Effemeridi
 Quando il quarto classificato era invece ... secondo


MILANO, 31 maggio 2011 - Le antiche cronache ricordano, definendolo ameno episodio, quanto accaduto a Como nel 1912 durante la finale del Campionato italiano del singolo senior vinto alla grande da Giuseppe Sinigaglia (nella foto).

“I giudici ed i cronometristi non sono meno in orgasmo del pubblico perché, la lotta sviluppandosi accanitissima, si prevede un arrivo dei più contrastati e difficili. Ecco infatti le svelte imbarcazioni tagliare il traguardo quasi simultaneamente, ma, incredibile a dirsi, gli “ufficiali” non ravvisano nei concorrenti partiti quelli arrivati!

Placatosi un poco il gran vociare per l'emozionante volata, i giudici si guardano negli occhi sbalorditi, anzi esterrefatti a cagione del nuovissimo caso. Il momento è drammatico, per loro, e in attesa di spiegazioni rinunciano a capire qualche cosa pur avendo la coscienza tranquilla per avere preso regolarmente il tempo del primo, che era Sinigaglia, del secondo e del terzo, mentre del quarto che era Enrico Dones, nessuno si è incaricato in mezzo a quel bailamme di grida, di entusiasmo e di arrivi velocissimi.

Il brutto viene però ora. A sentire di essere arrivato solamente quarto, ed a vedere che la folla ed i cinematografisti si interessano di tutti fuorché di lui, Dones dà in escandescenze minacciando fulmini e saette. La confusione è enorme, il quadro diventa persino farsesco. Ma il “casus belli” non tarda a chiarirsi.

Era avvenuto precisamente che due canottieri – certi Barnabò e Ceretti – si erano intrufolati nel campo di regata e non contenti di disturbare i concorrenti lungo il percorso, avevano avuto la geniale idea di proseguire fin oltre la linea del traguardo.

Spiegato l'eroicomico incidente e assegnato il meritato secondo posto a Dones, la giuria si rifece del brutto quarto d'ora passato appioppando una multa di venticinque lire (*) ciascuno ai due troppo entusiasti e invadenti praticanti del canottaggio”.

(*) le venticinque lire di allora potrebbero corrispondere più o meno ai 95 – 100 euro di oggi. E le odierne norme non consentirebbero il verificarsi di un simile episodio, certo possibile allora con le regate spesso accompagnate da imbarcazioni di appassionati, che in questo caso avevano ecceduto intrufolandosi addirittura tra i protagonisti della importante finale.

 
Ferruccio Calegari

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.