Mondiali Under 23: Risultati e resoconti BATTERIE


VARESE, 23 luglio 2014 -


SINGOLO MASCHILE: Prima batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Serbia Aleksander Filipovic 7.03.42, 2. Bielorussia Pilip Pavukou 7.03.99, 3. Australia Luke Letcher 7.06.86, 4. Nuova Zelanda Michael Longuet-Higgins 7.07.23, 5. Lettonia Rudolfs Rumba 7.31.87, 6. Slovenia Jure Grace 7.41.00
Seconda batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Lituania Zygimantas Galisanskis 7.02.11, 2. Ungheria Jozsef Matheisz 7.05.38, 3. Russia Pavel Sorin 7.05.47, 4. Ucraina Sergii Gumennyii 7.05.51, 5. Austria Mario Santer 7.06.04, 6. USA Benjamin Davison 7.11.93
Terza batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Repubblica Ceca Michal Plocek 6.59.77, 2. Germania Ruben Steinhardt 7.05.32, 3. Bulgaria Romeo Angelov 7.09.26, 4. Monaco Quentin Antognelli 7.10.09, 5. Kazakistan Vladislav Yakovlev 7.13.03, 6. Zambia Desmond Nanchengwa 8.00.69
Quarta batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Polonia Natan Wegrzycki-Szymczyk 7.12.37, 2. Francia Hugo Boucheron 7.15.43, 3. Svezia Emil Freudenthal 7.17.14, 4. Estonia Juri-Mikk Udam 7.18.71, 5. Moldavia Vladimir Malov 7.22.16, 6. Tunisia Yassine Berrehouma 7.31.03
Quinta batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: gara altalenante per le posizioni valide per l’accesso ai quarti con Svizzera, Slovacchia, Norvegia e Grecia a darsi battaglia mentre la barca azzurra partita bene, terza, ha perso in seguito il contatto con le battistrada chiudendo al quinto posto. 1. Grecia Dionysios Angelopolus 7.01.25, 2. Norvegia Jag Helvig 7.01.52, 3. Svizzera Markus Kessler 7.04.18, 4. Repubblica Slovacca Andrè Redr 7.05.5. Italia Federico Garibaldi (SC Elpis) 7.05.91

SINGOLO PESI LEGGERI MASCHILE – Prima batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Irlanda Paul O’Donovan 7.08.58, 2. Gran Bretagna Samuel Mottram 7.11.14, 3. Brasile Uncas Batista 7.19.02, 4. Giappone Takatomo Furumai 7.20.05, 5. Portogallo Carlos Cruz 7.22.59
Seconda batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Olanda Daan Klomp 7.05.28, 2. Turchia Enes Kusku 7.06.45, 3. Danimarca Oscar Petersen 7.18.00, 4. Norvegia nicolai Astrup Wilk 7.32.14, 5. Moldavia Sergei Oboianschii 7.40.83
Terza batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. USA Andrew Campbell Ju 7.00.36, 2. Belgio Tim Brys 7.02.51, 3. Ungheria Daniel Matyasovszki 7.02.54, 4. Russia Fedor Pikhalev 7.29.53, 5. Slovenia Tilen Pugelj 7.31.33
Quarta batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: parte bene Francesco e mantiene l’andatura per metà gara imponendo il suo ritmo agli inseguitori. Prima dei 1500 la Grecia attacca e supera la barca azzurra che sul finale viene superata anche dalla Croazia. Italia terza ai quarti di finale. 1. Grecia Spyridon Giannaros 7.09.20, 2. Croazia Luka Radonic 7.13.39, 3. Italia Francesco Pegoraro (Sisport Fiat) 7.16.80, 4. Repubblica Slovacca Peter Zelinka 7.19.27, 5. Sud Africa James Brittain 7.20.47
Quinta batteria – i primi quattro ai quarti gli altri ai recuperi: 1. Germania Jonathan Rommelmann 7.17.08, 2. Bulgaria Grigor Manchev 7.31.65, 3. Uganda Gerald Ssemambo 7.32.494. Repubblica Ceca Marek Hodrment 7.34.43, 5. Repubblica di Vanuatu Luigi Teileb 7.54.61

