Lucerna: Risultati e resoconti dei RECUPERI


LUCERNA, 11 luglio 2014 -

SINGOLO SENIOR DONNE – Primo recupero – i primi due in semifinale gli altri in finale C-D: parte bene la Magnaghi che transita seconda a 500 metri subito dietro alla barca serba; a metà percorso l'azzurra passa a condurre con la Serbia2 che sembra accusare la parte iniziale della gara che l’ha vista prima. A 1500 metri la Serbia2, dopo aver nuovamente attaccato l’azzurra ritorna al comando ma la barca italiana si mantiene agganciata e si lancia nuovamente all’inseguimento. Una condotta di gara intelligente che le permette di superare il turno e sul finale nuovamente anche la Serbia. Italia prima in semifinale. 1. Italia Sara Magnaghi (SC Moltrasio) 7.51.16, 2. Serbia2 Ivana Filipovic 7.52.39, 3. Svezia2 Anna Malvina Svennung 7.57.82, 4. Olanda2 Inge Janssen 8.03.72, 5. Australia2 Fiona Albert 8.11.46, 6. Serbia1 Iva Obradovic 8.16.18
Secondo recupero – i primi due in semifinale gli altri in finale C-D: 1. Danimarca Fie Udby Erichsen 7.48.66, 2. Russia Julia Levina 7.49.18, 3. Lituania Lina Saltyte 7.54.624. Svizzera Jeannine Gmelin 7.54.85,5. Germania2 Marie-Catherine Arnold 7.59.84

SINGOLO SENIOR UOMINI – Primo quarto di finale i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D:1. Olanda Roel Braas 7.03.73, 2. Romania Petru Codau 7.04.85, 3. Canada Julien Bahain 7.06.27, 4. Gran Bretagna Alan Campbell 7.06.82, 5. Belgio Hannes Obreno 7.30.80, 6. Egitto2 Sayed Salman 7.31.23
Secondo quarto di finale i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D:1. Nuova Zelanda Mahe Drysdale 6.56.93, 2. Lituania Mindaugas Griskonis 6.58.84, 3. Repubblica Ceca Ondrej Sinek 7.04.65, 4. Bielorussia Stanislau Shcharbachenia 7.07.23, 5. Svizzera1 David Aregger 7.16.336. Corea Dongyong Kim 7.28.44
Terzo quarto di finale i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: Francesco Cardaioli non si impressiona e, dopo essere passato quarto ai 500, terzo a metà gara e secondo a 1500 metri ingaggia un duello all’ultima palata con il Finlandese Ven e il norvegese campione olimpico Tufte. Negli ultimi cento metri la bagarre diventa infermale per le prime tre posizioni perché v’è il ritorno della Svizzera. Ma l’azzurro non si scompone e chiude davanti proprio a Tufte. Italia seconda in semifinale. 1. Finlandia Robert Ven 7.05.95, 2. Italia Francesco Cardaioli (SC Padova) 7.06.74, 3. Norvegia Olaf Tufte 7.06.83, 4. Svizzera2 Nico Sthalberg 7.08.41, 5. Bulgaria1 Georgi Bozhilov 7.14.64, 6. Australia2 John Linke 7.36.23
Quarto quarto di finale i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: 1. Germania1 Marcel Hacker 7.04.66, 2. Australia1 Nicholas Purnell 7.06.473. Bulgaria2 Krostian Vasilev 7.06.68 4. Israele1 Dani Fridman 7.06.81, 5. USA Kenneth Jurkowski 7.20.04, 6. Croazia1 David Sain 7.27.16

