Lucerna: risultati e resoconti FINALI specialità olimpiche


LUCERNA, 10 luglio 2011 - C'è il sole sul Rotsee a Lucerna (Svizzera) per la giornata di finali dell'ultima prova di Coppa del Mondo.
 

FINALI A
 

Quattro senza Pesi Leggeri maschile
Una finale bella... da morire. L'Italia (Daniele Danesin, Andrea Caianiello, Marcello Miani, Martino Goretti) gareggia contro altre cinque forti formazioni che procedono allineate e coperte sino ai 1500. Il Sudafrica conduce sino ai 1000 (69 centesimi sugli azzurri), ai 1400 viene fuori la Gran Bretagna. Al terzo riscontro cronometrico, tra la prima (GBR) e la sesta (Svizzera) c'è solo un secondo e sette decimi. Goretti e compagni terzi. Finale alla Hitchcock. L'Italia passa l'Australia, Ebbesen trascina i danesi verso il bronzo e con i suoi oltre 40 colpi verso la barca azzurra.
La risposta di Danesin, Caianiello, Miani e Goretti è da Oscar. Compatti e fluidi verso il traguardo. La Gran Bretagna vince in 6'03''66, l'Australia manca il podio. L'Italia chiude a 1''13 dagli inglesi e respinge, per 28 centesimi, il tambureggiante attacco della Danimarca. Testa, muscoli e cuore per una medaglia importantissima. ARGENTO ITALIA!

1) GBR (Richard Chambers, Peter Chambers, Paul Mattick, Rob Williams) 6’03”66, 2) ITA (Daniele Danesin, Andrea Caianiello, Marcello Miani, Martino Goretti) 6’04”79, 3) DEN (Kasper Winther, Morten Joergensen, Jacob Barsoe, Eskild Ebbesen) 6’05”07, 4) AUS (Anthony Edwards, Thomas Gibson, Benjamin Cureton, Samuel Beltz) 6’05”28, 5) SUI (Simon Schuerch, Lucas Tramer, Simon Niepmann, Mario Gyr) 6’06”41, 6) RSA (James Thompson, Matthew Brittain, John Smith, Anthony Paladin) 6’09”81

Doppio Pesi Leggeri femminile
La finale è già un buon risultato per Laura Milani ed Enrica Marasca. Partono, però, troppo lente. Il distacco è eccessivo a metà gara. Canada, Gran Bretagna e Stati Uniti viaggiano a velocità ben superiori e ingaggiano un bel duello che vedrà poi prevalere le canadesi (7'01''71). La generosità non basta alle azzurre. ITALIA SESTA

1) CAN (Lindsay Jennerich, Tracy Cameron) 7’01”71, 2) GBR (Hester Goodsell, Sophie Hosking) 7’03”81, 3) USA1 (Kristin Hedstrom, Julie Nichols) 7’04”81, 4) GRE (Triantafyllia Kalampoka, Christina Giazitzidou) 7’08”96, 5) AUS (Alice Mcnamara, Hannah Every-Hall) 7’09”44, 6) ITA2 (Laura Milani, Enrica Marasca) 7’14”74

Doppio Pesi Leggeri maschile
Lorenzo Bertini ed Elia Luini non si staccano mai dai loro avversari. Buona la partenza, ottimo il passo ma è nel finale di gara che riservano il meglio di sè. Canada, Francia e Germania calano progressivamente, Lorenzo ed Elia li sfilano con un buon ritmo. Con forza e naturalezza. La Nuova Zelanda di Uru e Taylor vince in 6:26.16 con 2''25 su Lorenzo ed Elia che ben respingono gli attacchi dei danesi Rasmussen e Qvist. ARGENTO ITALIA!

