Belgrado: Risultati e resoconti delle BATTERIE


BELGRADO, 30 maggio 2014 -

OTTO SENIOR UOMINI
prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: il pianeta Germania ha dettato legge nella sua batteria nonostante prima l’Italia, per 500 metri, e poi la Russia, risalita dalla quarta posizione, abbiano cercato di contrastare il suo strapotere. Sul finale assolo tedesco con la Russia seconda, mentre l’ammiraglia azzurra ha mollato finendo sesta. Italia ai recuperi. 1. Germania (Andreas Kuffner, Eric Johannesen Max, Planer, Felix Wimberger, Richard Schmidt, Malte Jakschik, Maximilian Reinelt, Felix Drahotta, Martin Sauer) 5.28.89, 2. Russia (Alexander Kulesh, Ivan Podshivalov, Georgij Efremenko, Ivan Balandin, Dmitry Kuznetsov, Artem Kosov, Nikita Morgachev, Anton Zarutskiy, Pavel Safonkin) 5.30.32, 3. Olanda (Sjoerd De Groot, Ruben Knab, Stefan Broenink, Jozef Klaassen, David Kuiper, Boudewijn Roell, Vincent Van der Want, Govert Viergever, Peter Wiersum) 5.38.85, 4. Ucraina (Viktor Grebennykov, Volodymyr Pavlovskyi, Artem Moroz, Andriy Shpak, Valentyn Kletskoy, Andriy Pryveda, Sergiy Chykanov, Sergii Gryn, Oleksandr Konovaliuk) 5.43.30, 5. Repubblica Ceca (Miloslav Sagr, Jaroslav Kedaj, Jiri Srna, Karel Behal, Jan Lepier, Jakub Litera, Jakub Paroulek, Kornel Altman, Radek Suma) 5.51.07, 6. Italia (Filippo Mondelli-SC Moltrasio, Vincenzo Abbagnale-CN Stabia, Emanuele Liuzzi-Fiamme Oro, Fabio Infimo-RYCC Savoia, Alessandro Laino, Domenico Montrone, Sergio Canciani, Andrea Tranquilli-Fiamme Gialle, Enrico D’Aniello-timoniere-CN Stabia) 5.52.04
seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Polonia (Zbigniew Schodowski Michal Szpakowski Marcin Brzezinski Robert Fuchs Krystian Aranowski Piotr Hojka, Mikolaj Burda Piotr Juszczak Dan Trojanowski) 5.29.40, 2. Bielorussia (Dzimitry Furman, Vadzim Lialin, Yauhen Aliakhnovich, Mikalai Sharlap, Vasil Yemelyanovich, Ihar Pashevich, Dzianis Suravets, Uladzimir Vrubleuski, Piotr Piatrynich) 5.30.99, 3. Gran Bretagna (Philip Congdon, Oliver Cook, Scott Durant, Matthew Gotrel, Pete Reed, William Satch, Matthew Tarrant, James Foad, Phelan Hill) 5.31.35, 4. Francia (Sebastien Lente, Benoit Brunet, Cedric Berrest, Matthieu Androdias, Germain Chardin Benjamin Lang, Julien Despres, Dorian Mortelette, Benjamin Manceau) 5.32.33, 5. Spagna (Marco Sardelli Gil, Jaime Lara Pacheco, Manuel Moron Romero, Jon Carazo Tobar, Damian Alonso Alonso, Manuel Fernandez Lopez, Jaime Canalejo Pazos, Javier Garcia Ordonez,Tomas Jurado Diaz) 5.42.83


