Coppa del Mondo a Belgrado: Risultati e Resoconto BATTERIE


BELGRADO, 04 maggio 2012 - Giornata più fresca oggi a Belgrado (oggi 24 gradi), c'è anche il sole per la prima giornata di Coppa del Mondo dopo il temporale di ieri sera.

 

Quattro senza Pesi Leggeri Maschile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Batteria tiratissima per la barca azzurra di Daniele Danesin, Andrea Caianiello, Marcello Miani e Martino Goretti. La Danimarca di Ebbesen parte fortissimo, prima ai 500 con 71 centesimi di vantaggio sugli azzurri. Olanda e Francia approfittano di un momento di appannamento, mettono la loro punta avanti. Goretti e compagni non mollano, rispondono colpo su colpo ma ai 1500 i danesi sono a 3''21. In mezzo c'è l'Olanda. La Danimarca si difenderà bene sino al traguardo, per l'Italia un quarto posto che significa una prova supplementare, domani, per accedere alla finale. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) DEN (Kasper Winther, Morten Joergensen, Jacob Barsoe, Eskild Ebbesen) 5'51"05, 2) NED (Roeland Lievens, Timothee Heijbrock, Vincent Muda, Tycho Muda) 5'53"05, 3) FRA (Fabrice Moreau, Franck Solforosi, Nicolas Moutton, Thomas Baroukh) 5'53"49, 4) ITA (Daniele Danesin, Andrea Caianiello, Marcello Miani, Martino Goretti) 5'53"83, 5) ARG (Diego Gallina, Pablo David Mahnic, Nicolai Fernandez, Carlo Lauro) 6'11"37, 6) POL (Lukasz Pawlowski, Lukasz Siemion, Milosz Bernatajtys, Pawel Randa) 6'17"24
(b2)
1) GBR (Peter Chambers, Rob Williams, Richard Chambers, Chris Bartley) 5'52"30, 2) CHN (Chenggang Yu, Zhe Huang, Guolin Zhang, Tiexin Wang) 5'53"77, 3) GER (Bastian Seibt, Jochen Kuehner, Martin Kuehner, Lars Wichert) 6'03"48, 4) NZL (Duncan Grant, Graham Oberlin-Brown, James Lassche, Curtis Rapley) 6'05"69, 5) RUS (Evgeni Sinitsin, Ivan Kudryavtsev, Mikhail Belikov, Dmitry Ashchin) 6'08"42, 6) CHI (Felipe Oyarzun Zbinden, Rodrigo Munoz Santibanez, Fabian Oyarzun Zbinden, Felipe Leal Atero) 6'15"99

Singolo Maschile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Al via il più rapido è l'austriaco Franek controllato da vicino dal campione olimpico Olaf Tufte (Norvegia). Domenico Montrone riesce a mantenersi a contatto con il gruppetto degli inseguitori sino a metà gara, poi procede di conserva sino all'arrivo per risparmiare energie importanti per il recupero di oggi pomeriggio. Come da pronostico il successo finale va a Tufte che si assicura così il passaggio diretto in semifinale.
(b1)
1) CZE (Ondrej Synek) 6'58"61, 2) CHN (Liang Zhang) 7'03"58, 3) EST (Vladimir Latin) 7'09"03, 4) USA (Kenneth Jurkowski) 7'14"28, 5) AZE2 (Boris Yotov) 7'22"79, 6) SVK1 (Lukas Babac) 7'34"75
(b2)
1) GBR1 (Alan Campbell) 6'57"43, 2) GER (Karsten Brodowski) 7'03"96, 3) BEL (Tim Maeyens) 7'07"19, 4) AZE1 (Aleksandar Aleksandrov) 7'12"09, 5) SVK2 (Andre Redr) 7'35"00, 6) SLO3 (Urban Ulcar) 7'39"25
(b3)
1) CUB (Angel Fournier Rodriguez) 6'49"98, 2) SWE (Lassi Karonen) 6'52"66, 3) SLO2 (Jan Spik) 7'14"50, 4) FRA (Mickael Marteau) 7'18"05, 5) SUI (Samuel Annen) 7'20"84, 6) SLO1 (Matej Rojec) 7'33"20
(b4)
1) NOR (Olaf Tufte) 6'55"03, 2) LTU (Mindaugas Griskonis) 6'58"65, 3) DEN (Henrik Stephansen) 7'05"68, 4) RUS (Artem Kosov) 7'06"06, 5) ITA (Domenico Montrone) 7'16"05, 6) AUT (Camillo Franek) 7'20"32