1) NZL (Storm Uru, Peter Taylor) 6’26”16, 2) ITA (Lorenzo Bertini, Elia Luini) 6’28”41, 3) DEN (Mads Rasmussen, Rasmus Quist) 6’29”39, 4) CAN (Douglas Vandor, Cameron Sylvester) 6’31”58, 5) GER (Linus Lichtschlag, Lars Hartig) 6’33”49, 6) FRA (Jeremie Azou, Frederic Dufour) 6’36”86

Due senza maschile
Diversamente da ieri, Lorenzo Carboncini e Niccolò Mornati mettono in pratica una partenza più veloce. Nei primi 1000 metri gareggiano appaiati ai gemelli Gkountoulas con tre secondi di vantaggio sugli inglesi Reed e Triggs Hodge. Davanti il Canada prova a crear problemi ai campioni mondiali Murray e Bond. Dopo i mille metri coraggiosi e ad altissima intensità, Lorenzo e Niccolò vanno incontro a un prevedibile calo. La Grecia si stacca, la Gran Bretagna macina la rimonta passando azzurri, greci e, negli ultimi 200 metri, persino il Canada. Oro alla Nuova Zelanda, Italia a 8''07 dal podio. Al nostro equipaggio determinazione e tonicità non mancano, il gap rispetto alle prime tre barche è ancora troppo ampio da colmare. ITALIA QUINTA

1) NZL1 (Eric Murray, Hamish Bond) 6’21”76, 2) GBR1 (Pete Reed, Andrew Triggs Hodge) 6’28”16, 3) CAN1 (Dave Calder, Scott Frandsen) 6’29”47, 4) GRE (Nikolaos Gkountoulas, Apostolos Gkountoulas) 6’34”13, 5) ITA (Lorenzo Carboncini, Niccolo Mornati) 6’37”54, 6) HUN (Adrian Juhasz, Bela Simon Jr) 6’44”41

Otto maschile

1) GER (Gregor Hauffe, Andreas Kuffner, Eric Johannesen, Maximilian Reinelt, Richard Schmidt, Lukas Mueller, Florian Mennigen, Kristof Wilke, Martin Sauer) 5’43”52, 2) NED (David Kuiper, Matthijs Vellenga, Roel Braas, Boaz Meylink, Sjoerd Hamburger, Robert Luecken, Olivier Siegelaar, Diederik Simon, Peter Wiersum) 5’45”31, 3) GBR (Alex Partridge, James Foad, Cameron Nichol, Nathaniel Reilly-O'donnell, Mohamed Sbihi, Gregory Searle, Tom Ransley, Daniel Ritchie, Phelan Hill) 5’45”35, 4) USA (Ross James, Grant James, Alexander Osborne, Henrik Rummel, Daniel Walsh, Steve Coppola Jr, Josh Inman, Nareg Guregian, Edmund Del Guercio) 5’45”55, 5) CAN (Gabriel Bergen, Will Crothers, Andrew Byrnes, Conlin Mccabe, Jeremianh Brown, Douglas Csima, Robert Gibson, Derek O'farrell, Brian Price) 5’49”23, 6) POL (Marcin Brzezinski, Rafal Hejmej, Dariusz Radosz, Piotr Hojka, Mikolaj Burda, Piotr Juszczak, Krystian Aranowski, Michal Szpakowski, Daniel Trojanowski) 5’51”54

Singolo maschile

1) CZE (Ondrej Synek) 7’16”68, 2) NZL (Mahe Drysdale) 7’19”08, 3) SWE (Lassi Karonen) 7’21”22, 4) USA (Kenneth Jurkowski) 7’28”91, 5) CAN (Malcolm Howard) 7’29”15, 6) NOR (Olaf Tufte) 7’31”57

Singolo femminile

1) NZL1 (Emma Twigg) 8’03”62, 2) CHN (Xiuyun Zhang) 8’05”57, 3) CZE (Mirka Knapkova) 8’05”76, 4) BLR (Ekaterina Karsten) 8’06”24, 5) SWE (Frida Svensson) 8’12”12, 6) AZE (Nataliya Mustafayeva) 8’28”38