OTTO SENIOR DONNE
prima batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: Romania e Germania, sin dalle prime battute, hanno fatto capire che in finale ci andavano loro. Al resto della flotta non è rimasto altro che tentare nella prima parte di dar loro fastidio, ma senza successo. L’ottorosa ha chiuso in quinta posizione e dovrà sostenere i recuperi. 1. Romania (Roxana Cogianu, Laura Oprea, Mihaela Petril A, Irina Dorneanu, Cristina Ilie, Andreea Boghian, Adelina Cojocariu, Ioana Craciun, Daniela Druncea) 6.03.51, 2. Germania (Julia Lepke, Katrin Reinert, Michaela Schmidt, Anne Becker, Charlotte Reinhardt, Ronja Schuette, Kerstin Hartmann, Kathrin Marchand, Laura Schwensen) 6.09.21, 3. Ucraina (Lesya Gerasymchuk, Viktoriya Koltunova, Natalia Kovalova, Anna Kravchenko, Nataliia Huba, Liubov Stashko, Ievgeniia Nimchenko, Daryna Verkhogliad, Ann Gaidukova) 6.17.38, 4. Bielorussia (Aliaksandra Yukhnovich, Yuliya Sidaruk, Iryna Hrytchanka, Hanna Sychova Alesia Liashkevich, Marharyta Krechka, Hanna Nakhayeva, Anastasiya Skrobut, Yaraslava Paulovich) 6.19.95, 5. Italia (Erika Faggin-Canottieri Gavirate, Sandra Celoni-GS Cavallini, Sara Barderi-SC Pontedera, Laura Basadonna-Sisport Fiat, Ilaria Broggini, Veronica Calabrese-Canottieri Gavirate, Elsa Carparelli-SC Monopoli 2005, Benedetta Bellio-SS Murcarolo, Franziska Goller-timoniere-VVF Billi) 6.22.69
seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna (Rosamund Bradbury, Olivia Carnegie-Brown, Monica Relph, Donna Etiebet, Jessica Eddie, Zoe Lee, Caragh Mcmurtry, Louisa Reeve, Zoe De Toledo) 6.10.43, 2. Olanda (Marleen Verburgh, Lisa Scheenaard Kirsten, Wielaard, Janneke Van Der Meulen, Wianka Van Dorp, Jenny De Jong, Monica Lanz) 6.11.11, 3. Russia (Anna Popova, Alevtina Savkina, Elizaveta Tikhanova, Anastasia Tikhanov A, Anastasia Karabelshchikova, Aleksandra Fedorova, Yulia Inozemtseva, Oxana Bashkatova, Ksenia Volkova) 6.16.30, 4. Francia (Pauline Bugnard, Lucie Ma Thieu, Alice Mayne, Eleonore Dubuis, Melanie Cornille, Helene Lefebvre, Noemie Kober, Marie Le Nepvou, Melanie Lelievre) 6.20.14


QUATTRO SENZA PESI LEGGERI UOMINI
prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: una gara non gara per quasi tutte le barche che, dopo le prime scaramucce, non hanno scoperto le loro carte. In ogni modo la Danimarca è quella che è passata direttamente in finale, mentre gli altri, e anche la barca Azzurra, dovranno superare lo sbarramento dei recuperi. Italia sesta ai recuperi. 1. Danimarca (Jacob Larsen, Kasper Winther, Jacob Barsoe, Morten Joergensen) 5.54.61, 2. Germania (Jonathan Koch, Lars Wichert, Matthias Arnold, Julius Peschel) 5.57.37, 3. Polonia (Patryk Pszczolkowski, Dawid Kaminski, Adam Sobczak, Bartosz Pszczolkowski) 6.01.36, 4. Repubblica Ceca (Michael Humpolec, Jan Hajek,
 Karel Zadak, Milan Viktora) 6.04.55, 5. Austria (Dominik Sigl, Joschka Hellmeier, Florian Berg, Markus Lemp) 6.05.70, 6. Italia (Livio La Padula, Armando Dell’Aquila, Martino Goretti-Fiamme Oro, Elia Luini-CC Aniene) 6.06.91
seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna (Mark Aldred, Peter Chambers, Richard Chambers, Chris Bartley) 5.58.07, 2. Francia (Augustin Mouterde, Thomas Baroukh, Franck Solforosi, Guillaume Raineau) 6.0085, 3. Spagna (Sergio Perez Moreno, Jesus Gonzales Alvarez, Marc Franquet Montfort, Patricio Rojas Aznar) 6.06.09, 4. Russia (Alexander Chaukin, Mikhail Belikov, Anton Kuranov, Aleksey Vikulin) 6.10.10, 5. Olanda (Joris Pijs, Jort Van Gennep, Bjorn Van Den Ende, Timothee Heijbrock) 6.12.18, 6. Ucraina (Serhii Sychov, Iegor Zamana, Oleksandr Serdiuk, Valerii Chykyrynda) 6.16.21


