La Vogalonga unisce i popoli e rinsalda le tradizioni di amicizia


VENEZIA, 09 giugno 2014 - L’Ambasciatore d’Italia in Croazia non è nuovo ad imprese sportive remiere: la Dr. ssa Emanuela D’Alessandro non è solamente il diplomatico che ci rappresenta a Zagabria, ma è una praticante appassionata di canottaggio. Unire lo sport al ruolo istituzionale che occupa non è cosa usuale, ma riuscire a coniugare le due cose con competenza e dedizione è veramente eccezionale.

La sua partecipazione alla Vogalonga in un equipaggio italo-croato è una di quelle scelte che rimangono indelebili nella storia di una manifestazione di importanza internazionale. Ma la vicina Croazia è parte integrante della storia di Venezia: la riva degli Schiavoni, nei pressi di Piazza San Marco, ha rappresentato per secoli il punto di attracco delle navi provenienti dalla Dalmazia o Schiavonia, creando un legame stabile nel tempo.  Proprio per queste motivazioni che significato ha per Lei la Vogalonga? “E’ molto importante perché sono riuscita per la prima volta tre anni fa a portare una rappresentativa croata a partecipare alla Vogalonga. Da quel momento si sono appassionati e quindi non perdono più l’appuntamento con questa manifestazione”.

Come si collega questa iniziativa con il Suo ruolo di Ambasciatore italiano a Zagabria? “Molto perché la diplomazia non riguarda solo la politica o l’economia, esiste anche la parte sportiva nel mio lavoro: io sono socia del più grande circolo di canottaggio croato. Questo sport in Croazia ha una importanza notevole, è diffusissimo, lo praticano ovunque e quindi ci alleniamo continuamente. Per questo motivo ho pensato che fosse importante partecipare alla Vogalonga assieme a loro”. Il legame tra Venezia e la Croazia è un legame secolare, come viene vissuto attualmente? “Si è un legame datato, ovunque nella costa croata ci sono monumenti che riconducono a Venezia, ma anche qui, proprio adesso, passeggiando per la città ho visto una targa che ricorda i legami che ci sono stati dal 1400. La Regione Veneto, tra l’altro, sta facendo molto per restaurare il patrimonio artistico veneziano in Croazia. Questi legami si stanno mantenendo attraverso i secoli”.

Quest’anno la Vogalonga compie quaranta anni, che significato assume per Lei questa ricorrenza? “Ci tenevo assolutamente ad essere qui e a partecipare. Non so, ho perso il conto a quale edizione della Vogalonga sia arrivata, è una manifestazione che va crescendo ogni anno di più e quest’anno in particolare con tutto il discorso della marea, della difesa di Venezia e delle grandi navi, remare è un’altra cosa anche a tutela dell’ambiente e a salvaguardia del patrimonio di questa ricchezza mondiale che dobbiamo preservare”.


Pino Lattanzi

  

Prossime Regate

  • OEIRAS - 02-04/10/2020
    World Rowing Coastal Championships ANNULLATO
  • TARANTO - 03/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • ORTA S.GIULIO - 03-04/10/2020
    5° Orta Lake Eights Challenge e 15° Italian Sculling Challenge - Memorial Don Angelo Villa ANNULLATA
  • SANREMO - 03-04/10/2020
    XXXIX° Trofeo Aristide Vacchino - Regata Internazionale Sprint Allievi Cadetti ANNULLATO
  • MONATE - 04/10/2020
    Regata Regionale chiusa valida d'Aloja ANNULLATA
  • RAVENNA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • SABAUDIA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • TARANTO - 04/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.