Il canottaggio mondiale per i disabili mentali riparte da Gavirate


ROMA, 04 maggio 2014 - Il prossimo 15 maggio, con la gara indoor, e il successivo 16 con la regata in barca riparte il circuito remiero per i diversamente abili mentali. È un successo per tutti gli sportivi, ma è anche il risultato del lavoro tenace di Paola Grizzetti, referente per il canottaggio in seno all’INAS-FID (International Sports Federation for People with Intellectual Disability), l’ organizzazione internazionale che coordina l’attività sportiva degli atleti disabili intellettivi. Come è nata questa iniziativa? “E’ la terza edizione dei mondiali per questo tipo di disabilità, le precedenti sono state disputate nel 2009 a Hong Kong e nel 2010 in Portogallo, dopo di che, a causa della cancellazione da parte della FISA del programma di competizioni per questa categoria di atleti, tutto il discorso si è un pochino arenato. Da quando mi hanno nominato responsabile INAS-FID, ho pensato che dovevo trovare una soluzione per rimettere in gioco questi ragazzi”.

E come ci sei riuscita? “In una riunione che ho avuto con i rappresentanti di tutte le discipline sportive, ad Ankara lo scorso ottobre, ho lanciato la proposta di organizzare un evento importante come il mondiale indoor. L’idea è stata apprezzata. Quindi saranno assegnati i titoli su remoergometro su due distanze: mille metri individuali maschili e femminili, cinquecento metri individuali maschili e femminili. Solitamente, poi, seguiva una staffetta sempre al remoergometro. Questa è stata sostituita con una gara in barca inserita, a sua volta, nel programma della regata Para-Rowing che abbiamo in programma ogni anno a Gavirate. Quindi i disabili intellettivi disputeranno il giorno prima, il 15 di maggio, il mondiale indoor e il giorno successivo saranno protagonisti delle prove sul lago. L’idea è piaciuta ed è stata condivisa, ora mi auguro che le rappresentative estere arrivino. In ogni caso la finalità è quella di rifar ripartire il circuito internazionale per disabili mentali”.

Facciamo il punto sul canottaggio per questo settore che recentemente ha avuto una significativa flessione, secondo il tuo parere come stanno procedendo le cose? “Ma diciamo che la prima risposta è stata positiva, nel senso che le rappresentative nazionali stanno iniziando a riorganizzarsi, anche perché l’ esperienza di Londra ha dimostrato l’effettiva capacità di gareggiare di questi specialissimi atleti. Va comunque notata la nostra esclusione dal quel contesto poiché tra le tre discipline sportive prescelte noi non figuravamo. In ogni caso in atletica, nuoto e tennis da tavolo le cose sono andate benissimo con gare molto competitive e di interessante livello tecnico. Ora sono a conoscenza che altre federazioni sportive stanno spingendo per essere inserite in competizioni internazionali come ad esempio il basket. E allora perché non ci dobbiamo essere anche noi? Io sto cercando di far capire che per noi è molto importante gareggiare in contesti mondiali. Dobbiamo far capire che questi ragazzi hanno pieno diritto di essere inclusi in iniziative di livello internazionale”.

Cosa significa lavorare con questo tipo di disabilità? “Certamente è un settore un po’ particolare, chi ci lavora sa bene cosa dico: sono ragazzi che non consentono di programmare una sezione di allenamento ben precisa. C’è chi non riesce ad esprimersi a livello fisico per l’impegno continuativo e la fatica che ne consegue, però debbo dire che il coinvolgimento agonistico esiste e debbo anche dire che in Italia esiste un bel gruppo di ragazzi validi. Abbiamo avviato questa attività anni fa e ora stiamo ripartendo di nuovo, ci vuole pazienza e anche mettere in conto il fatto che prima di una regata ci sia da parte dell’atleta il rifiuto a disputarla. Non occorre allarmarsi, sono fatti così. E’ un settore davvero particolare, ma dà tanta soddisfazione. Pensiamo prima al contesto sociale che è molto importante per loro e poi a quello sportivo”.

Prossime Regate

  • SANREMO - 26/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata su 6km. ANNULLATA
  • CANDIA CANAVESE - 26/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida d'Aloja ANNULLATA E VIENE RECUPERATA il 27/09/2020
  • NARO - 26/09/2020
    Regata Regionale Valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • BELGRADO - 26-27/09/2020
    European Rowing Junior Championships
  • SAN GIORGIO DI NOGARO - 26-27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja
  • SANREMO - 27/09/2020
    Campionato del Mediterraneo di Coastal Rowing Regata Beach sprint su 500 mt. ANNULLATA
  • CHIUSI - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja (Campionato Toscano)
  • CANDIA CANAVESE - 27/09/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • GAVIRATE - 27/09/2020
    Regata Regionale chiusa Valida Montù
  • SORRADILE - 27/09/2020
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja ANNULLATA
  • NARO - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja (Campionato siciliano) ANNULLATA RINVIATA A 10/10 C/O PARTINICO-POMA
  • NAPOLI - 27/09/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.