DOPPIO SENIOR DONNE

prima batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: gara a tre fra Lituania, Russia e Germania per due posti da subito in finale, ma ad avere la meglio in questa lotta sono state le lituane e le tedesche. La Russia si è dovuta arrendere dopo i primi 750 metri mentre le azzurre, mai entrate in gioco, si sono piazzare quarte. Italia ai recuperi. 1. Lituania (Donata Vistartaite, Milda Valciukaite) 6.52.62, 2. Germania (Lisa Schmidla, Carina Baer) 6.57.35, 3. Russia (Maria Krasilnikova, Ekaterina Potapova) 7.02.77, 4. Italia (Veronica Paccagnella-SC Elpis, Sara Magnaghi-SC Moltrasio) 7.07.12, 5. Austria (Lisa Farthofer, Birgit Puehringer) 7.20.01
seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: 1. Polonia (Magdalena Fularczyk, Natalia Madaj) 6.46.50, 2. Gran Bretagna (Frances Houghton, Victoria Thornley) 6.51.98, 3. Olanda (Nicole Beukers, Inge Janssen) 6.54.59, 4. Repubblica Ceca (Denisa Cvancarova, Lenka Antosova) 7.10.635. Irlanda (Monika Dukarska, Eimear Moran) 7.16.66


QUATTRO DI COPPIA SENIOR UOMINI
prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Germania (Karl Schulze Kai Fuhrmann Philipp Wende Tim Grohmann) 5.45.07, 2. Polonia (Piotr Licznerski, Natan Wegrzycki-Szymczyk, Dariusz Radosz, Wiktor Chabel) 5.48.15, 3. Estonia (Kaur Kuslap, Allar Raja, Sten-Erik Anderson, Kaspar Taimsoo) 5.48.23, 4. Repubblica Ceca (Martin Basl, Jakub Houska, Petr Buzrla, David Jirka) 5.50.30, 5. Olanda (Meindert Klem, Derk Noordhuis, Peter Van Schie, Harold Langen) 5.51.06, 6. Svizzera (Damien Tollardo, Augustin Maillefer, Nico Stahlberg, Barnabe Delarze) 5.53.41
seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: direttamente in finale accede l’Ucraina, che ha fatto l’andatura sin dai primi colpi respingendo gli attacchi della Gran Bretagna, che dal sesto posto iniziale è risalita fino a piazzarsi a ridosso dei vincitori. Nulla da fare, invece, per il quadruplo italiano che non è mai entrato in gara transitando per metà gara quinto e poi ha mollato finendo al sesto posto. Per loro si apre la prospettiva recuperi. 1. Ucraina (Dmytro Mikhay Artem Morozov Olexandr Nadtoka Ivan Dovgodko) 5.43.17, 2. Gran Bretagna (Graeme Thomas, Sam Townsend, Charles Cousins, Peter Lambert) 5.44.51, 3. Russia (Viacheslav Mikhaylevskiy, Vladislav Ryabcev, Denis Kleshnev, Sergey Fedorovtsev) 5.45.60, 4. Francia (Mickael Marteau, Jean-Baptiste Macquet, Hugo Boucheron, Alberic Cormerais) 5.52.98, 5. Lituania (Andrius Lapatiukas, Vytautas Lapatiukas, Dominykas Jancionis, Aurimas Adomavicius) 5.55.04, 6. Italia (Gabriele Cagna, Luca Agamennoni, Matteo Stefanini, Simone Raineri-Fiamme Gialle)


