Il Piemonte ai Mondiali Universitari ed alla Master Regatta


TORINO, 09 settembre 2012 -  La stagione 2012 del remo piemontese non conosce battute d’arresto, e continua a collezionare prestigiosi risultati, regalandoci grandi gioie.
Durante il week-end appena conclusosi si sono disputati due importanti appuntamenti internazionali che hanno visto impegnati 7 atleti piemontesi, aggiudicatisi ben 4 medaglie.
A Kazan, in Russia, si sono svolti i Mondiali Assoluti Universitari 2012, che hanno visto la partecipazione di oltre 350 atleti provenienti da tutto il mondo.
L’Italia è scesa in campo schierando 9 equipaggi (6 maschili e 3 femminili) per un totale di 19 atleti, realizzando degli ottimi risultati: 8 equipaggi su 9 hanno infatti conquistato la finale A, salendo sul podio per 5 volte.
Francesco Pegoraro (Sisport Fiat), fresco del titolo di campione del mondo under 23, conquistato a metà luglio a Trakai nella specialità del 4 di coppia pesi leggeri, ha conquistato l’argento nella specialità del doppio pesi leggeri, in barca con Francesco Rigon (G.S. Forestale).
I due hanno dimostrato sin dalle batterie ottimo affiatamento e carattere, imponendosi con il primo posto ed il miglior tempo.
La finale ha visto partire gli equipaggi molto forte: terzi dopo i primi mille metri, i nostri ragazzi sono riusciti a risalire la china sino a recuperare ed eliminare dalla corsa per l'argento gli ungheresi Matyasovszki e Pozsar; oro per la Germania.


Luca Motta (S.C. Armida), Giorgio Tuccinardi (G.S. Forestale), Corrado Regalbuto (Cus Pavia) e Marcello Nicoletti (Moto Guzzi) conquistano l’argento nella specialità del 4 senza pesi leggeri, al termine di una finale diretta in cui Italia e Francia hanno messo in riga la concorrenza sin dalle prime battute, dando vita ad un testa a testa che ha visto i transalpini precederci sul traguardo per 3 secondi circa.


Jacopo Palma (Sisport Fiat), Simone Ferrarese (Saturnia), Vincenzo Abbagnale (Saturnia) e Simone Martini (Trieste), conquistano infine il quarto posto nella specialità del 4 senza senior.
I quattro, dopo aver chiuso a terzo posto le batterie, alle spalle di Olanda e Germania, hanno dovuto disputare i recuperi, vinti tuttavia in maniera brillante.
In finale i primi due gradini del podio son stati nuovamente una questione a due fra Olanda e Germania, mentre l’Italia ha lottato per il bronzo con la Polonia, riuscita, nonostante la nostra seconda parte di gara di grande carattere, a precederci sul traguardo di poco più di un secondo.
Quarto posto per gli azzuri.


Oltre le gioie di Kazan, altre 3 medaglie d’oro sono giunte da Duisburg, dove nel corso del week-end si sono disputati i Mondiali Master 2012.
Impressionanti i numeri della manifestazione: ben 3000 atleti impegnati, in rappresentanza di 543 società provenienti da 44 paesi (394 città) di tutto il mondo.
Le medaglie conquistate portano tutte i colori della Società Canottieri Armida.
Oro per Dario Bosco e Francesco Zucchi nel doppio master A, ed oro a Bruno Casetta, nel singolo master D.

ALESSANDRO POLATO

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.