DOPPIO SENIOR DONNE – Primo recupero – i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: 1. Bielorussia2 Tatsiana Kukhta, Katsiaryna Shliupskaya 7.13.03, 2. Danimarca Mette Petersen, Lisbet Jakobsen 7.20.38, 3. Finlandia Ulla Varvio, Eeva Karppinen 7.23.94, 4. Bulgaria Luiza-Mariya Rusinova, Kristina Boncheva 7.29.70, 5. Israele Diana Egerton-Warburton, Chen Oshri 7.41.72
Secondo recupero – i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: bella prova della barca italiana che dopo essere transitata terza per metà gara, dietro a Germania e Repubblica Ceca, nel terzo intertempo transita prima attaccando le avversarie. Una condotta di gara che fa salire il ritmo di colpi e permette alle azzurre di distanziare le avversarie e solo sul finale vengono nuovamente superate, nell’ordine, dalle tedesche e dalle ceche. Un vortice che comunque non le toglie la terza posizione valida per l’accesso in semifinale. Italia in semifinale. 1. Germania Julia Richter, Mareike Adams 7.14.39, 2. Repubblica Ceca Lenka Antosova, Lucie Zabova 7.14.41, 3. Italia Laura Schiavone (CC Irno), Sara Bertolasi (SC Lario) 7.16.10, 4. Austria Birgit Puehringer, Lisa Farthofer 7.29.46, 5. Estonia Mariliis Reinkort, Kaisa Pajusalu 7.36.66

DOPPIO SENIOR UOMINI – Primo recupero – i primi due in semifinale gli altri in finale C-D: dopo il deludente recupero di stamane la coppia Fossi e Battisti si riscatta dominando il recupero per tutti i duemila metri e lasciando agli avversari la lotta per la seconda posizione valida per l’accesso in semifinale. Italia prima in semifinale. 1. Italia1 Francesco Fossi, Romano Battisti (Fiamme Gialle) 6.34.34, 2. Canada Michael Wilkinson, Steve Vanknotsenburg 6.34.67, 3. Polonia Piotr Licznerski, Adam Wicenciak 6.38.36, 4. Repubblica Ceca Michal Plocek, Jan Andrle 6.40.38, 5. Olanda Van Luijk, Dirk Uittenbogaard 6.40.436. Corea Hwigwan Kim, Do-Sub Choi 6.56.49
Secondo recupero – i primi due in semifinale gli altri in finale C-D: gara punta a punta per 1500 metri per le prime due posizioni con l’Italia a rincorrere mentre a condurre fino a metà gara è la Danimarca sopravanzata a 1500 dalla Spagna. Sul traguardo la Spagna vince e insieme alla Danimarca, seconda, accede alla semifinale di domani. L’Italia, seppur con un buon serrate finale, non riesce a ricuperare e finisce la gara terza quindi disputerà le finali di consolazione. 1. Spagna Juan Garcia, Ruben Padilla Camara 6.35.45, 2. Danimarca Sophus Johannesen, Sverri Nielsen 6.35.69, 3. Italia2 Domenico Montrone (Fiamme Gialle), Cesare Gabbia (SC Elpis) 6.38.94, 4. Argentina Ariel Suarez, Cristian Rosso 6.40.24, 5. Australia2 David Watts, Max Macqueeney 6.41.47, 6. Estonia Andreai jamsa, Tonu Endrekson 6.46.76

QUATTRO DI COPPIA SENIOR UOMINI – Recupero – i primi tre in semifinale gli altri in finale B-C: è l’Egitto che sorprende tutti in partenza e passa primo a 500 metri davanti all’Italia che reagisce e passa prima a metà gara con la barca egiziana sorprendentemente a ridosso. Terza il Canada che inizia ad attaccare e a 1500 metri si piazza al secondo posto dietro all’Italia che continua a condurre la regata. Sul finale il Canada passa tutti e vince il recupero mentre l’Italia precede di un secondo l’Olanda, piazzandosi al secondo posto a 28 centesimi dai vincitori. Italia in semifinale. 1. Canada Pascal Lussier, Michael Braithwaite, Will Dean, Matthew Buie 6.01.50, 2. Italia Luca Agamennoni, Simone Venier, Matteo Stefanini, Simone Raineri (Fiamme Gialle) 6.01.78, 3. Olanda Harold Langen, Peter Van Schie, Derk Noordhuis, Meindert Klem 6.02.76, 4. Norvegia Martin Helseth, Bjoern-Jostein, Joakim Boehn, Aleksander Berntsen 6.02.76, 5. Egitto Moustafa Fathy, Nour El Din Hassanein, Abdel Samir Elbana, Ahmed Khamis 6.09.61