QUATTRO DI COPPIA SENIOR DONNE
prima batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: 1. Polonia (Agnieszka Kobus, Joanna Leszczynska, Sylwia Lewandowska, Joanna Dittmann) 6.18.90, 2. Gran Bretagna (Beth Rodford, Lucinda Gooderham, Victoria Meyer-Laker, Kristina Stiller) 6.21.46, 3. Olanda (Olivia Van Rooijen, Claudia Belderbos, Carline Bouw, Elisabeth Hogerwerf) 6.22.19, 4. Ucraina (Anna Kontseva, Diana Dymchenko, Olena Buryak Svitlana, Novichenko) 6.25.43, 5. Russia (Ekaterina Kurochkina, Natalia Bodnuk, Julia Kalinovskaya, Iuliia Volgina) 6.27.53
seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: La barca azzurra sempre terza sin dalla partenza non riesce a recuperare il distacco iniziale da Germania e Bielorussia che si sono alternate al comando. In finale Bielorussia prima e Germania seconda, mentre l’Italia con il terzo posto va ai recuperi. 1. Bielorussia (Ekaterina Karsten, Tatsiana Kukhta, Yuliya Bichyk, Katsiaryna Shliupskaya) 6.17.59, 2. Germania (Marie-Catherine Arnold, Julia Lier, Julia Richter, Mareike Adams) 6.18.90, 3. Italia (Sara Bertolasi-SC Lario, Alessandra Patelli-SC Padova, Laura Schiavone-CC Irno, Gaia Palma-Sisport Fiat) 6.33.36, 4. Danimarca (Rannva Olsen, Anne Andersen, Christina Johansen. Hedvig Rasmussen) 6.40.10


DUE SENZA DONNE
prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: la barca azzurra passa quinta già alla prima frazione e non riesce a risalire di posizione finendo la batteria al quinto posto. A vincere, dominando la gara sin dalle prime palate, è la Gran Bretagna che accede direttamente in finale. Il resto degli equipaggi, compresa l’Italia, dovrà superare lo scoglio dei recuperi nel pomeriggio. 1. Gran Bretagna (Helen Glover, Polly Swann) 7.09.44, 2. Olanda (Aletta Jorritsma, Heleen Boers) 7.13.34, 3. Repubblica Ceca (Martina Stillerova, Katerina Kopecka) 7.30.14, 4. Francia (Justine Lecomte, Anne Jouy) 7.34.02, 5. Italia (Beatrice Arcangiolini-SC Firenze, Gaia Marzari-SC Lario) 7.47.87, 6. Russia (Yana Tolstokorova, Liana Gorgodze) 7.50.45
seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Romania (Cristina Grigoras, Nicoleta Albu) 7.14.51, 2. Irlanda (Leonora Kennedy, Lisa Dilleen) 7.18.77, 3. Croazia (Sonja Keserac, Maja Anic) 7.21.87, 4. Serbia (Ivana Filipovic, Iva Obradovic) 7.24.46, 5. Germania (Sara Davids, Miriam Davids) 7.32.40


SINGOLO SENIOR UOMINI
prima batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Repubblica Ceca (Ondrej Synek) 6.56.12, 2. Norvegia (Tufte Olaf) 6.58.25, 3. Romania (Petru Codau) 6.59.98, 4. Finlandia (Ven Robert) 7.02.76, 5. Svizzera (Marku Kessler) 7.21.19, 6. Ucraina (Sergii Gumennyi) 7.30.37
seconda batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania (Marcel Hacker) 6.48.74, 2. Croazia (Martin Sinkovic) 6.53.94, 3. Bielorussia (Stanislau Shcharbachenia) 6.57.19, 4. Russia (Alexander Lebedev) 7.00.67, 5. Estonia (Vladimir Latin) 7.18.40
terza batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: passa solo il primo in semifinale e Alan Campbell, suddito di Sua Maestà, ha subito messo in chiaro che doveva essere lui quell’uno, tant’è che ha sempre condotto la gara sin dalle prime palate, mentre gli altri avversari, tra cui l’azzurro Francesco Cardaioli, hanno deciso di risparmiare energie per il recupero del pomeriggio. 1. Gran Bretagna (Alan Campbell) 6.52.58, 2. Israele (Dani Fridman) 6.55.81, 3. Serbia (Vasic Milos) 6.67.19, 4. Slovenia (Luka Spik) 7.11.24, 5. Italia (Francesco Cardaioli-SC Padova) 7.15.71
quarta batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Lituania (Mindaugas Griskonis) 6.53.70, 2. Bulgaria (Vasilev Kristian) 7.04.04, 3. Repubblica Slovacca (Lukas Babac) 7.05.96, 4. Danimarca (Frank Steffensen) 7.08.40, 5. Belgio (Hannes Obreno) 7.43.91