Quattro di coppia Maschile (i primi tre in semifinale, gli altri ai recuperi)
C'è la Croazia per il nostro quattro di coppia che, rispetto al Memorial d'Aloja, si caratterizza per l'innesto di Simone Venier (nuovo prodiere) assieme a Francesco Fossi, Matteo Stefanini ed al capovoga Rossano Galtarossa. Partenza lenta per l'Italia, i croati (bronzo a Bled 2011) vanno subito in fuga: sul passo, però, gli azzurri sfilano i loro avversari conquistando la seconda posizione poco prima dei 1000 senza esser mai insidiati. Posizione mantenuta sino al traguardo, con 5''36 di ritardo dall Croazia ed un vantaggio di 1''85 sulla Francia.
Vince anche la Germania, nella batteria di ferro (Polonia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Russia) saranno i russi a dover affrontare anche il recupero di oggi pomeriggio.
ITALIA IN SEMIFINALE
(b1)
1) CRO (David Sain, Martin Sinkovic, Damir Martin, Valent Sinkovic) 5'47"17, 2) ITA (Simone Venier, Francesco Fossi, Matteo Stefanini, Rossano Galtarossa) 5'52"53, 3) FRA (Benjamin Chabanet, Matthieu Androdias, Pierre-Jean Peltier, Adrien Hardy) 5'54"38, 4) DEN (Jes Struck, Ole Soegaard, Michael Ludwigsen, Sophus Johannesen) 5'57"24, 5) ARG (Brian Rosso, Sebastian Fernandez, Rodrigo Murillo, Martin Lasserre) 6'02"18
(b2)
1) GER (Karl Schulze, Philipp Wende, Lauritz Schoof, Tim Grohmann) 5'42"47, 2) EST (Andrei Jamsa, Allar Raja, Tonu Endrekson, Kaspar Taimsoo) 5'45"28, 3) SUI (Augustin Maillefer, Florian Stofer, Nico Stahlberg, Andre Vonarburg) 5'47"44, 4) UKR (Ivan Futryk, Kostiantyn Zaytsev, Yuriy Ivanov, Ivan Dovgodko) 5'47"68, 5) SLO (Marko Grace, Grega Domanjko, Janez Jurse, Gasper Fistravec) 5'52"15
(b3)
1) POL (Konrad Wasielewski, Marek Kolbowicz, Michal Jelinski, Adam Korol) 5'46"17, 2) CZE (Petr Vitasek, Jakub Houska, Petr Ourednicek, David Jirka) 5'47"14, 3) GBR (Matthew Wells, Stephen Rowbotham, Charles Cousins, Marcus Bateman) 5'47"15, 4) RUS (Vladislav Ryabcev, Igor Salov, Alexey Svirin, Nikita Morgachev) 5'47"93

