Andrea De Majo: la mia avventura nel canottaggio


ROMA, 13 febbraio 2014 - "Ho voluto provare e nonostante avessi appena incominciato, in pochi mesi ho ottenuto dei buoni risultati ai campionati italiani nella categoria Ragazzi. Questi successi mi avevano portato a montarmi un po' la testa. Poi col passaggio alla categoria Junior mi sono reso conto che la musica era cambiata, che non era poi così semplice ottenere vittorie e che se volevo emergere dovevo allenarmi in maniera più importante. Allora ho valutato l'opportunità del College Remiero". Incomincia con queste parole l'intervista di Andrea De Majo, atleta partenopeo entrato quest'anno a far parte del College di Piediluco. Andrea ha iniziato relativamente tardi a praticare canottaggio: "Ho incominciato a remare due anni fa, il giorno del mio sedicesimo compleanno al Posillipo - dice - Ho sempre fatto sport nella mia vita però negli ultimi anni stavo cambiando spesso, senza trovare una continuità. Alla fine è stato mio padre a propormi di fare canottaggio, sosteneva che ho il fisico adatto".

L'avventura del College ovviamente ha determinato un radicale cambio nei ritmi di allenamento, ma il maggior dispendio energetico richiesto è sostenuto dalla voglia di arrivare a conquistare obiettivi importanti: "Qui ovviamente gli allenamenti sono più intensi, siamo seguiti da allenatori preparati, essendo sul lago abbiamo la possibilità di scendere in barca praticamente sempre. Io, come penso tutti gli altri, ho un obiettivo ossia entrare nella squadra nazionale e disputare una buona stagione agonistica. Diciamo che la voglia di ottenere risultati è sicuramente la spinta più forte, ma ho la consapevolezza che, per riuscire a centrare un risultato di rilievo, è necessario lavorare molto. In caso riuscissi a raggiungere un grande risultato penso, comunque, che questo sarebbe soltanto un punto di partenza e non certo un traguardo raggiunto".

La leggenda vuole che entrando a far parte del College remiero si può dire addio alla vita sociale. E' davvero così?: "In molti mi dicevano che venendo al college non avrei avuto più una vita sociale. Questo non è vero. Si crea una vita sociale diversa che chiaramente si basa soprattutto sui rapporti che instauri con i compagni che frequenti tutti i giorni. Io penso che il gruppo sia fondamentale in questo senso, perché comunque sono persone che, nei momenti di difficoltà, ti spronano ad andare avanti. Qualche piccolo problema chiaramente può sorgere ma è secondario rispetto al sostegno che le persone offrono". Progetti per quest'anno? "Questo è il mio ultimo anno di liceo e sarà un anno duro. Mi rendo conto che devo impegnarmi per ottenere un buon risultato anche nello studio e voglio farlo per chiudere la scuola superiore nel modo migliore. Non sarà facile ma farò del mio meglio in ogni ambito".

 

Prossime Regate

  • CORGENO - 19-20/09/2020
    Meeting Nazionale Allievi e Cadetti
    PROGRAMMA Sabato
    PROGRAMMA Domenica
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE
  • SABAUDIA - 19-20/09/2020
    Meeting Nazionale Allievi e Cadetti
    PROGRAMMA FINALI Sabato
    PROGRAMMA FINALI Domenica
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.