi 4 in finale gli altri in finale B: è terza l’Italia fino a metà gara con Francia e Nuova Zelanda praticamente sulla stessa linea. Ne passano quattro e a fare l’andatura sono gli USA seguiti dalla Germania, ma a 1500 metri è la Nuova Zelanda a passare in vantaggio ai danni della barca statunitense mentre l’Italia mantiene la terza posizione. Finale travolgente con gli all black che vincono con una barca di vantaggio seguiti dagli USA e con l’Italia che rintuzza l’attacco di Francia e Germania con quest’ultima che cerca disperatamente di entrare in finale ma senza successo. Italia in finale. 1. Nuova Zelanda Alexander Bardoul, Anthony Allen, Patrick Mcinnes, Michael Brake, Sam Bosworth 6.42.97, 2. USA Matthew Milner, Michael Evans, Eric Ledbetter, Jacob Morton, Parker Ksidakis 6.45.43, 3. Italia Nicolò Pagani (Tevere Remo), Massimiliano Rocchi (CRV Italia), Fabio Vigliarolo (SC Lario), Mario Cuomo (CC Irno), Giorgio Crippa-timoniere (SC Moltrasio) 6.46.12, 4. Francia Damien Gallet, Paul Jacquot, Quentin Stender, Guillaume Ampe, Robin Le Barreu 6.47.29,5. Germania Bodo Schacher, Tobias Oppermann, Ole Schwiethal, Matthias Hoernschemeyer 6.47.55, 6. Russia Nikolay Krasilnikov, Stanislav Evdokimov, Igor Shunto, Andrey Antipov, Evgenii Kormilo 7.20.25

QUATTRO SENZA FEMMINILE - recupero – i primi due in finale A gli altri in finale B: sono Nuova Zelanda e Ucraina le barche che si staccano prime dal pontile di partenza e fanno l’andatura, mentre la barca azzurra dopo essere passata in quarta posizione ai 500 metri transita ultima a metà gara. Situazione immutata anche sul finale con l’equipaggio neozelandese a vincere il recupero e raggiungere la finale insieme all’Ucraina. Italia quinta in finale B. 1. Nuova Zelanda Johannah Kearney, Olivia Loe, Kelsi Walters, Emma Dyke 7.23.33, 2. Ucraina Kateryna Sheremet, Lesya Gerasymchuk, Yevgeniya Sokolovska, Ilona Romanesku 7.26.71, 3. Romania Maria-Evelina Cogianu, Mihaela-Dumitrita Vultur, Mihaela-Teodora Beriondei, Ana Orhei 7.33.43, 4. Germania Isabel Taeuber, Annika Jacobs, Leonie Neuhus, Lisa Quattelbaum 7.34.63, 5. Italia Lucrezia Fossi (SC Firenze), Giorgia Bergamasco (CUS Bari), Gaia Nencini (SC Arno), Elisa Mapelli (SC Tritium) 7.40.39

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.