QUATTRO SENZA MASCHILE – Prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: è la barca azzurra che scatta in avanti sin dalle prime palate e fa l’andatura davanti alla barca croata che non demorde e a novecento metri attacca l’Italia che reagisce e passa ancora prima a metà regata. Prima anche a 1500 metri con la Croazia sempre attaccata alla barca azzurra nonostante superino il turno tre imbarcazioni. Nell’ultima frazione l’Italia tiene bene e passa in semifinale insieme a Croazia e USA. 1. Italia Marco Di Costanzo (Fiamme Oro), Cesare Gabbia (SC Elpis), Giovanni Abagnale, Vincenzo Abbagnale (Marina Militare) 6.00.06, 2. Croazia Patrik Prnjak, Luka Baricevic, Mile Cakarun, Ivan Piton 6.02.31, 3. USA Chase Buchholz, Kyle Junior Peabody, Joseph Simon, Justin Murphy 6.05.38, 4. Bielorussia Siarhei Valadzko, Dzmitry Belaus, Dzmitry Vyberanets, Mikhail Baranouski 6.07.95, 5. Irlanda Kevin neville, Robert O’Callaghan, Richard Bennet, Florian Mac Quillan-Tolan 6.22.36
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Spagna Marco Sardelli Gil, Jaime Lara Pacheco, Ismael Montes Caamano, Javier Garcia Ordonez 5.58.36, 2. Gran Bretagna James Cook, George Rossiter, James Rudkin, Lewis Mccue 6.00.30, 3. Francia Hugo Laborde, Jean Noury, Antoine Nougarede, Arnaud Petitjean 6.04.70, 4. Serbia Vuk Matovic, Nikola Kekic, Igor Loncarevic, Nikola Selakovic 6.06.04,

QUATTRO DI COPPIA FEMMINILE – Prima batteria – i primi due in finale A gli altri ai recuperi: nulla da fare, in questa fase, per la barca azzurra che rimane sempre troppo indietro e passa quinta in tutti gli intertempi con la Gran Bretagna a fare il ritmo. Nelle retrovie, invece, la Nuova Zelanda dopo essere risalita dalla quarta posizione iniziale si porta a ridosso della Gran Bretagna e si piazza seconda accedendo alla fase successiva. 1. Gran Bretagna Mathilda Hodgins-Byrne, Holly Nixon, Josephine Wratten, Lucy Burgess 6.31.60, 2. Nuova Zelanda Ashlee Rowe, Kristen Froude, Brooke Donoghue, Claudia Hyde 6.32.15, 3. Romania Gianina-Elena Beleaga, Ana-Maria Simion, Maricela-Dorina Otea, Iuliana Buhus 6.36.29, 4. Italia Cecilia Bellati (CLT Terni), Stefania Gobbi (SC Padova), Chiara Ondoli (SC De Bastiani), Ludovica Serafini (CC Aniene) 6.40.64, 5. Australia Rosdalind Cartmill, Tessa Carty, Narelle Badenoch, Leah Saunders 6.41.45
Seconda batteria – i primi due in finale A gli altri ai recuperi: 1. Russia Iuliia Volgina, Ekaterina Kurochkina, Elena Oriabinskaia, Vasilina Stepanova 6.32.91, 2. Polonia Ariana Borkowska, Marta Wieliczko, Joanna Dittmann, Monika Ciaciuch 6.35.35, 3. Germania Michaela Staelberg, Carlotta Nwajide, Frauke Hundeling, Carina Boehlert 6.43.04, 4. USA Daphne Martschenko, Ashley Bauer, Corinne Schoeller, Meghan Wheeler 6.47.69