DOPPIO SENIOR UOMINI
prima batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi:1. Azerbaijan (Boris Yotov, Aleksandar Aleksandrov) 6.16.00, 2. Serbia (Marko Marjanovic, Aleksandar Filipovic) 6.20.89, 3. Svizzera (David Aregger, Roman Roeoesli) 6.23.73, 4. Repubblica Ceca (Michal Plocek, Jan Andrle) 6.26.36, 5. Polonia (Mateusz Biskup, Adam Wicenciak) 6.32.36, 6. Austria (Julius Hirtzberger, Camillo Franek) 6.32.49
seconda batteria –il primo in semifinale gli altri ai recuperi:1. Norvegia (Nils Hoff, Kjetil Jakob Borch) 6.22.70, 2. Danimarca (Sophus Johannesen, Sverri Nielsen) 6.34.18, 3. Slovenia (Matej Rojec, Gasper Fistravec) 6.46.72, 4. Lettonia (Kriss Kalnins, Gints Zunde) 6.48.40, 5. Ucraina (Yuriy Ivanov, Ivan Futryk) 7.14.70
terza batteria – il primo in semifinale gli altri ai recuperi: la barca azzurra con Francesco Fossi non ancora completamente ristabilito, dopo le scaramucce iniziali, visto che passava il turno solo il primo, probabilmente ha deciso di non forzare troppo preferendo qualche ora in più di recupero anche per non sprecare energie e riprovare nel pomeriggio a superare il turno. A vincere, invece, dopo un finale punta a punta è stata la Germania sulla Gran Bretagna che sono rimaste per tutto il percorso agganciate. Pochi centesimi hanno permesso alla barca tedesca di accedere direttamente alla semifinale. 1. Germania (Hans Gruhne, Stephan Krueger) 6.11.56, 2. Gran Bretagna (John Collins, Jonathan Walton) 6.12.07, 3. Spagna (Juan Garcia, Ruben Padilla Camara) 6.36.15, 4. Estonia (Tonu Endrekson, Andrei Jamsa) 6.38.58, 5. Italia (Francesco Fossi, Romano Battisti-Fiamme Gialle) 6.53.49
quarta batteria –il primo in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Lituania (Rolandas Mascinskas, Saulius Ritter) 6.14.48, 2. Olanda (Thijs Van Luijk, Dirk Uittenbogaard) 6.21.15, 3. Russia (Denis Pribyl, Dmitry Khmylnin) 6.23.98, 4. Bielorussia (Dzianis Mihal, Pilip Pavukou) 6.25.61, 5. Romania (Ioan Prundeanu, Dumitru Mariuc) 6.32.23



QUATTRO SENZA SENIOR UOMINI
prima batteria
– i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna (Alex Gregory,  Mohamed Sbihi, George Nash, Andrew Triggs Hodge) 5.49.08, 2. Grecia (Dionysios Angelopoulos, Ioannis Tsilis, Georgios Tziallas, Apostolos Lampridis) 5.50.54, 3. Germania (Toni Seifert, Kristof Wilke, Maximilian Munski, Bjoern Birkner) 5.59.71, 4. Romania (Vlad-Dragos Aicoboae, Toader-Andrei Gontaru, Marius-Vasile Cozmiuc, Adrian Damii) 6.02.10, 5. Repubblica Ceca (Jan Pilc, Milan Dolecek Jr, Jakub Podrazil, Matyas Klang) 6.08.86, 6. Serbia (Martin Mackovic, Goran Jagar, Viktor Pivac, Jovan Popovic) 6.17.43
seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Olanda (Boaz Meylink, Olivier Siegelaar, Mechiel Versluis, Robert Luecken) 6.01.71, 2. Croazia (Mario Vekic, Vjekoslav Kolobaric, David Sain, Ante Janjic) 6.03.34, 3. Francia (Benoit Demey, Matthieu Moinaux, Julien Montet, Edouard Jonville) 6.05.93, 4. Polonia (Damian Rosolski, Wojciech Gutorski, Ryszard Ablewski (S) Rafal Hejmej) 6.11.28, 5. Ucraina (Anton Kholyaznykov, Serhiy Bazylyev, Ivan Tymko, Sergiy Biloushchenko) 6.28.28
terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: la barca azzurra, nonostante i problemi di salute che hanno afflitto i suoi componenti (prima Lodo fermo per mal di schiena, poi Vicino afflitto da influenza e appena ripreso, e ieri la sostituzione di Paonessa con Abagnale per sindrome influenzale al culmine) oggi è riuscita a fare una buona regata e vincere l’eliminatoria accedendo alla fase successiva, la semifinale. Per quanto riguarda la gara, in partenza gli azzurri vengono sorpresi dai russi che, dopo 750 metri, vengono superati dall’Italia che rimane in testa fino alla fine con Russia alle calcagna e gli altri che preferiscono risparmiare energie per i recuperi. 1. Italia (Cesare Gabbia-SC Elpis, Paolo Perino-Fiamme Gialle, Giovanni Abagnale-CN Stabia, Giuseppe Vicino-Fiamme Gialle) 5.57.89, 2. Russia (Alexander Kornilov, Dmitrii Golovin, Rostislav Drozhzhachikh, Daniil Andrienko) 5.58.99, 3. Spagna (Noe Guzman Del Castillo, Ismael Montes Caamano, Marcelino Garcia Cortes, Antonio Guzmandelcastillo) 6.01.88, 4. Ungheria (Domonkos Szell, Adrian Juhasz, Janos Tari, Bela Simon Jr) 6.05.87, 5. Turchia (Muhammed Cansi, Fuad Rafail, Onat Kazakli, Besim Sahinoglu) 6.09.21