Otto femminile

1) USA (Erin Cafaro, Amanda Polk, Alison Cox, Eleanor Logan, Kara Kohler, Caryn Davies, Jamie Redman, Katherine Glessner, Mary Whipple) 6’28”35, 2) CAN (Janine Hanson, Cristy Nurse, Natalie Mastracci, Rachelle Viinberg, Krista Guloien, Ashley Brzozowicz, Darcy Marquardt, Andreanne Morin, Lesley Thompson - Willie) 6’29”41, 3) NED (Jacobine Veenhoven, Sytske De Groot, Chantal Achterberg, Claudia Belderbos, Roline Repelaer Van Driel, Nienke Kingma, Carline Bouw, Annemiek De Haan, Anne Schellekens) 6’31”73, 4) GBR (Jo Cook, Alison Knowles, Jessica Eddie, Victoria Thornley, Natasha Page, Louisa Reeve, Katie Solesbury, Lindsey Maguire, Caroline O'connor) 6’33”34, 5) ROU (Maria Diana Bursuc, Ionelia Zaharia, Cristina Grigoras, Irina Dorneanu, Adelina Cojocariu, Andreea Boghian, Roxana Cogianu, Eniko Mironcic, Teodora Gidoiu) 6’37”57, 6) GER (Kerstin Hartmann, Anika Kniest, Nadja Drygalla, Katrin Reinert, Kathrin Thiem, Marlene Sinnig, Nadine Schmutzler, Ulrike Sennewald, Laura Schwensen) 6’38”81

Doppio maschile

1) NZL (Nathan Cohen, Joseph Sullivan) 6’29”41, 2) GER1 (Hans Gruhne, Stephan Krueger) 6’30”72, 3) GBR (Matthew Wells, Marcus Bateman) 6’32”07, 4) FRA1 (Cedric Berrest, Julien Bahain) 6’34”00, 5) SLO (Luka Spik, Iztok Cop) 6’37”83, 6) EST (Allar Raja, Kaspar Taimsoo) 6’37”87

Quattro di coppia femminile

1) GER (Julia Richter, Tina Manker, Stephanie Schiller, Britta Oppelt) 6’34”44, 2) GBR (Melanie Wilson, Beth Rodford, Annabel Vernon, Debbie Flood) 6’35”28, 3) NZL (Sarah Gray, Louise Trappitt, Fiona Bourke, Eve Macfarlane) 6’37”59, 4) USA (Stesha Carle, Megan Kalmoe, Esther Lofgren, Natalie Dell) 6’38”81, 5) AUS (Sally Kehoe, Sarah Cook, Brooke Pratley, Amy Ives) 6’43”21, 6) UKR (Tetiana Kolesnikova, Anna Kravchenko, Olena Buryak, Kateryna Tarasenko) 6’53”14,

Quattro di coppia maschile

1) GER (Karl Schulze, Philipp Wende, Lauritz Schoof, Tim Grohmann) 5’47”48, 2) GBR (Tom Solesbury, Stephen Rowbotham, Sam Townsend, Bill Lucas) 5’51”14, 3) AUS (Christopher Morgan, James Mcrae, Karsten Forsterling, Daniel Noonan) 5’51”71, 4) SUI (Jeremy Maillefer, Florian Stofer, Nico Stahlberg, Andre Vonarburg) 5’54”06, 5) CRO (David Sain, Martin Sinkovic, Damir Martin, Valent Sinkovic) 5’54”47, 6) NZL (John Storey, Steven Cottle, Matthew Trott, Robert Manson) 5’56”63

Quattro senza maschile

1) GBR (Matthew Langridge, Richard Egington, Tom James, Alex Gregory) 5’53”84, 2) GRE (Stergios Papachristos, Ioannis Tsilis, Georgios Tziallas, Ioannis Christou) 5’56”35, 3) USA1 (Giuseppe Lanzone, Brett Newlin, Charles Cole, Scott Gault) 5’57”61, 4) GER1 (Urs Kaeufer, Filip Adamski, Toni Seifert, Sebastian Schmidt) 5’57”77, 5) NZL (Carl Meyer, James Dallinger, Chris Harris, Ben Hammond) 6’03”32, 5) SRB (Milos Vasic, Goran Jagar, Miljan Vukovic, Radoje Djeric) 6’03”32

Doppio femminile

1) GBR1 (Anna Watkins, Katherine Grainger) 6’54”34, 2) AUS (Kerry Hore, Kim Crow) 6’55”75, 3) UKR1 (Anastasiia Kozhenkova, Yana Dementieva) 6’58”92, 4) POL (Magdalena Fularczyk, Julia Michalska) 7’03”49, 5) CZE (Lenka Antosova, Jitka Antosova) 7’06”89, 6) NZL (Fiona Paterson, Anna Reymer) 7’09”16