Doppio Pesi Leggeri Maschile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Terzi al Mondiale di Bled nel 2011 e campioni d'Europa, Lorenzo Bertini ed Elia Luini iniziano con il piede giusto la loro avventura in Coppa del Mondo. I portoghesi Mendes e Braga sono un avversario probante ma ai 1000 sono addirittura quarti, probabilmente consapevoli del valore della barca azzurra rinunciano ad attaccare. Gli sloveni Grace e Cvet provano a rimanere attaccati a Lorenzo ed Elia, a metà gara il distacco è pari a 2''31 e nel terzo parziale gli azzurri fanno il vuoto. Neppure i danesi Rasmussen e Qvist (bronzo a Pechino 2008) trovano una valida opposizione in Repubblica Ceca, qualificandosi con un tempo leggermente più alto (75 centesimi) rispetto all'Italia.
Gran Bretagna (6'22''96) e Cina (6'22''40) realizzano tempi migliori.
 ITALIA IN SEMIFINALE
(b1)
1) ITA (Lorenzo Bertini, Elia Luini) 6'25"67, 2) POR (Nuno Mendes, Pedro Fraga) 6'31"72, 3) SLO2 (Jure Grace, Jure Cvet) 6'33"28, 4) CRO (Vedran Radonic, Luka Radonic) 6'34"41, 5) SLO1 (Rajko Hrvat, Matevz Malesic) 6'36"52, 6) EGY (Mohamed Nofel, Omar Emira) 6'43"69
(b2)
1) DEN (Mads Rasmussen, Rasmus Quist) 6'26"42, 2) CZE1 (Jan Vetesnik, Ondrej Vetesnik) 6'36"07, 3) NOR (Are Strandli, Kristoffer Brun) 6'39"05, 4) AUT3 (Markus Lemp, Michael Hager) 6'40"08, 5) CZE2 (Petr Cabla, Milan Viktora) 6'42"91, 6) CUB (Manuel Suarez Barrios, Yunior Perez Aguilera) 7'09"88
(b3)
1) GBR (Zac Purchase, Mark Hunter) 6'22"96, 2) HUN1 (Zsolt Hirling, Tamas Varga) 6'26"31, 3) FRA (Guillaume Raineau, Alexandre Pilat) 6'33"41, 4) AUT1 (Dominik Sigl, Oliver Komaromy) 6'36"00, 5) SWE (Oskar Russberg, Dennis Bernhardsson) 6'40"60
(b4)
1) CHN (Chongkui Wu, Fangbing Zhang) 6'22"40, 2) GRE (Panagiotis Magdanis, Eleftherios Konsolas) 6'26"19, 3) AUT4 (Paul Sieber, Bernhard Sieber) 6'32"40, 4) IRL (Mark O'donovan, Niall Michael Kenny) 6'32"96, 5) AUT2 (Joschka Hellmeier, Florian Berg) 6'37"47

Quattro senza Maschile (i primi due in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Gara in salita per l'Italia di Vincenzo Capelli, Andrea Tranquilli, Luca Agamennoni e Andrea Palmisano. Quinti dopo i primi 500 metri, sono lontani dalla qualificazione ai 1000 dove la Gran Bretagna si presenta in prima posizione con 1''48 sulla Repubblica Ceca (3''40 sull'Italia) e 1''94 sulla Bielorussia. Palmisano e compagni superano ma non riescono a scrollarsi di dosso la Croazia. All'arrivo inglesi e cechi qualificati. In difficoltà anche la barca di Leopoldo Sansone, Sergio Canciani, Simone Ponti e Giuseppe Vicino, vincitrice del secondo Meeting Nazionale. Perdono troppo presto contatto dalle prime posizioni, saldamente occupato da Romania e Olanda. Nella terza batteria avanti Grecia e Francia. ITALIA 1 E ITALIA 2 AI RECUPERI
(b1)
1) GBR (Alex Gregory, Pete Reed, Tom James, Andrew Triggs Hodge) 5'50"55, 2) CZE (Michal Horvath, Jakub Podrazil, Milan Bruncvik Jr, Matyas Klang) 5'52"34, 3) BLR (Vadzim Lialin, Dzianis Mihal, Stanislau Shcharbachenia, Aliaksandr Kazubouski) 5'56"14, 4) ITA1 (Vincenzo Capelli, Andrea Tranquilli, Luca Agamennoni, Andrea Palmisano) 6'04"20, 5) CRO (Drazen Culin, Alen Banovac, Marin Begovic, Branko Begovic) 6'04"32, 6) SLO (Rok Kolander, Jernej Jurse, Ales Zupan, Tomaz Pirih) 6'24"02
(b2)
1) NED (Boaz Meylink, Kaj Hendriks, Ruben Knab, Mechiel Versluis) 5'54"88, 2) ROU (Marius-Vasile Cozmiuc, Alexandru Palamariu, Cristi-Ilie Pirghie, Florin Curuea) 5'55"69, 3) GER (Gregor Hauffe, Urs Kaeufer, Toni Seifert, Sebastian Schmidt) 5'57"34, 4) SRB (Goran Jagar, Nikola Stojic, Miljan Vukovic, Radoje Deric) 6'00"81, 5) ITA2 (Leopoldo Sansone, Sergio Canciani, Simone Ponti, Giuseppe Vicino) 6'21"85
(b3)
1) UKR (Vitalii Tsurkan, Stanislav Chumraiev, Pavlo Prykhodko, Andriy Shpak) 5'51"16, 2) GRE (Stergios Papachristos, Ioannis Tsilis, Georgios Tziallas, Ioannis Christou) 5'56"38, 3) FRA (Matthieu Moinaux, Jean-Baptiste Macquet, Benjamin Rondeau, Julien Despres) 5'57"40, 4) RUS (Anton Zarutskiy, Daniil Andrienko, Ivan Podshivalov, Alexander Kulesh) 6'01"91, 5) NZL (Tyson Williams, Jade Uru, Chris Harris, Sean O'neill) 6'06"52