DOPPIO PESI LEGGERI DONNE
prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna (Imogen Walsh, Katherine Copeland) 6.59.12, 2. Olanda (Elisabeth Woerner, Maaike Head) 6.59.68, 3. Russia (Diana Stepochkina, Olga Arkadova) 7.08.50, 4. Svizzera (Patricia Merz, Frederique Rol) 7.10.10, 5. Francia (Camille Leclerc, Julie Marechal) 7.18.61
seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: lenta, troppo lenta, la partenza delle due campionesse del mondo e d’Europa in carica. La loro velocità, infatti, le costringe ad un inseguimento delle battistrada polacche che dominano i primi tre quarti di percorso con la barca azzurra che, dal terzo posto iniziale, passa dapprima in seconda posizione e sul finale giunge ex aequo con la Polonia superando il turno e accedendo alla semifinale. 1. Italia (Laura Milani, Elisabetta Sancassani-Fiamme Gialle) 6.58.48, 2. Polonia (Joanna Dorociak, Weronika Deresz) 6.58.48, 3. Romania (Ionela-Livia Lehaci, Andreea Asoltanei) 7.03.90, 4. Danimarca (Aja Runge, Christina Pultz) 7.06.25, 5. Bielorussia (Alena Kryvasheyenka, Irina Liaskova) 7.08.50
terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania (Anja Noske, Lena Mueller) 6.55.79, 2. Svezia (Cecilia Lilja, Emma Fredh) 6.57.37, 3. Repubblica Ceca (Marketa Pazderkova, Daniela Nachazelova) 7.09.06, 4. Austria (Stefanie Borzacchini, Anna Berger) 7.11.04, 5. Lettonia (Olga Svirska, Ludmila Ivanova) 7.35.45


DOPPIO PESI LEGGERI UOMINI
prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: punta a punta tra Italia, Ungheria e Germania per i primi quattrocento metri, ma al passaggio ai primi 500 metri è la Germania che passa prima per pochi centesimi sull’Italia di Micheletti e Ruta che continuano ad attaccare per tenere a distanza l’armo ungherese che gli sta alle costole. A metà gara le posizioni sono più delineate, sempre con l'armo tedesco al comando e gli Azzurri in seconda posizione, ma con l’Ungheria oramai dietro di una barca. La situazione non cambia per il resto del percorso con Germania e Italia che accedono alle semifinali. 1. Germania (Konstantin Steinhuebel, Lars Hartig) 6.23.43, 2. Italia (Andrea Micheletti-Canottieri Gavirate, Pietro Ruta-Marina Militare) 6.25.22, 3. Ungheria (Peter Galambos, Gabor Csepregi) 6.38.87, 4. Croazia (Vedran Radonic, Dino Rupcic) 6.43.55, 5. Danimarca (Steffen Jensen, Henrik Stephansen) 6.46.70
seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Norvegia (Kristoffer Brun, Are Strandli) 6.24.44, 2. Polonia (Artur Mikolajczewski, Milosz Jankowski) 6.31.69, 3. Ucraina (Stanislav Kovalov, Igor Khmara) 6.39.40, 4. Bulgaria (Vassil Vitanov, Zlatko Karaivanov) 6.44.13, 5. Slovenia (Matevz Malesic, Marko Bolha) 6.46.30
terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Francia (Stany Delayre, Jeremie Azou) 6.15.24, 2. Olanda (Tycho Muda, Vincent Muda) 6.21.86, 3. Gran Bretagna (William Fletcher, Jamie Kirkwood) 6.25.31, 4. Austria (Paul Sieber, Bernhard Sieber) 6.38.07, 5. Russia (Mikhail Ufimtsev, Ivan Kudryavtsev) 6.15.24