Due senza femminile

1) GBR (Helen Glover, Heather Stanning) 7’00”66, 2) NZL (Juliette Haigh, Rebecca Scown) 7’01”32, 3) USA1 (Caroline Lind, Taylor Ritzel) 7’06”96, 4) USA2 (Zsuzsanna Francia, Meghan Musnicki) 7’12”26, 5) ROU (Camelia Lupascu, Nicoleta Albu) 7’13”27, 6) RSA (Naydene Smith, Lee - Ann Persse) 7’14”37

 

FINALI B
 

Quattro di coppia maschile
La via crucis della barca azzurra termina qui con la peggior prova in assoluto. Servono orgoglio e determinazione, arriva un'altra prestazione desolante per Pierpaolo Frattini, Simone Venier, Matteo Stefanini e Simone Raineri. Non si schiodano dal sesto posto, finiscono la loro gara in 6:07.06 a dieci secondi dall'Estonia (quinta). Occorre un'attenta riflessione per capire cosa non va nella barca per tre quarti vicecampione del mondo che, dal Memorial d'Aloja in avanti, è vertiginosamente peggiorata. ITALIA DODICESIMA

1) RUS (Vladislav Ryabcev, Igor Salov, Nikita Morgachev, Sergey Fedorovtsev) 5’51”09, 2) SLO (Ziga Pirih, Gasper Fistravec, Jan Spik, Matej Rojec) 5’53”10, 3) UKR (Dmytro Mikhai, Volodymyr Pavlovskyi, Kostiantyn Zaitsev, Sergii Gryn) 5’53”17, 4) FRA (Jonathan Coeffic, Pierre-Jean Peltier, Benjamin Chabanet, Matthieu Androdias) 5’54”93, 5) EST (Joosep Laos, Vladimir Latin, Tonu Endrekson, Andrei Jaemsae) 5’57”88, 6) ITA (Pierpaolo Frattini, Simone Venier, Matteo Stefanini, Simone Raineri) 6’07”06

Quattro di coppia femminile
Alessandra Patelli, Gaia Palma, Giada Colombo e Valentina Calabrese si misurano assieme a Polonia e Cina 1. Seconde ai 500 dietro le polacche, vedono passare la cinesi ma poi insistono nell'azione di attacco. Nel finale provano a insidiare le avversarie senza riuscirci e chiudendo in 6:38.50 davanti a Cina 2 e Russia. ITALIA NONA

1) CHN1 (Liang Tian, Yan Jiang, Min Zhang, Weiwei Zhu) 6’33”73, 2) POL (Karolina Gniadek, Sylwia Lewandowska, Agata Gramatyka, Natalia Madaj) 6’37”04, 3) ITA (Alessandra Patelli, Gaia Palma, Giada Colombo, Valentina Calabrese) 6’38”50, 4) CHN2 (Lei Wang, Min Wang, Ting Cao, Yangyang Zhang) 6’41”46, 5) RUS (Inga Dudchenko, Maria Antsiferova, Yulia Chagina, Julia Kalinovskaya) 6’42”81

Doppio Pesi Leggeri femminile
Giulia Pollini ed Erika Bello gareggiano insieme a Stati Uniti 2 per tutta la gara, sempre staccate di un secondo e mezzo. Non riescono a trovare quel cambio di velocità che permetterebbe loro di puntare alle prime due posizioni, così devono accontentarsi in una regata vinta da Nuova Zelanda davanti a Olanda e statunitensi. ITALIA DECIMA

1) NZL (Lucy Strack, Louise Ayling) 7’10”55, 2) NED (Rianne Sigmond, Maaike Head) 7’12”78, 3) USA2 (Abelyn Broughton, Ursula Grobler) 7’13”46, 4) ITA1 (Giulia Pollini, Erika Bello) 7’16”61, 5) FRA (Coralie Simon, Elise Maurin) 7’20”68, GER(Marie-Louise Draeger, Anja Noske) DNS