DUE SENZA FEMMINILE - Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Nuova Zelanda Grace Prendergast, Kerri Gowler 7.13.51, 2. Spagna Anna Boada Peiro, Aina Cid I 7.29.76, 3. Norvegia Ingvild Ronningen, Hanna Inntjore 7.36.86, 4. Ucraina Ievgeniia Nimchenko, Daryna Verkhogliad 7.40.32, 5. Germania Charlotte Siering, Dorothee Beckendorff 7.41.79, 6. Canada Sabina Proctor, Sierra Bronkhorst 7.42.56
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: dopo essere rimasta nelle retrovie, ed aver fatto sfogare l’Australia, sul finale la barca statunitense imprime un serrate e si porta in testa e sul traguardo supera con 2.39 di vantaggio la barca aussie. La barca azzurra, invece, dopo aver fatto tre quarti di gara in terza posizione chiude quinta e dovrà superare i recuperi per continuare la corsa verso la finale iridata. 1. USA Agatha Nowinski, Jessica Eiffert 7.19.46, 2. Australia Jessie Allen, Genevieve Horton 7.21.85, 3. Romania Elena-Lavinia Tarlea, Madalina Beres 7.28.50, 4. Italia Beatrice Arcangiolini (SC Firenze), Gaia Marzari (SC Lario) 7.29.08, 5. Croazia Kracic Zana, Karia Milosevic 7.41.27, 6. Bielorussia Viktorya Paknis, Hanna Kolyshkina 8.0374

DUE SENZA PESI LEGGERI MASCHILE – Prima batteria – i primi tre in semifinale gli ai recuperi: 1. Germania Felix Bruemmel, Sven Ditzel 6.59.94, 2. Francia Etienne Girerd, Alexis Guerinot 7.02.25, 3. USA Robert Mcnamara, August Wherry 7.04.58, 4. Australia Hamish Parry, John Armitage 7.08.03, 5. Turchia Emre Acar, Fatih Unsal 7.15.55
Seconda batteria – i primi tre in semifinale gli ai recuperi: il primi tre superano il turno e vanno in semifinale e l’Italia c’è: seconda per metà gara, mentre la barca inglese detta il ritmo di gara, a 1500 mantiene la posizione davanti al Canada che respira poiché la quarta è molto distante e non può insidiare il suo posto in semifinale. Sul finale però il Canada attacca e supera la Gran Bretagna mentre l’Italia si piazza al terzo posto. Italia in semifinale. 1. Canada Grayson Gray, James Myers 6.54.97, 2. Gran Bretagna Charles Waite-Roberts, Wilf Kimberley 6.55.60, 3. Italia Piero Sfiligoi (CC Saturnia), Leone Maria Barbaro (Tirrenia Todaro) 6.59.10, 4. Norvegia Sten Sture, Petter Svingen 7.08.99, 5. Austria Bernhard Bruner, Gerald Pollak 7.13.35
Terza batteria – i primi tre in semifinale gli ai recuperi: 1. Repubblica Ceca Jan Hajek, Michael Humpolec 6.59.71, 2. Giappone Yasuarru Hayashi, Hitoshi Fujita 7.05.93, 3. Portogallo Tiago Costa, Duarte Matias Alves Pinheiro 7.07.67, 4. Ucraina Andrii Cherkashyn, Rostyslav Dzhyrei 7.11.73

QUATTRO DI COPPIA PESI LEGGERI FEMMINILE – Prima batteria – i primi due in finale A gli altri ai recuperi: Grande Italia del quadruplo che parte lenta, terza ai primi 500 metri, recupera una posizione a metà gara e dà la zampata finale e si piazza prima. Posizione che mantiene fino al traguardo nonostante la barca svizzera abbia cercato di attaccare la posizione italiana. Italia in finale. 1. Italia Valentina Rodini (SC Bissolati), Giorgia Lo Bue, Serena Lo Bue (SC Palermo), Greta Masserano (CUS Torino) 7.01.66, 2. Svizzera Leanne Kunz, Adeline Seydoux, Fanny Belais, Pauline Delacroix 7.03.98, 3. Gran Bretagna Elisha Lewis, Jessica Elkington, Lugy Cruxton, Gemma Hall 7.06.72, 4. USA Brittany Presten, Emma Betuel, Alia Shafi, Christine Cavallo 7.16.28, 5. Austria Melanie Zach, Marie Steinbeck, Mira Steinbeck, Anja Manoutschehri 7.25.39
Seconda batteria – i primi due in finale A gli altri ai recuperi: 1. Germania Samantha Nesajda, Carolin Franzke, Franziska Kreutzer 6.58.48, 2. Ungheria Rebeka Glaser, Eva Laszlo, Syham Abid, Sara Balint 7.08.64, 3. Francia Margaux Segrais, Marion Goffigniez, Laura Tarantola, Agathe Pichon 7.12.89, 4. Norvegia Lise Jakobsen, Sara Hegge, Maias Lund, Andrea Aelveborn 7.33.48

