Raduno Para-Rowing “Spalle e Braccia” tra sorrisi, sudore
 e amichevole complicità


ROMA, 19 aprile 2014 - Passare alcune ore insieme a Mauro, Daniela, Brunella, Alessandro, Alessio, Diego, Antonio e Ada è stato piacevole, coinvolgente, istruttivo e soprattutto sono state ore spese straordinariamente. Non è mia abitudine parlare in prima persona, non mi piace perché come capo ufficio stampa devo solo fare informazione, ma questa volta lo faccio volentieri perché voglio evidenziare come questi ragazzi e ragazze, mossi dalla loro passione, si stanno impegnando nel collegiale romano seguiti dal Capo Settore Dario Naccari e meritano tutta l’attenzione possibile. Parlo, quindi, in prima persona, ma forse qualcuno si riconosce anche in quello che scrivo e dico, forse…
  
È stato piacevole perché sono atleti e atlete fantasticamente semplici e soprattutto pieni di volontà; è stato coinvolgente perché nella loro semplicità sanno di essere persone che, pur avendo delle disabilità come le ho io che sono normodotato, si impegnano per spostare in avanti i loro limiti; istruttivo perché con loro ho avuto modo di dialogare liberamente svincolato dalle “gabbie” mentali che ha volte mi imprigionano ed ho anche saputo da loro come sono finiti e finite in carrozzina – e loro questo vogliono raccontarlo e io farò in modo che possano farlo –; sono state ore spese straordinariamente perché sono tornato a casa, dopo una giornata di lavoro, più ricco di emozioni, di competenze e di voglia di stare ancora più vicino a queste persone.
  
È stato bello vedere queste atlete e atleti, una volta saliti in barca, “gettare” lontano la carrozzina sentendosi finalmente liberi, veramente liberi, di potersi muovere senza ruote. Mi è piaciuto vedere Jonny, il cane per non vedenti, stare accanto alla sua “padrona” ed aspettare che lei terminasse di fare remoergometro: ha un musetto simpatico, Jonny, e riesce a farle vedere quello che lei non può vedere; è stato bello quando ho detto a un atleta che si stava allenando: “vuoi prendere il posto a Fabrizio Caselli?” e lui con la voce scanzonata mi ha risposto “stiamo qua per questo, ma tu non dirglielo” e via una risata fragorosa.
  
È stato bello vedere Dario trattare il suo gruppo di atleti con determinazione, ma allo stesso tempo con la complicità di un “padre” che deve insegnare prima l’autonomia in barca e poi come andare forti in una gara. È stato bello sentir dire da un'atleta nei confronti di Dario: “a volte è pesante, ma non ne sbaglia una… ha sempre ragione lui” e mentre diceva così le si apriva sul volto un grande sorriso. È stato bello, e lo sarà ancora, perché loro hanno un obiettivo: partecipare alle Paralimpiadi di Rio 2016 e sono consapevoli che potrebbero anche non riuscirci. Nonostante questo loro ci stanno provando e lo fanno con passione e serietà. È stato bello…


Claudio Tranquilli

 
 

Foto & Video

Prossime Regate

  • SENIGALLIA - 20/07/2019
    2^ tappa Trofeo Challenger di coastal rowing Adriatic Cup (FUORI PROGRAMMA)
  • MANDELLO DEL LARIO - 20/07/2019
    Match 8+
  • CATANIA - 21/07/2019
    Campionato Regionale Sprint ANNULLATA
  • SARASOTA - 24-28/07/2019
    World Rowing Under 23 Championships
  • LAVENA PONTE TRESA - 28/07/2019
    Match 8+

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.