Quattro senza maschile
L'Italia (Vincenzo Capelli, Francesco Fossi, Mario Paonessa, Andrea Palmisano) prova a riscattare l'opaca semifinale di ieri. L'Australia se ne va in partenza, azzurri in lotta con Olanda e Francia. Sul passo, però, vanno meglio gli avversari. Manca potenza e così ai 1500 la barca italiana è quinta. Solito serrate all'arma bianca per insidiare Francia, Stati Uniti 2 e Olanda ma le posizioni non cambiano. ITALIA UNDICESIMA

1) AUS (Drew Ginn, Samuel Loch, Nicholas Purnell, Joshua Dunkley-Smith) 5’59”77, 2) FRA (Julien Despres, Jean-Baptiste Macquet, Germain Chardin, Dorian Mortelette) 6’01”03, 3) USA2 (David Banks, Samuel Stitt, Ryan Monaghan, Silas Stafford) 6’01”14, 4) NED (Meindert Klem, Ruben Knab, Kaj Hendriks, Jozef Klaassen) 6’02”12, 5) ITA (Vincenzo Capelli, Francesco Fossi, Mario Paonessa, Andrea Palmisano) 6’03”32, 6) ESP (Alexander Sigurbjonsson Benet, Noe Guzman Del Castillo, Marcelino Garcia Cortes, Pau Vela Maggi) 6’06”06

Doppio Maschile
Paolo Perino e Rossano Galtarossa cercano di tenere l'andatura di Norvegia ed Australia ma dopo 500 metri ad alta intensità devono concentrarsi sull'insidia Canada che piazza il sorpasso ai 1000. 1''03 tra le due barche ai 1500, poi Rossano e Paolo mettono a segno l'attacco decisivo per staccare i propri avversari. Buona prova per il nostro doppio. ITALIA NONA

1) AUS1 (David Crawshay, Scott Brennan) 6’15”22, 2) NOR (Nils Jakob Hoff, Kjetil Borch) 6’18”37, 3) ITA2 (Paolo Perino, Rossano Galtarossa) 6’21”98, 4) CAN (Michael Wilkinson, Fraser Berkhout) 6’23”79, 5) USA (William Miller, Glenn Ochal) 6’25”86, 6) RUS1 (Dmitry Khmylnin, Artem Kosov) 6’28”52

Doppio femminile
Laura Schiavone ed Elisabetta Sancassani guadagnano subito una punta di vantaggio sulla Bielorussia ed ai 1000 si presentano con 4''08 sugli Stati Uniti e 6''32 sulla Bielorussia. Il buon ritmo e la forza espressa in acqua consente loro di arrivare ad avere 5''32 sulle seconde classificate prima di andare incontro a un verticale crollo nell'ultima parte del percorso. ITALIA NONA

1) BLR (Tatsiana Kukhta, Yuliya Bichyk) 7’03”19, 2) USA (Sarah Trowbridge, Kathleen Bertko) 7’04”44, 3) ITA1 (Laura Schiavone, Elisabetta Sancassani) 7’08”71, 4) ROU (Mihaela Petrila, Ioana Craciun) 7’09”08, 5) IRL (Lisa Dilleen, Sanita Puspure) 7’10”29, 6) CHN1 7’14”83

Due senza femminile
Claudia Wurzel e Sara Bertolasi non effettuano una partenza di slancio, transitano seste ai 500 e poi superano Canada2. Le azzurre pagano forse la stanchezza della semifinale di ieri, non sono sufficientemente fluide e il distacco da Canada 1, Australia 2 e Cina è troppo elevato (oltre 4 secondi) ai 1500 per sperare in una rimonta. Vince Australia 1, Bertolasi e Wurzel sono lontane 10.84. ITALIA UNDICESIMA

1) AUS1 (Sarah Tait, Phoebe Stanley) 7’14”13, 2) CAN1 (Carolyn Ganes, Larissa Lagzdins) 7’19”29, 3) AUS2 (Kate Hornsey, Pauline Frasca) 7’20”69, 4) CHN (You Wu, Yulan Gao) 7’20”86, 5) ITA (Claudia Wurzel, Sara Bertolasi) 7’24”97, 6) CAN2 (Jane Rumball, Sarah Bonikowsky) 7’27”68,

 

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
    RISULTATI
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.