Entusiasmare i giovani è la ricetta vincente per l’alto livello


SABAUDIA, 28 febbraio 2014 - Lavorare nell’alto livello con un sempre rinnovato apporto di giovani candidati vitalizza il settore di vertice del canottaggio italiano, non c’è dubbio che la convocazione di raduni a distanza ravvicinata stia aprendo nuovi spazi e nuove prospettive. La convocazione di giovani talenti movimenta il panorama di chi aspira ad indossare la maglia azzurra e crea aspettative in tutti coloro che sentono di essere nel giro della nazionale. Rocco Pecoraro, coadiutore del settore di coppia maschile, esprime tutto il suo entusiasmo per l’andamento di questo modello organizzativo. “Le cose stanno andando bene perché stiamo riuscendo a completare buoni carichi di lavoro e i ragazzi si presentano sempre abbastanza preparati nei raduni. La cosa di cui sono particolarmente felice è il fatto che stiamo lavorando con i giovani che si affacciano all’alto livello”.

Quale problematica comporta lavorare con i giovani? “La problematica più grossa è fargli capire cosa significhi atleta di alto livello. Se noi dividiamo la nostra attività sportiva in tre grossi blocchi, il non agonismo, l’agonismo, in cui consideriamo anche i vincitori dei mondiali di categoria, e l’alto livello, ci possiamo render conto che quest’ultimo è un altro sport ancora. Insegnare a coloro che sono stati campioni nelle altre categorie che l’alto livello è altra cosa, significa far capire che è quasi come ricominciare da zero. Questa è la difficoltà più grossa che dobbiamo affrontare”.

Ma una volta tornati dal raduno in che modo riuscite a seguire queste giovani promesse? “Esiste un ottimo rapporto con gli allenatori societari, loro dialogano con noi e noi dialoghiamo con loro. L’arma vincente è la collaborazione tra allenatori federali e allenatori societari. Con la collaborazione si riesce a costruire e si fa comprendere come si può fare l’ alto livello. Ci vuole tempo, ma si può fare. Solo in questo modo riusciamo a tenere alto l’entusiasmo di questi giovani, perché mentre l’uomo maturo sa dove vuole arrivare e sa quel che vuole fare, il ragazzo, ad esempio della categoria under 23, deve essere entusiasmato proponendogli costantemente nuovi obiettivi, ma ci vuole il suo tempo. Entusiasmarlo a fare e non perderlo, poiché il grosso problema è proprio quello di non disperdere le grosse potenzialità che troviamo nelle categorie prima di quelle assolute”.

  

Prossime Regate

  • Monate - 25/04/2019
    Regata Regionale valida Montù
  • Naro - 27/04/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja RECUPERO GARA ANNULLATA DEL 17/03
  • Trieste - 28/04/2019
    Regata Regionale Promozionale
  • Gavirate - 28/04/2019
    Regata Regionale Valida d'Aloja
  • Genova - 28/04/2019
    Regata Regionale Valida Montù
  • San Miniato - 28/04/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja deroga percorso mt. 1500
  • Naro - 28/04/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
  • Oristano - 28/04/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
  • Ravenna - 28/04/2019
    Regata Regionale Valida Montù e d'Aloja
  • Oristano - 28/04/2019
    REMARE A SCUOLA - Fase regionale

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.