Doppio Maschile (i primi due in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Missione compiuta per i finanzieri Alessio Sartori e Romano Battisti che proseguono la loro striscia positiva dopo aver vinto il primo Meeting Nazionale e le due finali del Memorial d'Aloja. Nella batteria "fratricida", comprendente anche le barche di Paolo Perino e Mario Paonessa, Pierpaolo Frattini e Simone Raineri, Italia1 va subito al comando e conduce per oltre 1300 metri. Poi passano i tedeschi Gruhne e Rocher, ma ai 1500 Battisti e Sartori hanno vantaggio di 5''58 sui serbi Vasic e Marjanovic. Frattini e Raineri lottano per poco più di metà percorso (1''94 da Battisti e Sartori ai 1000), poi decidono di risparmiare energie per il recupero di oggi pomeriggio dove ci saranno anche Paonessa e Perino. All'arrivo prima la Germania con un vantaggio di 2''76 sugli azzurri. Nelle altre due batterie, avanzano Gran Bretagna e Francia, Germania e Norvegia. SARTORI E BATTISTI IN SEMIFINALE, FRATTINI-RAINERI E PERINO-PAONESSA AI RECUPERI
(b3)
1) GER2 (Hans Gruhne, Mathias Rocher) 6'17"27, 2) ITA1 (Alessio Sartori, Romano Battisti) 6'20"03, 3) SRB (Milos Vasic, Marko Marjanovic) 6'34"12, 4) CZE1 (Petr Buzrla, Adam Sterbak) 6'41"53, 5) ITA3 (Paolo Perino, Mario Paonessa) 6'53"41, 6) ITA2 (Pierpaolo Frattini, Simone Raineri) 7'39"43
(b1)
1) GBR (Bill Lucas, Sam Townsend) 6'12"08, 2) FRA (Cedric Berrest, Julien Bahain) 6'13"51, 3) SLO (Luka Spik, Iztok Cop) 6'21"76, 4) ARG (Ariel Suarez, Cristian Rosso) 6'23"83, 5) CZE2 (Martin Basl, Jan Andrle) 6'37"34, 6) UKR1 (Dmytro Mikhai, Artem Moroz) 6'42"34
(b2)
1) GER1 (Eric Knittel, Stephan Krueger) 6'21"00, 2) NOR (Nils Jakob Hoff, Kjetil Borch) 6'22"45, 3) UKR2 (Sergii Gryn, Volodymyr Pavlovskyi) 6'27"21, 4) RUS (Nikael Bikua - Mfantse, Maxim Zhemaldinov) 6'28"90, 5) EGY (Moustafa Fathy, Nour El Din Hassanein) 6'39"31, 6) BEL (Bram Dubois, Hannes Obreno) 6'46"40

Singolo Pesi Leggeri Maschile (i primi tre in semifinale, gli altri ai recuperi)
Nella prima batteria non è veloce la partenza di Livio La Padula, costretto subito a inseguire. Sfuma la qualificazione diretta già ai 1000 quando il ritardo dallo slovacco Vanco (terzo) è pari a 3''46. Vince il francese Azou, più volte rivale del doppio leggero azzurro negli ultimi anni. La Padula, quinto, va ai recuperi. Diversamente, il vicecampione mondiale Pietro Ruta non ha alcuna difficoltà nel timbrare puntuale l'accesso alla semifinale. Gara di controllo, solo l'ungherese Galambos fa meglio di lui. Nella prima batteria, successo per il francese Delayre. RUTA IN SEMIFINALE, LA PADULA AI RECUPERI
(b2)
1) FRA1 (Jeremie Azou) 7'08"18, 2) GBR (Michael Mottram) 7'12"49, 3) SVK (Richard Vanco) 7'14"42, 4) CHN (Jie Sun) 7'17"05, 5) ITA2 (Livio La Padula) 7'25"21
(b3)
1) HUN (Peter Galambos) 7'00"20, 2) ITA1 (Pietro Ruta) 7'02"19, 3) CZE (Martin Slavik) 7'21"45, 4) POR (Ricardo Carraco) 7'43"45, AUT (Alexander Rath) DNF
(b1)
1) FRA2 (Stany Delayre) 7'07"89, 2) NOR3 (Svein Urban Ringstad) 7'11"01, 3) GRE (Spyridon Giannaros) 7'11"15, 4) EGY (Abdelmohsen Massoud) 7'18"82, 5) IRL (Michael Maher) 7'24"05