QUATTRO CON – Prima batteria – il primo in finale A gli altri ai recuperi: 1. Canada Trofym Anserson, Michael Thornton, Martin Barasko, Tim Schrjver, Jacob Koudys 6.27.15, 2. Nuova Zelanda Alexander Bardoul, Anthony Allen, Patrick Mcinnes, Michael Brake, Sam Bosworth 6.29.91, 3. Germania Bodo Schacher, Tobias Oppermann, Ole Schwiethal, Matthias Hoernschemeyer 6.33.95, 4. USA Matthew Milner, Michael Evans, Eric Ledbetter, Jacob Morton, Parker Ksidakis 6.36.26
Seconda batteria – il primo in finale A gli altri ai recuperi: è la Gran Bretagna a schizzare in avanti non appena il giudice abbassa la bandiera, ma l’Italia è pronta a reagire e dopo essere transitata in seconda posizione nella prima frazione, a metà gara è in testa decisa a rimanervi. A 1500 è ancora l’Italia a fare l’andatura seguita a ruota dalla barca inglese che non molla e attacca. Sul finale, in un tremendo punta a punta, è la Gran Bretagna che ha la meglio per 19 centesimi sugli azzurri che si piazzano secondi. 1. Gran Bretagna Sybren, Hoogland, Timothy Grant, William Warr, Callum McBrierty, Harry Brightmore 6.30.88, 2. Italia Nicolò Pagani (Tevere Remo), Massimiliano Rocchi (CRV Italia), Fabio Vigliarolo (SC Lario), Mario Cuomo (CC Irno), Giorgio Crippa-timoniere (SC Moltrasio) 6.31.07, 3. Francia Damien Gallet, Paul Jacquot, Quentin Stender, Guillaume Ampe, Robin Le Barreu 6.41.39, 4. Russia Nikolay Krasilnikov, Stanislav Evdokimov, Igor Shunto, Andrey Antipov, Evgenii Kormilo 7.15.38

QUATTRO SENZA FEMMINILE – Prima batteria – i primi due in finale A gli altri ai recuperi: 1. Russia Yana Tolstokorova, Anastasia Tikhanova, Elizaveta Tikhanova, Liana Gorgodze 7.01.85, 2. Olanda Karien Robbers, Donna Christen, Eleonora Portengen, Margriet Lanrtink7.06.25, 3. Canada Zoe Alexandra Fettig-Winn, Michelle Aylard, Hillary Janssens, Nicole Hare 7.07.03, 4. Ucraina Kateryna Sheremet, Lesya Gerasymchuk, Yevgeniya Sokolovska, Ilona Romanesku 7.18.70, 5. Romania Maria-Evelina Cogianu, Mihaela-Dumitrita Vultur, Mihaela-Teodora Beriondei, Ana Orhei 7.18.70
Seconda batteria – i primi due in finale A gli altri ai recuperi: sono Stati Uniti e Francia a fare da battistrada a una gare che appare, per le azzurre, difficile da rimettere nelle giuste posizioni per accedere alla finale. L’Italia, infatti, è quinta a metà gara nonostante abbia tentato specialmente nella prima parte di rimanere incollata alle due leader della gara. Superati i mille metri, e vista l’impossibilità di poter accedere direttamente in finale, l’Italia termina la gara quinta, mentre a superare il turno sono USA, prime, e Francia, seconda. 1. USA Kendall Chase, Erin Boxberger, Molly Bruggeman, Erin Reelick 6.59.81, 2. Francia Noemie Kober, Eleonore Dubuis, Melanie Cornille, Elodie Ravera-Scaramozzino 7.04.45, 3. Germania Isabel Taeuber, Annika Jacobs, Leonie Neuhus, Lisa Quattelbaum 7.08.57, 4. Nuova Zelanda Johannah Kearney, Olivia Loe, Kelsi Walters, Emma Dyke 7.09.15, 5. Italia Lucrezia Fossi (SC Firenze), Giorgia Bergamasco (CUS Bari), Gaia Nencini (SC Arno), Elisa Mapelli (SC Tritium) 7.32.84

 

Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
    Tabella Orari previsti
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.