Stefano Crisostomi: l'impegno del medico sportivo


ROMA, 03 marzo 2014 - In una Federazione sportiva i medici rivestono un ruolo fondamentale anche se lontano dai riflettori. Ecco perché, attraverso quest'intervista, abbiamo voluto dare voce al dottor Stefano Crisostomi, medico della Nazionale dal 2003. Laureato a L'Aquila, dove consegue anche la specializzazione, Crisostomi oggi dedica la sua attività alla Nazionale di canottaggio non tralasciando però l'attività privata. Cosa l'ha spinta a scegliere questo ramo della medicina? "La scelta di diventare medico parte da molto lontano. Si tratta di una passione che ho sempre avuto rimanendo affascinato da questa professione sin da giovanissimo. La specializzazione in Medicina dello Sport nasce, invece, dal fatto che sono sempre stato uno sportivo ed ho praticato molti sport. In questa mia voglia di movimento v'è stata, quindi, la ricerca di dare risposte agli interrogativi che mi ponevo. Conseguentemente è arrivata anche la specializzazione".

Cosa vuol dire per Lei essere impegnato in una Federazione sportiva come quella del canottaggio? "Svolgere la propria professione in una Federazione sportiva è estremamente gratificante. E', infatti, la parte della mia professione a cui dedico maggiormente il mio tempo lavorativo ed è un'esperienza formidabile. Lavorare a stretto contatto con atleti di livello internazionale, interagendo con loro e contribuire a risolvere le problematiche collegate alla loro salute, mi offre la possibilità di crescere costantemente in termini professionali".

Quanta responsabilità comporta il suo lavoro? "La responsabilità è tantissima. Purtroppo l'ambito medico non è tutto così delineato e semplice come potrebbe apparire all'osservatore esterno. Ogni scelta che si fa comporta una serie di valutazioni sia soggettive che oggettive. Noi medici sportivi ci adoperiamo in maniera scrupolosa e attenta seguendo i protocolli che vengono emanati dalle autorità preposte al controllo, per questo motivo voglio sottolineare che la figura del medico dello sport, in generale, si spende anche oltre l'intervento diretto sugli atleti e sul loro allenamento. E' necessario, infatti, sensibilizzare costantemente gli atleti e i loro tecnici di riferimento rispetto all'importanza delle stesse direttive mediche che sono fondamentali per la tutela della salute dell'atleta professionista o amatoriale che sia. Questo in linea generale, mentre quando lavoro al fianco degli atleti della Nazionale è molto più semplice poiché ognuno è consapevole delle azioni che insieme andiamo a compiere e che sono finalizzate solo alla salvaguardia della loro salute".

Prossime Regate

  • OEIRAS - 02-04/10/2020
    World Rowing Coastal Championships ANNULLATO
  • TARANTO - 03/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • ORTA S.GIULIO - 03-04/10/2020
    5° Orta Lake Eights Challenge e 15° Italian Sculling Challenge - Memorial Don Angelo Villa ANNULLATA
  • SANREMO - 03-04/10/2020
    XXXIX° Trofeo Aristide Vacchino - Regata Internazionale Sprint Allievi Cadetti ANNULLATO
  • MONATE - 04/10/2020
    Regata Regionale chiusa valida d'Aloja ANNULLATA
  • RAVENNA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta Valida Montu e d'Aloja
  • SABAUDIA - 04/10/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • TARANTO - 04/10/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.