ALTRI RISULTATI


Due senza Femminile (i primi due in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Claudia Wurzel e Sara Bertolasi sono in raduno a Varese, manca anche la Nuova Zelanda detentrice del titolo mondiale. Nelle tre batterie del programma odierno, miglior tempo per le statunitensi Cafaro e Logan, vincono anche le connazionali Lind e Ritzel. La Gran Bretagna di Glover e Stanning, argento a Bled 2011, passa il turno senza problemi. Ai recuperi la Romania di Andrunache e Susanu.
(b1)
1) USA1 (Erin Cafaro, Eleanor Logan) 7'06"20, 2) NED1 (Claudia Belderbos, Chantal Achterberg) 7'07"59, 3) ROU1 (Georgeta Andrunache, Viorica Susanu) 7'16"99, 4) GER (Kerstin Hartmann, Marlene Sinnig) 7'28"86, 5) AZE (Viktoria Nencheva, Iskra Angelova) 7'40"26, 6) UKR1 (Anastasiya Prodan, Olena Iashina) 7'52"01
(b2)
1) GBR1 (Helen Glover, Heather Stanning) 7'06"94, 2) ROU2 (Adelina Cojocariu, Irina Dorneanu) 7'14"02, 3) UKR2 (Tetiana Stekolschykova, Viktoriia Vykhrist) 7'19"76, 4) FRA (Alice Mayne, Stephanie Dechand) 7'20"38, 5) NED3 (Wianka Van Dorp, Olivia Van Rooijen) 7'26"98
(b3)
 1) USA2 (Caroline Lind, Taylor Ritzel) 7'07"94, 2) NED2 (Carline Bouw, Annemiek De Haan) 7'14"13, 3) CHN1 (You Wu, Yulan Gao) 7'16"81, 4) ARG (Maria Laura Abalo, Gabriela Best) 7'20"60, 5) CHN2 (Yage Zhang, Xiaoxia Yan) 7'38"44

Due senza Maschile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Manca completamente il podio degli ultimi Mondiali: oltre a Niccolò Mornati e Lorenzo Carboncini, mancano anche Nuova Zelanda e gli inglesi Hodge e Reed, passati a rinforzare il quattro senza. Come da copione, i gemelli greci Gkountoulas si qualificano senza troppo patire gli attacchi della Serbia. Bene anche le nuove barche proposte da GBR (Nash, Satch) e Germania Drahotta, Braun), in semifinale anche Olanda 2.
(b1)
1) GRE1 (Nikolaos Gkountoulas, Apostolos Gkountoulas) 6'34"74, 2) SRB1 (Nenad Bedik, Jovan Popovic) 6'36"95, 3) BLR1 (Andrei Tatarchuk, Siarhei Varanoi) 6'45"90, 4) FRA2 (Julien Montet, Aymeric Fouquart) 6'54"49, 5) NOR (Truls Albert, Hans-Gunnar Grepperud Eikeland) 7'04"99, 6) CRO3 (Ante Janjic, Vjekoslav Kolobaric) 7'12"37
(b2)
1) NED2 (Nanne Sluis, Meindert Klem) 6'36"56, 2) ROU (Ionel Strungaru, Ciprian Duduta) 6'40"92, 3) GER2 (Maximilian Munski, Alexander Egler) 6'44"63, 4) CZE2 (Jan Gruber, Jakub Makovicka) 7'10"50, BLR2 (Yauhen Aliakhnovich, Ihar Pashevich) DNF
(b3)
1) GER1 (Anton Braun, Felix Drahotta) 6'35"54, 2) HUN (Adrian Juhasz, Bela Simon Jr) 6'40"87, 3) CRO1 (Marin Bogdan, Karlo Udovicic) 6'52"23, 4) GRE2 (Christos Koutsiaftis, Apostolos Lampridis) 6'59"41, 5) UKR (Anatoliy Vasylyev, Kyrylo Tarakanov) 7'03"98
(b4)
1) GBR1 (George Nash, William Satch) 6'34"36, 2) NED1 (Derk Noordhuis, David Kuiper) 6'38"12, 3) CRO2 (Sinisa Skelin, Niksa Skelin) 6'41"17, 4) ARG (Diego Lopez, Joaquin Iwan) 6'44"20, 5) CZE1 (Milan Dolecek Jr, Petr Melichar) 7'02"48