DUE SENZA SENIOR UOMINI – Primo quarto di finale – i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: 1. Spagna Alexander Sigurbjonsson, Pau Vela Maggi 6.42.81, 2. Sud Africa1 Shaun Keeling, Vincent Breet 6.43.62, 3. Sud Africa2 David Hunt, Lawrence Brittain 6.46.16, 4. Australia2 Jack Hargreaves, Nicholas Wheatley 6.50.32, 5. Romania Ionel Strungaru, George Palamariu 6.52.61, 6. Olanda2 Nanne Sluis, Gerbren Spoelstra 6.53.17 
Secondo quarto di semifinale – i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: parte bene la formazione Di Costanzo e Castaldo passando prima a 500 metri seguita dalla Grecia. A 800 è la Serbia2 a sferrare l’attacco e risalire dal sesto posto al primo con l’Italia che passa seconda a 1000 metri. La Situazione rimane invariata a 1500 metri con la Serbia2 sempre in testa e l’Italia impegnata a mantenere a distanza la Grecia che deve contenere a sua volta la Polonia che tenta di rientrare tra le posizioni validi per l’accesso in semifinale. Sul traguardo è prima Serbia2 e seconda l'Italia che accede così in semifinale. 1. Serbia2 Nikola Stojic, Nenad Bedik 6.42.42, 2. Italia1 Marco Di Costanzo (Fiamme Oro), Matteo Castaldo (RYCC Savoia) 6.44.46, 3. Grecia2 Apostolos Lampridis, Dionysios Angelopoulos 6.46.79, 4. Polonia Wojciech Gutorski, Jaroslaw Godek 6.49.48, 5. Ungheria Adrian Juhasz, Jr Bela Simon 6.51.72, 6. Australia1 Christopher Cunningham-Reid, Geoge Ellis 6.55.87
Terzo quarto di finale – i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: 1. Gran Bretagna1 James Foad, Matt Langridge 6.45.17, 2. Serbia1 Veselin Savic, Diusan Bogicevic 6.46.94, 3. Gran Bretagna2 Oliver Cook, Philip Congdon 6.48.07, 5. Slovenia Ales Zupan, Janez Zupan 7.00.21, 4. Croazia Vjekoslav Kolobaric, Ante Janjic 6.54.796. Argentina Rodrigo Murillo, Martin Lasserre 7.05.60
Quarto quarto di finale – i primi tre in semifinale gli altri in finale C-D: sono Eric Murray, Hamish Bond, i fuoriclasse neozelandesi, a fare l’andatura sin dall’inizio con la barca azzurra attardata ai 500 metri, quarto il suo passaggio, dietro a Grecia e Germania. Agli ottocento metri Abbagnale e Abagnale tentano di risalire e attaccano passando in seconda posizione, sempre dietro alla Nuova Zelanda che continua la sua andatura in solitaria. A 1500 l’Italia e ancora seconda ma sul finale, mentre i neozelandesi chiudono in prima posizione, la Germania attacca nuovamente l’Italia e la supera al fotofinish per soli quattro centesimi. Italia in semifinale. 1. Nuova Zelanda Eric Murray, Hamish Bond 6.41.58, 2. Germania Mastian Bechler, Anton Braun 6.46.46, 3. Italia2 Giovanni Abagnale, Vincenzo Abbagnale (CN Stabia) 6.46.50, 4. Grecia1 Georgios Tziallas, Konstantinos Christomanos 6.52.02, 5. Russia Roman Lomachev, Yuriy Pshenichnikov 6.54.176. Repubblica Ceca Jan Lepier, Kornel Altman 6.41.58



 

Prossime Regate

  • LINZ-OTTENSHEIM - 25/08-01/09/2019
    World Rowing Championships
  • PATRASSO - 25-27/08/2019
    Mediterranean Beach Games

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.