DUE SENZA SENIOR UOMINI
prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: Lotta dura sin dalle prime palate tra spagnoli, italiani e inglesi per le tre posizioni per l’accesso in semifinale. La barca azzurra tenta di prendere la testa della gara, e per un po’ ci riesce introno ai 1000 metri, poi viene superata nuovamente dalla Spagna e, alle spalle degli Azzurri la Gran Bretagna che mantiene il pressing per tenere a distanza la Polonia che tenta di rinvenire dalla quarta posizione. Sul finale Spagna, Italia e Gran Bretagna accedono alla semifinale. 1. Spagna (Alexander Sigurbjonssonbenet, Pau Vela Maggi) 6.27.66, 2. Italia (Marco Di Costanzo-Fiamme Oro, Matteo Castaldo-RYCC Savoia) 6.29.29, 3. Gran Bretagna (Alan Sinclair, Nathaniel Reilly-O'Donnell), 6.32.39, 4. Polonia (Konrad Wojewodzic, Mateusz Wilangowski) 6.43.27, 5. Repubblica Ceca (Jakub Koloc, Petr Melichar) 6.45.60
seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania (Bastian Bechler, Anton Braun) 6.32.55, 2. Francia (Valentin Onfroy, Laurent Cadot) 6.36.02, 3. Grecia (Konstantinos Christomanos, Ioannis Christou) 6.42.00, 4. Croazia (Marin Begovic, Stjepan Piric) 6.47.03, 5. Bielorussia (Mikhail Baranouski, Siarhei Valadzko) 6.51.60
terza batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Olanda (Rogier Blink, Mitchel Steenman) 6.30.93, 2. Serbia (Nenad Bedik, Dusan Bogicevic) 6.32.58, 3. Russia (Roman Lomachev, Yuriy Pshenichnikov) 6.34.68, 4. Slovenia (Ales Zupan, Janez Zupan) 6.46.89


SINGOLO PESI LEGGERI DONNE

prima batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Olanda (Marie-Anne Frenken) 7.42.24, 2. Gran Bretagna (Charlotte Taylor) 7.44.35, 3. Danimarca (Helene Olsen) 7.48.49, 4. Repubblica Ceca (Marketa Pazderkova) 7.59.23, 5. Croazia (Helena Pavkovic) 8.08.27
seconda batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: l’Ungheria si stacca dai blocchi di partenza più velocemente e sorprende Belgio e Italia che passano nella prima frazione, rispettivamente seconda e terza. A metà percorso il Belgio passa al comando, mentre ad inseguire sono sempre Ungheria e Italia con la Svizzera molto staccata. A 1500 metri le posizioni sono oramai delineate e la barca azzurra taglia il traguardo in terza posizione, valida per l’accesso in semifinale, dietro a Belgio e Ungheria. 1. Belgio (Eveline Peleman) 7.43.52, 2. Ungheria (Dorottya Bene) 7.53.18, 3. Italia (Giulia Pollini-Cc Cernobbio) 7.58.72, 4. Svizzera (Adeline Seydoux) 8.04.09
terza batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Grecia (Aikaterini Nikolaidou) 7.43.70, 2. Germania (Leonie Pless) 7.51.92, 3. Cipro (Anna Ioannou) 7.54.55, 4. Russia (Natalia Varfolomeeva) 8.02.83
 