Singolo Femminile (i primi due in semifinale, gli altri ai recuperi) 
La serba Obradovic scalda Belgrado con il miglior tempo delle batterie: 7'29''83. Nelle altre sfide successi per la ceca Knapkova e per la cinese Zhang.
(b1)
1) CZE (Mirka Knapkova) 7'35"70, 2) AZE (Nataliya Mustafayeva) 7'39"47, 3) GBR1 (Rachel Gamble-Flint) 7'45"95, 4) EST (Kaisa Pajusalu) 7'55"20, 5) BEL (Annick De Decker) 8'22"74, 6) SLO (Anja Sesum) 8'34"04
(b2)
1) CHN (Xiuyun Zhang) 7'35"20, 2) SWE (Frida Svensson) 7'39"80, 3) GBR2 (Natasha Page) 7'55"61, 4) UKR (Nataliia Huba) 8'00"15, 5) SRB2 (Ivana Filipovic) 8'11"79
(b3)
1) SRB1 (Iva Obradovic) 7'29"83, 2) IRL2 (Sanita Puspure) 7'34"28, 3) NOR (Tale Gjoertz) 7'34"70, 4) LTU (Donata Vistartaite) 7'58"31, 5) AUT (Lisa Farthofer) 8'01"66

Singolo Pesi Leggeri Femminile  (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
(b1)
1) GBR (Kathryn Twyman) 7'49"69, 2) IRL (Claire Lambe) 7'54"91, 3) AUT2 (Christina Sperrer) 8'00"09, 4) CRO (Helena Pavkovic) 8'00"85
(b2)
1) AUT1 (Michaela Taupe-Traer) 7'39"16, 2) SUI (Pamela Weisshaupt) 7'52"08, 3) SWE1 (Cecilia Lilja) 7'54"72, 4) SWE2 (Liv Kalstroem) 8'07"15

Due senza Pesi Leggeri Maschile (i primi due in semifinale, gli altri ai recuperi) 
(b1)
1) CZE (Jiri Kopac, Miroslav Vrastil Jr) 6'34"70, 2) FRA (Fabien Tilliet, Jean-Christophe Bette) 6'35"46, 3) NED2 (Arnoud Greidanus, Joris Pijs) 6'43"58, 4) AUT (Alexander Chernikov, Christian Rabel) 6'50"22, 5) POR (Diogo Pinheiro, Nuno Goncalves Coelho) 6'57"90
(b2)
1) GBR (Paul Mattick, Adam Freeman-Pask) 6'31"76, 2) CHN (Lei Li, Zhongwei Li) 6'34"86, 3) DEN (Jens Vilhelmsen, Christian Pedersen) 6'37"12, 4) HKG (Chiu Mang Tang, Ki Cheong Kwan) 6'39"78

Doppio Femminile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Gran Bretagna batte Germania nella prima batteria: è pari a 2''49 la differenza tra le due barche, avanza anche la Repubblica Ceca spedendo Cina 3 ai recuperi.
(b1)
1) GBR (Anna Watkins, Katherine Grainger) 6'45"13, 2) GER (Annekatrin Thiele, Britta Oppelt) 6'47"62, 3) CHN1 (Min Wang, Weiwei Zhu) 6'57"12, 4) NED (Inge Janssen, Elisabeth Hogerwerf) 7'04"90, 5) AUT (Magdalena Lobnig, Katharina Lobnig) 7'07"43, 6) HUN (Krisztina Gyimes, Katalin Szabo) 7'16"44
(b2)
1) CZE (Lenka Antosova, Jitka Antosova) 6'53"53, 2) CHN3 (Min Zhang, Jingli Duan) 6'58"22, 3) CHN2 (Yan Jiang, Rong Li) 7'02"86, 4) FIN (Ulla Varvio, Minna Nieminen) 7'07"88, 5) UKR (Nataliya Dovgodko, Anna Kravchenko) 7'11"00

