Special Olympics, per saperne di più


ROMA, 18 luglio 2013 - Pubblichiamo una sorta di decalogo realizzato da Paolo Ramoni al fine di chiarire alcuni aspetti legati alle caratteristiche del movimento Special Olympics. Sono informazioni in grado di chiarire l’aspetto sociale e sportivo proprio dello Special Olympics che garantisce esperienze nuove “diverse” dal normale, ma incredibilmente ricche di valori positivi.

• Special Olympics è un programma di allenamenti e competizioni sportive per persone con disabilità intellettiva presente in 180 paesi del mondo, nato negli Stati Uniti; ogni nazione ha una sua struttura (Special Olympics Italia, Francia, ecc ecc), c’è poi Special Olympics International che coordina i programmi nazionali;
• ogni 4 anni si svolgono i Giochi Mondiali estivi ed invernali; gli ultimi estivi si sono svolti ad Atene nel 2011, i prossimi sono in programma a Los Angeles nel 2015; gli ultimi giochi mondiali invernali si sono svolti in Corea quest’anno; i prossimi in Austria; su YouTube ci sono bei video degli eventi;
• Special olympics non organizza campionati mondiali, nazionali e regionali ma Giochi Mondiali, Giochi Continentali e Nazionali e Giochi Regionali: perché giochi? Perché il Gioco e' stata la forma più educativa della nostra vita, e gli eventi Special Olympics devono mantenere altissimo il valore educativo e pedagogico. Questi Giochi devono svolgersi secondo regole e protocolli che si ispirino ai principi Olimpici, che, per l'appunto si chiamano Giochi.
• perché non si parla di campionati mondiali, campionati italiani o campionati regionali Special Olympics? Perché non è importante individuare il migliore assoluto, quindi il campione del mondo o il campione italiano o il campione regionale, che e' la finalità precipua dei Campionati ma è importante valorizzare le abilità di ciascun atleta Special Olympics in condizioni di pari possibilità, anche e in specie delle persone che abbiano difficoltà, premiando tutti, in base alle classifiche, con medaglie d’oro, argento, bronzo o partecipazione; in questo modo tutti saranno premiati per lo sforzo effettuato negli allenamenti e nelle gare, e la medaglia, a prescindere dal colore, sarà motivo di orgoglio e stimolo positivo;
• Non esistono classificazioni e non esistono eliminatorie.
• Esistono prove preliminari che servono a valutare le capacita degli equipaggi, utili a comporre le serie finali, il più omogenee possibili; a seconda dei preliminari spesso creiamo una finale in più piuttosto che riempire tutte le corsie utilizzabili; tutti coloro che effettuano un preliminare parteciperanno di una finale.
• Special Olympics vuole dare la possibilità di gareggiare tutti, anche chi ha maggiori difficoltà facendoli gareggiare con persone di pari abilità;
• lo sport per Special Olympics è un mezzo e non il fine; il mezzo per raggiungere obiettivi di crescita personale;
• esiste un Regolamento Tecnico per il Canottaggio e l'Indoor Rowing Special Olympics con distanze gare, tipi di barca utilizzabili ed altre informazioni tecniche;
• un atleta Special Olympics deve essere in possesso di certificato medico per attività sportive non agonistica, meglio ancora se in possesso di certificato medico sportivo;
• il Para-Rowing ha un’impostazione di tipo agonistico, Special Olympics di tipo promozionale;
• un atleta con disabilità intellettiva può prendere parte a gare in entrambi i settori, purché in possesso della certificazione medica obbligatoria prevista; sarà cura del suo tecnico valutare quale dei 2 settori sia maggiormente adatto al proprio atleta approfondendo le caratteristiche che contraddistinguono i 2 settori;
• una persona con disabilità intellettiva può essere chiamato atleta Special Olympics se gareggia in competizioni Special Olympics seguendo i regolamenti tecnici Special Olympics;
• un’atleta con disabilità intellettiva può essere tesserato alla FIC nella categoria promozionale Special Olympics maggiorenni/minorenni ed avere la relativa copertura assicurativa in allenamento e gara.

Prossime Regate

  • Pisa Navicelli - 26-27/01/2019
    Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo
    Campionato Italiano di Fondo
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    Elenco Equipaggi Iscritti
    Tricolore Master
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    Elenco Equipaggi Iscritti
    Eq. Regionali Cadetti e Master
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    Elenco Equipaggi Iscritti

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.