Tricolori: Venora d'argento. bronzo a Ficarra e Gaggiotti. Terzi
 i para-rowing Landolina e Tata


CATANIA, 01 ottobre 2013 - Argento e bronzo. Due medaglie sudate, strappate con classe. E attese con le dita incrociate. Perché quando a spingere sul podio sono i pronostici, c'è tutto da perdere. Pierpaolo Venora (Jonica), Giovanni Ficarra e Giacomo Gaggiotti (Peloro) lo sapevano bene. Ma prima di scendere in acqua, oggi, per le finali del singolo e del due senza junior ai Tricolori Assoluti-Junior-Para-Rowing a Sabaudia (Latina), erano sicuri dei loro numeri, del lavoro fatto negli ultimi mesi, delle medaglie prese tra campionati italiani under 23 (per Ficarra e Gaggiotti) e Coupe de la Jeunesse. Così in partenza hanno chiuso gli occhi e dato l'anima. Così come hanno dato tutto Francesco Landolina (Lauria) e Fabrizio Tata (Telimar), che nel quattro con Para-Rowing “fisici”, sono arrivati terzi insieme a Romiti, Tavani (Aniene) e Readi (Armida), confermando una presenza sempre più concreta della Sicilia anche nel pararowing.

Questa domenica, storica per i colori della Sicilia, è cominciata con la semifinale del singolo di Venora, conclusa al quarto posto “senza faticare troppo, ma comunque tirando”, come spiega l'atleta catanese. Che alle 13 in punto si è trovato ai barchini di partenza, in acqua 1, per la finalissima. “C'era un forte vento laterale, partire è stato difficile perché sono stato costretto ad aggiustare la direzione continuamente. Per i primi 1.000 metri non ho tirato molto, ero fresco, e ho cercato solo di restare nel gruppo, tra la quinta e la sesta posizione. Poi, a metà gara, ho cambiato ritmo e ai 500 finali ho dato tutto. È stato negli ultimi 200 metri che ho conquistato la seconda posizione e l'ho mantenuta fino alla fine. Tagliare il traguardo è stata una liberazione e vincere questa medaglia mi ha reso ancora più felice del podio a Lucerna”. Adesso per Venora si apre un lungo autunno/inverno di allenamento, fondamentale in vista dell'anno prossimo. Perché, come dice Pierpaolo, “qui ho combattutto una battaglia, adesso devo vincere la guerra, cioè puntare ai mondiali”.

Obiettivo che non nasconde l'altro grande protagonista di questa giornata, il messinese Giovanni Ficarra, che in due senza con Giacomo Gaggiotti ha vinto un bronzo storico per il Peloro, in una delle gare e delle specialità più complicate del programma. “Siamo partiti fortissimo e fino ai 1.200 metri eravamo primi, poi le leve e la diversa stazza dei ragazzi di Cerea e Moltrasio hanno fatto la differenza, in quelle condizioni meteo. Siamo comunque soddisfatti per questa medaglia”. Che è un passo importante verso il futuro. Ficarra e Gaggiotti, per due anni atleti del College di Piediluco, quest'anno non hanno superato la selezione, ma continueranno a vivere sul lago umbro, dove saranno seguiti da Alda Cama, con il supporto della Canottieri Piediluco e del C.L. Terni. “Andarcene da qui non aveva senso: ormai frequentiamo la stessa scuola da tempo e vogliamo puntare in alto, nel canottaggio, anche l'anno prossimo”.


Stefano Lo Cicero Vaina
Ufficio Stampa Fic Sicilia

   

Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
    Tabella Orari previsti
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.