 
SINGOLO PESI LEGGERI UOMINI
prima batteria - i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna (Freeman-Pask Adam) 7.03.95, 2. Danimarca (Andrej Bendtsen) 7.05.89, 3. Slovenia (Rajko Hrvat) 7.06.67, 4. Azerbaijan (Javid Afandiyev) 7.16.02, 5. Repubblica Ceca (Petr Cabla) 7.22.89
seconda batteria - i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Svizzera (Schmid Michae) 6.59.98, 2. Grecia (Panagiotis Magdanis) 7.01.03, 3. Ungheria (Daniel Matyasovszki) 7.01.26, 4. Serbia (Milos Stanojevic) 7.13.69, 5. Repubblica Slovacca (Marek Reznak) 7.26.95
terza batteria - i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: dopo una partenza non molto decisa Marcello Miani, tornato ad alto livello dopo un periodo di pausa, a metà gara passa a condurre mantenendo agevolmente la posizione di testa fino al traguardo lasciando a Bulgaria e Irlanda il duello per aggiudicarsi la seconda posizione valida per il passaggio alla fase successiva. Italia in semifinale. 1. Italia (Marcello Miani-Forestale) 6.56.92, 2. Bulgaria (Nedelcho Vasilev) 6.59.35, 3. Irlanda (Paul O'Donovan) 7.02.21, 4. Francia (Alexandre Pilat) 7.06.95, 5. Turchia (Enes Kusku) 7.16.58
quarta batteria - i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Portogallo (Pedro Fraga) 6.56.41, 2. Germania (Daniel Lawitzke) 7.02.68, 3. Croazia (Luka Radonic) 7.05.14, 4. Olanda (Daan Klomp) 7.05.20, 5. Armenia (Makar Sargsyan) non partita
 
 
DUE SENZA PESI LEGGERI UOMINI

prima batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Olanda (Tim Weerkamp, Ivo De Graaf) 6.42.12, 2. Repubblica Ceca (Jiri Kopac, Miroslav Vrastil Jr) 6.44.89, 3. Turchia (Cem Yilmaz, Ahmet Yumrukaya) 6.45.09, 4. Germania (Torben Neumann, Can Temel) 7.01.66, 5. Austria (Alexander Chernikov, Matthias Taborsky) 7.04.93
seconda batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Gran Bretagna (Jonathan Clegg, Sam Scrimgeour) 6.39.49, 2. Francia (Clement Duret, Theophile Onfroy) 6.42.61, 3. Grecia (Georgios Konsolas, Nikolaos Afentoulis) 6.51.26, 4. Portogallo (Paulo Fernandes Da Veiga, Nuno Goncalvescoelho) 7.03.40, 5. Croazia (Kresimir Kavcic, Marijan Filipovic) 7.07.28
terza batteria - i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: è la barca svizzera a fare l’andatura per metà gara mentre l’Italia passa seconda nella prima frazione davanti a Ungheria e Danimarca. Le posizioni restano immutate sino agli ultimi 500 metri quando gli azzurri, ormai qualificati per la semifinale, si fanno sopravanzare dall'Ungheria tagliando il traguardo in terza posizione.. 1. Svizzera (Simon Niepmann, Lucas Tramer) 6.42.50, 2. Ungheria (Peter Vermes, Peter Lorinczy) 6.52.13, 3. Italia (Stefano Oppo-SC Firenze, Paolo Di Girolamo-Fiamme Gialle) 6.53.54, 4. Danimarca (Christian Michaelsen, Thorbjoern Patscheider) 7.12.61
 
  

Prossime Regate

  • SANREMO - 26/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata su 6km. ANNULLATA
  • CANDIA CANAVESE - 26/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida d'Aloja ANNULLATA E VIENE RECUPERATA il 27/09/2020
  • NARO - 26/09/2020
    Regata Regionale Valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • BELGRADO - 26-27/09/2020
    European Rowing Junior Championships
  • SAN GIORGIO DI NOGARO - 26-27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja
  • SANREMO - 27/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata Beach sprint su 500 mt. ANNULLATA
  • CHIUSI - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja (Campionato Toscano)
  • CANDIA CANAVESE - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • GAVIRATE - 27/09/2020
    Regata Regionale chiusa Valida Montù
  • SORRADILE - 27/09/2020
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja ANNULLATA
  • NARO - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja (Campionato siciliano) ANNULLATA RINVIATA A 10/10 C/O PARTINICO-POMA
  • NAPOLI - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.