Doppio Pesi Leggeri Femminile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Gran Bretagna e Cina protagoniste, un po' a sorpresa le campionesse mondiali (Grecia) sono costrette a misurarsi nel recupero di oggi pomeriggio.
(b1)
1) CHN1 (Dongxiang Xu, Wenyi Huang) 6'54"95, 2) GRE (Christina Giazitzidou, Alexandra Tsiavou) 6'56"47, 3) DEN (Anne Lolk Thomsen, Juliane Rasmussen) 6'58"74, 4) SWE (Emma Fred, Kristina Knejp Christensson) 7'02"76, 5) RUS (Olga Arkadova, Natalia Varfolomeeva) 7'09"77, 6) HUN (Erzsebet Kabodi, Zsuzsanna Hajdu) 7'22"26
(b2)
1) GBR1 (Sophie Hosking, Katherine Copeland) 6'55"39, 2) NED (Rianne Sigmond, Maaike Head) 6'56"95, 3) USA (Kristin Hedstrom, Julie Nichols) 6'58"44, 4) GBR2 (Imogen Walsh, Andrea Dennis) 7'03"05, 5) CHN2 (Jing Liu, Feihong Pan) 7'05"70, 6) AUT (Stefanie Borzacchini, Sara Karlsson) 7'06"22

Quattro di coppia Femminile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Ucraina e Gran Bretagna vincono la loro batteria più sofferta l'affermazione delle inglesi sulle statunitensi.
(b1)
1) UKR (Anastasiia Kozhenkova, Yana Dementieva, Olena Buryak, Kateryna Tarasenko) 6'19"21, 2) GER (Lisa Schmidla, Carina Baer, Tina Manker, Stephanie Schiller) 6'23"72, 3) POL (Kamila Socko, Joanna Leszczynska, Sylwia Lewandowska, Natalia Madaj) 6'30"74, 4) RUS (Julia Kalinovskaya, Yulia Chagina, Evgeniya Soldunova, Maria Krasilnikova) 6'33"97
(b2)
1) GBR (Beth Rodford, Melanie Wilson, Frances Houghton, Victoria Thornley) 6'17"35, 2) USA (Stesha Carle, Katherine Glessner, Kara Kohler, Kathleen Bertko) 6'18"66, 3) CHN (Ziwei Jin, Liang Tian, Yangyang Zhang, Bin Tang) 6'23"14, 4) ROU (Ionelia Zaharia, Ioana Craciun, Maria Diana Bursuc, Nicoleta Albu) 6'34"04


Otto Maschile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi) 
Avanti Gran Bretagna dopo un bellissimo confronto con la Polonia. la Anche Germania, oro negli ultimi tre Mondiali, accede alla finale.
(b1)
1) GBR (Nathaniel Reilly-O'donnell, Alex Partridge, Richard Egington, Tom Ransley, Greg Searle, Mohamed Sbihi, James Foad, Matt Langridge, Phelan Hill) 5'28"29, 2) POL (Marcin Brzezinski, Piotr Juszczak, Bartosz Zablocki, Rafal Hejmej, Dariusz Radosz, Piotr Hojka, Krystian Aranowski, Michal Szpakowski, Daniel Trojanowski) 5'29"10, 3) FRA (Benoit Demey, Benjamin Lang, Michael Molina, Pierre D'agata, Johnatan Mathis, William Chopy, Sebastien Lente, Benoit Brunet, Benjamin Manceau) 5'38"85, 4) UKR (Anton Kholyaznykov, Viktor Grebennykov, Ivan Tymko, Artem Moroz, Andriy Pryveda, Valentyn Kletskoy, Oleg Lykov, Sergiy Chykanov, Oleksandr Konovaliuk) 6'03"12
(b2)
1) GER (Filip Adamski, Andreas Kuffner, Eric Johannesen, Maximilian Reinelt, Richard Schmidt, Lukas Mueller, Florian Mennigen, Kristof Wilke, Martin Sauer) 5'31"44, 2) NED (Diederik Simon, Rogier Blink, Matthijs Vellenga, Roel Braas, Sjoerd Hamburger, Jozef Klaassen, Olivier Siegelaar, Mitchel Steenman, Peter Wiersum) 5'34"20, 3) NZL (Richard Harrison, Fergus Fauvel, Tobias Wehr-Candler, Hamish Burson, Ian Seymour, Benjamin Hammond, Adam Tripp, David Eade, Ivan Pavich) 5'35"78

 

Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
    Tabella Orari previsti
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.